locarno-l-etnorama-una-cabina-blu-per-viaggiare-nel-tempo
Da lunedì 2 agosto in Largo Franco Zorzi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
7 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
7 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
7 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
8 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
9 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
9 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
9 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
10 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
10 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
11 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
11 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
11 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
04.08.2021 - 21:39

Locarno, l'Etnorama: una cabina blu per viaggiare nel tempo

È un progetto di comunicazione dell'Associazione musei etnografici ticinesi per dare visibilità agli undici enti sparsi su tutto il territorio cantonale

Poco più di quattro secoli di storia ticinese percorsi in una decina di minuti. Un'impresa così pare impossibile persino a Marty McFly. Tuttavia da un paio di giorni vestire i panni degli esploratori che viaggiano nel tempo e nello spazio è alla portata di tutti. In Largo Franco Zorzi a Locarno, fra le rastrelliere per biciclette, lo scorso lunedì pomeriggio è stata installata una cabina blu in cui è davvero difficile non inciampare. Ancora più difficile non esserne incuriositi.

È l'Etnorama. Un progetto di comunicazione in cui sono rappresentati gli undici musei etnografici ticinesi – da Lottigna a Stabio –, realizzato dall'Associazione che li riunisce al fine di veicolare un'immagine aggiornata degli istituti e invogliare le persone a visitarli. L'installazione – che a sua volta diviene esposizione – è stata possibile grazie alla collaborazione del Centro di dialettologia e di etnografia di Bellinzona e dell'Ideatorio dell'Università della Svizzera italiana di Lugano. «L'idea di realizzare un progetto comune è nata nel 2018, quando abbiamo riattivato l'Associazione musei etnografici ticinesi (nata nel 1979)», spiega il capoprogetto Lorenzo Sonognini.

Lunga 4,5 metri, larga 2,5 e alta 3, alla cabina si accede dalla pancia, cioè dalla parte inferiore, dove sono aperti quattro buchi in cui infilarsi. Ci si ritrova così in una stanza parzialmente buia: siamo in un classico archivio. Un proiettore si mette in moto e il viaggio ha inizio con un video che ripercorre il tempo fra il 1592 e il 2021. L'installazione funziona con il meccanismo Infinity Mirror, una configurazione di due o più specchi paralleli o quasi che crea una serie di riflessi multipli. La nostra percezione è quindi quella di trovarci in un luogo molto più ampio del reale dove scorrono davanti ai nostri occhi vari oggetti e strumenti della collezione dello Stato. Un arco per culla, un orsacchiotto in plastica, un Macintosh degli anni Ottanta, un iPhone… tutti oggetti che hanno segnato la quotidianità della nostra società in epoche diverse, divenendone testimoni.

Portare il museo in piazza

Le ragioni dell'iniziativa sono molteplici. Partiamo dal fatto che i musei etnografici cantonali hanno tutti sede in regioni periferiche: «Ciò che volevamo era dare visibilità a tutta la rete e far capire che i musei non sono più quei luoghi polverosi e noiosi di un tempo; ma spazi di curiosità che sanno sorprendere anche grazie a esposizioni multimediali e interattive, partecipative», spiega Sonognini. Etnorama diventa quindi ambasciatore degli enti per rilanciare la loro immagine: «Non potendo spostare il museo, abbiamo spostato un pezzo del concetto museale portandolo fra le persone. Incuriosendole, speriamo di attirarle e invitarle a visitare queste realtà che stanno mutando, crescendo ed evolvendo». Sì perché come racconta il capoprogetto, gli enti con il loro lavoro stanno ammodernando il concetto museale stesso, diventando sempre più partecipativi e coinvolgenti, anche con l'uso di mezzi tecnologici, laddove opportuno. L'obiettivo è altresì quello di far capire che «un museo è come una capsula del tempo e che non ha solo un compito espositivo, ma anche di ricerca, esposizione e coinvolgimento attraverso la mediazione culturale», sottolinea Sonognini.

La prima tappa è stata a Bellinzona, di fronte alla Scuola cantonale di commercio. A Locarno rimarrà fino al 16 di agosto, poi verosimilmente approderà a Faido. In futuro, l'auspicio, è poter portare l'installazione nel resto della Svizzera e poi in Italia.

Pagina Facebook Musei etnografici ticinesi e pagina web www.rete-etnografica.ch.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
etnorama locarno musei etnografici
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved