ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 min

Chiacchiere al camino in compagnia di Zeno Ramelli

L’incontro con lo storico e giornalista, inserito nelle attività di ‘Natal in Vall’, si terrà giovedì nel Castello Marcacci di Brione Verzasca
Ticino
38 min

Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie

Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
1 ora

Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche

A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
1 ora

Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno

Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
1 ora

Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’

La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
3 ore

Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta

Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
3 ore

Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’

Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
5 ore

Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’

Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
5 ore

Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa

Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
13 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
15 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
16 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
16 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
16 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
laR
 
07.10.2021 - 16:05
Aggiornamento: 17:49

Un hangar provvisorio sostituirà quello distrutto

Aeroporto di Locarno, il governo ha deciso la costruzione di un’aviorimessa che garantirà all’AeLo spazi adeguati in attesa della futura nuova officina

un-hangar-provvisorio-sostituira-quello-distrutto

Sono trascorsi quasi tre mesi da quel 13 luglio nel quale un “down burns” (un vento intenso e forte, indirizzato dall’alto verso il basso, che si sviluppa sotto le nuvole temporalesche) si è portato via, all’Aeroporto cantonale di Locarno, portoni e tetto del vecchio Hangar 1, lasciandone solo lo scheletro in ferro. Fortunatamente senza causare feriti dietro al suo passaggio. Le persone presenti al suo interno erano infatti riuscite a mettersi in fuga, trovando riparo all’interno del vicino edificio.
Senza perdersi d’animo, il capo campo, i responsabili della locale scuola di formazione piloti e dell’officina si erano subito attivati per assicurare l’operatività del piccolo scalo, evitando interruzioni e chiusure che avrebbero comportato, sicuramente, ingenti perdite finanziarie, oltre che infrastrutturali. Ci si è insomma arrangiati facendo capo agli spazi, seppur limitati, di un’aviorimessa sostitutiva nella quale garantire i necessari controlli agli aerei civili della clientela e della scuola di volo, quest’ultima in fase di crescita. In seguito è stata pure montata una tensostruttura nella quale accogliere gli aerei e proteggerli dalle intemperie.

‘Parato il colpo, ma la situazione di lavoro non è certo ottimale’

Valerio Caroni, direttore di AeLo Maintenance SA, società che cura i servizi di manutenzione degli aeromobili, conferma a ‘laRegione’ come le soluzioni provvisorie adottate immediatamente dopo il danno abbiano, in parte, permesso di parare il colpo. Ma aggiunge che, a lungo andare, la situazione sarà difficilmente sostenibile: «Di fatto dopo l’evento di luglio ci siamo arrangiati organizzando la nostra officina nell’hangar 5, che già fungeva da nostra sede d’appoggio. Abbiamo trasferito parte delle attrezzature all’interno di questa aviorimessa dove gli spazi esigui rendono, tuttavia, il lavoro assai difficile – commenta –. La tenda installata dal Cantone dinnanzi al vecchio Hangar 1 distrutto dal maltempo ci consente l’hangaraggio dei velivoli e funge, in parte, anche da deposito di materiale. Gli uffici amministrativi, invece, grazie alla disponibilità della Para Centro SA li abbiamo trasferiti nei loro stabili. Siamo, insomma, confrontati con una situazione di precarietà, con servizi e depositi sparsi un po’ ovunque. Dal punto di vista logistico, non è certo ottimale».
Una precarietà destinata ad aggravarsi, nei prossimi mesi, con l’arrivo della stagione fredda: «La vedo dura per i tecnici lavorare nell’hangar 5 il prossimo inverno, visto che non può essere riscaldato a sufficienza».
Quanto alle possibili perdite finanziarie dovute a un’operatività ridotta? «Mediamente prima dell’evento di luglio curavamo la manutenzione di una decina di velivoli a settimana. Oggi quelli che riusciamo a gestire sono circa la metà. Per fortuna che la nostra clientela ha dato prova di solidarietà e ha capito, da subito, la criticità della situazione. Solo alcuni dei nostri clienti, nei giorni immediatamente successivi al crollo dell’Hangar 1, hanno portato via i loro aerei per farli revisionare altrove. La maggior parte ci ha dato fiducia e prova di sostegno, affidandoci il lavoro. Una cosa che ci ha fatto molto piacere».

Smantellare il vecchio Hangar 1 ed edificarne uno sostitutivo per alcuni anni

Ora anche il Cantone si appresta a fare la sua parte. Il Consiglio di Stato, in effetti, più volte sollecitato, proprio nelle scorse ore ha risposto a due atti parlamentari che chiedevano lumi sulla tempistica e sui danni (superiori al milione di franchi, liquidati dall’assicurazione) subiti dal vecchio Hangar 1, unico a essere di proprietà del Cantone (gli altri sono regolati da una convenzione tra lo Stato e gli inquilini privati). Come ci riferisce Loris Bianchi, capo dei servizi generali e caposezione ad interim della Sezione amministrativa immobiliare (con funzione di “responsabile” per lo scalo locarnese), l’idea alla quale si sta lavorando è quella di smantellare quel che resta della vecchia aviorimessa (praticamente lo scheletro in ferro) e costruire, sulla piattaforma, un hangar provvisorio che possa garantire l’operatività dell’AeLo Maintenance SA per alcuni anni. Tempo durante il quale, ci è stato riferito, Cantone e AeLo SA progetteranno la nuova costruzione. Quest’ultima potrebbe, tra l’altro, anche sorgere altrove, all’interno del perimetro aeroportuale civile e non necessariamente dove si trova ora. Tutte cose che andranno affinate nell’elaborato. Quanto al credito di progettazione votato a suo tempo dal Gran Consiglio, Bianchi fa presente che era frutto di un accordo tra lo Stato e la Ruag Mro, ex inquilina. Il passaggio da quest’ultima all’AeLo, avvenuto ai primi di gennaio del 2020, ha imposto, dunque, dei cambiamenti visto che le esigenze delle due ditte non necessariamente collimavano alla perfezione. Un lavoro di comune accordo, quindi.

Quel che è certo, conclude il nostro interlocutore, è che entro il prossimo inverno l’obiettivo di dotare le aziende che ruotano attorno a questo importante servizio di spazi idonei dovrà essere raggiunto.

Leggi anche:

'Ho visto il portone vibrare e cadere dentro l'hangar'

Hangar distrutto, il Plr chiede: ‘Quando il rifacimento?’

La Ruag vende il sito di Locarno alla locale scuola di volo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved