danni-del-maltempo-in-gambarogno-la-fattura-finale-e-salata
30 agosto 2020 (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
2 ore

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
12 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
13 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
13 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
13 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
13 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
14 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
14 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
14 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Locarnese
14.10.2021 - 16:310
Aggiornamento : 16:57

Danni del maltempo in Gambarogno, la fattura finale è salata

In Consiglio comunale un credito di due milioni di franchi e uno da 232mila per il riale a Gerra

Smottamenti di terreno, fiumi e riali straripati. Le precipitazioni del 29 e 30 agosto 2020, con quantità di pioggia che in Gambarogno non si vedevano da 50 anni, hanno causato danni ingenti e ora il Comune si trova a dover saldare la fattura. Sui tavoli del Consiglio comunale, che si riunirà il prossimo 25 ottobre, è approdata una richiesta di credito formulata dal Municipio, che ammonta a circa due milioni di franchi. A questi vanno ad aggiungersi altri lavori, meno urgenti, che al Comune costeranno un ulteriore milione di franchi, e che verranno portati in legislativo a tappe. Cifre enormi che, stando all’esecutivo gambarognese, “testimoniano degli importanti cambiamenti climatici in atto, con eventi meteo sempre più violenti. In futuro bisognerà tener conto di ciò e agire di concerto nella creazione, nell’adattamento e nella manutenzione delle opere di premunizione”.
In totale le zone che hanno subito dei danneggiamenti sono 81; in 17 casi sono state già eseguite opere per la messa in sicurezza, mentre gli interventi completi e definitivi sono ancora in fase di esecuzione o progettazione. In 46 casi i lavori, deliberati con la clausola dell’urgenza e per misure di polizia, sono stati completati. Infine, 18 casi riguardano proprietari privati e altri enti, con i quali il Comune ha condiviso la pianificazione dei primi interventi, “senza tuttavia avere alcuna competenza a livello di delibere o per la copertura finanziaria”; perciò il Consiglio comunale non deve adottare alcuna risoluzione.

L’importanza dei boschi

Dal profilo della prevenzione, da diversi anni il Comune partecipa a un progetto di manutenzione dell’area boschiva compresa tra la zona collinare e la riva del lago, gestito con Cantone, Ffs e Sopracenerina. Oltre a ciò, le Ffs realizzeranno a partire dall’anno prossimo opere di premunizione per circa sette milioni di franchi.

Un accenno alle questioni monetarie: il Comune ha già versato 1,9 milioni dei due previsti nella richiesta di credito. Il Cantone, dal canto suo, ha confermato sussidi per 135 mila franchi mentre le assicurazioni ne verseranno 147mila. I proprietari di residenze secondarie, coinvolti dal Comune tramite uno scritto, in segno di solidarietà con il Gambarogno hanno devoluto quasi 200mila franchi. Sono poi previsti sussidi forestali e per i corsi d’acqua, altri rimborsi assicurativi e aiuti cantonali. Al Consiglio di Stato, infine, è stato chiesto un contributo straordinario per l’eccezionalità dell’evento meteo.

Per il fiume a Gerra alveo da riparare e muri dell’argine da rifare

Tra i progetti che non sono stati risolti con la clausola dell’urgenza e che saranno oggetto di una richiesta di credito specifica al Consiglio comunale, il primo della lista è quello che riguarda la messa in sicurezza, la riparazione dell’alveo e la ricostruzione di un muro d’argine alla foce del fiume, a Gerra. Il costo dell’opera sarà di 232mila franchi. In sostanza, il maltempo ha danneggiato l’arginatura sulla sponda sinistra, che fa da muro di sostegno dei posteggi comunali, e l’alveo in selciato sotto la briglia. Inoltre l’acqua ha spostato i massi delle fondamenta degli argini a valle della cantonale. Senza dimenticare il deposito di svariate centinaia di metri cubi di materiale tra il ponte Ffs e la litoranea e nella zona del ponticello pedonale del bagno spiaggia. Una serie di danni che il Comune intende ora riparare per rimettere il riale in sicurezza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved