PHI Flyers
1
NY Islanders
1
1. tempo
(1-1)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
2
1. tempo
(1-2)
WAS Capitals
1
WIN Jets
2
1. tempo
(1-2)
OTT Senators
0
BUF Sabres
1
1. tempo
(0-1)
NAS Predators
VAN Canucks
02:00
 
DAL Stars
MON Canadiens
02:30
 
discariche-abusive-domande-al-governo
Immagine tratta dalla piattaforma ‘Medium’
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
4 ore

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
4 ore

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
6 ore

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
6 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
6 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
6 ore

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
18.10.2021 - 16:140
Aggiornamento : 16:32

Discariche abusive, domande al governo

Interrogazione in merito a incuria e degrado dell’area. Situazione già denunciata in passato, ma nulla è cambiato

a cura de laRegione

“Ancora discariche abusive nella zona di Riveo, in Vallemaggia?”, è il titolo dell’interrogazione indirizzata al Consiglio di Stato da Daria Lepori del Gruppo socialisti (e cofirmatari). L’atto parlamentare denuncia la situazione di degrado nelle zone di bosco protetto e in una golenale a Riveo (nel territorio del Comune di Cevio) dove “si continua a invadere e inquinare bosco e fiume” depositando “materiale inquinato”, frammentato o integro. La zona, si legge ancora, sarebbe anche usata come spazio di “lavorazione e come area di sosta per mezzi di vario genere”. Fra i materiali di scarto ci sono “asfalto, cemento, metalli vari, scarti di piante invasive, plastiche varie miscelate a materiale di scavo, cavi elettrici”.

Stando a Lepori “il deposito nella zona golenale sembra essere posto volontariamente a confine con il fiume in modo che durante le piene il materiale venga portato via (tra i ciottoli nell’acqua si vedono qua e là resti di ciò che è stato smaltito nella Maggia)”. Una condizione, scrivono, con “conseguenze negative sull’ambiente”, nonché un “mancato rispetto della legge e delle misure di salvaguardia del territorio”.

La situazione purtroppo non è nuova e l’avverbio temporale nel titolo sta lì a indicare che in passato lo stato di degrado dell’area fluviale presentava la stessa problematica. Già lo scorso anno, nel corso dell’estate, “le autorità si erano chinate sulla questione, ricevendo rassicurazioni sull’intenzione di sanare la situazione illegale entro poche settimane”. Ma, come testimoniato sulla piattaforma ‘medium’, “le due discariche abusive non sono state rimosse, anzi continuano a essere usate”.

Tracciate le condizioni e ripercorrendone gli antefatti, gli interroganti chiedono in primo luogo al legislativo cantonale se sia a conoscenza del problema (“anche in relazione alla realizzazione del Piano di quartiere Riveo-Visletto”). Se fosse il caso, se il “Cantone sia intervenuto presso il Comune di Cevio e in che modo? Se no, perché non lo ha fatto/non lo farà?”. Le domande quindi prendono respiro e gli autori chiedono come sia possibile “affrontare al meglio il problema della protezione dei fiumi, caratterizzato dall’accavallamento di competenze cantonali, comunali, patriziati e demaniali?”. Infine, ci si chiede se le sanzioni previste dalla legge siano effettivamente efficaci a combattere questo tipo di abuso e se non sia il caso d’inasprirle.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved