locarno-film-festival-l-impronta-ecologica-del-pardo
Si lavora per ridurre l'impatto ambientale del Festival e aumentare quello economico-sociale e culturale (foto archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
13 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
14 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
20 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
22 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
1 gior

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
1 gior

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
1 gior

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
1 gior

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
1 gior

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
1 gior

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
Mendrisiotto
1 gior

Mendrisio al lavoro per ridurre l’edificabilità

Sui Piani regolatori il Municipio intende giocare d’anticipo. Con l’obiettivo di tutelare i comparti sensibili
Ticino
1 gior

Insieme a luglio arrivano i radar

La polizia comunica in quali località verranno effettuati settimana prossima i controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
Luganese
1 gior

Plan B Lugano, il governo: ‘Rischio ridotto di riciclaggio’

Rispondendo a un’interrogazione, il Consiglio di Stato smorza le preoccupazioni in virtù della natura locale delle transazioni in criptovalute
laR
 
29.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:18

Locarno Film Festival, l’impronta ecologica del Pardo

Bando della plastica monouso e promozione della mobilità lenta sono solo due delle pratiche virtuose dell'impegno nei confronti della sostenibilità ambientale

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Annualmente accogliamo a Locarno – una città relativamente piccola – un pubblico nazionale e internazionale numericamente importante e ciò comporta l’allestimento di strutture temporanee che hanno un impatto sull’ambiente», premette Fabienne Merlet, Responsabile marketing ed Eco Manager del Locarno Film Festival, la cui 74esima edizione è oramai alle porte (4-14 agosto). Da qui, spiega ancora, nasce l’impegno della rassegna nei confronti dell’ambiente organizzato su più fronti: dalla questione rifiuti alla mobilità lenta, al bando della plastica monouso alla sensibilizzazione del pubblico, facendo leva sul proprio potenziale di catalizzatore per promuovere pratiche virtuose e ridurre l’impronta ecologica del Pardo.

L'impegno nei confronti dell'ambiente è stato anche tematizzato nel primo rapporto di sostenibilità della manifestazione cinematografica, presentato lo scorso aprile e disponibile sul sito www.locarnofestival.ch (cfr. laRegione, 16 aprile 2021, p. 21). In generale, il bilancio mette sotto la lente la performance di un’azienda approcciandola a tuttotondo, vale a dire che non ci si limita alla sola questione economica, bensì si considerano anche gli aspetti sociali e ambientali, essendo gli elementi parte di un unico organismo. «La nostra attenzione va dall’impatto economico a quello culturale, fino a quello identitario, dove un’intera regione può identificarsi nella rassegna, che diventa elemento di sviluppo della regione in ambiti diversi», definisce il direttore operativo Raphaël Brunschwig.

L’obiettivo è scattare una radiografia e tracciare gli obiettivi da raggiungere in futuro. Naturalmente, il presupposto imprescindibile è la consapevolezza di essere una manifestazione che ha un influsso multiforme (positivo e negativo) sul territorio e, seppur non scontato, ciò che fa la differenza sono la sensibilità e la volontà di generare processi positivi.

Emissioni di anidride carbonica

Da una decina di anni, la rassegna è un “Climate Neutral Event”, cioè è un evento climaticamente neutro. La certificazione è data dall’organizzazione svizzera senza scopo di lucro myclimate, attiva nella sostenibilità ambientale e tutela del clima. Tuttavia «essere in assoluto un evento a emissioni zero non è realistico da concretizzare a breve termine. Agiamo quindi nell’immediato laddove è possibile», afferma il direttore operativo. «L’anidride carbonica prodotta dal Pardo viene compensata con il finanziamento di progetti myclimate che hanno come obiettivo la sostenibilità», chiarisce Merlet. Compilando delle tabelle secondo gli standard stabiliti dall’organizzazione ambientale «viene calcolato un valore che poi va compensato col finanziamento di iniziative che portano un valore equivalente in termini di riduzione delle emissioni», aggiunge Brunschwig. Fra i progetti sostenuti in questo modo dal Festival citiamo quale esempio l’installazione di digestori domestici per biogas in tutta l’Indonesia, Paese in cui il Festival è già attivo attraverso una piattaforma di coproduzione cinematografica nell’ambito di Open Doors.

Rifiuti? ‘Fa' la cosa giusta’

Da anni gli organizzatori lavorano su riduzione, corretta differenziazione e smaltimento dei rifiuti, mirando il più possibile al riciclo e alla riutilizzazione. L’impegno è portato avanti grazie alla collaborazione con l’industria per lo smaltimento e si concretizza ad esempio con le isole ecologiche sparse su tutto il territorio. Queste strutture sono anche strumento di sensibilizzazione, «con il nostro partner Ibsa Institute quest’anno abbiamo investito sul loro allestimento dando un tocco cinefilo. Anticipo solo che Spike Lee ci direbbe “Do the Right Thing”», suggerisce Merlet. «In merito a ciò verrà anche lanciata una campagna sui social media per permettere al pubblico di essere attento al corretto smaltimento dei rifiuti durante il Festival», racconta ancora.

L’esempio virtuoso comunque lo offre la Rotonda del Festival, che sarà inaugurata venerdì. «Lo spazio traduce bene tutto il nostro impegno verso l’ambiente», dice Merlet; partendo dall’offerta enogastronomica con prodotti locali e possibilmente di stagione della mezza dozzina di food truck. L’offerta mangereccia improntata ai prodotti il più possibile a chilometro zero è una prerogativa di tutti gli spazi gestiti dal Festival, così come i suoi ricevimenti. Rivenditori e catering inoltre si impegnano a garantire i requisiti che l’organizzazione richiede, fra questi il bando della plastica monouso (una misura adottata nel 2019), sostituita da bicchieri in vetro con deposito e stoviglie riutilizzabili. E se con il Covid-19 la preoccupazione sono le norme igieniche, gli interlocutori rassicurano che da sempre «lavoriamo ottemperando agli standard di legge».

Come muoversi? Meglio lentamente

Chi ci vive lo sa, Locarno – soprattutto il centro – non è una città da girarsi in automobile, vuoi per la questione parcheggi, vuoi per il calibro delle strade che si intasano spesso e volentieri. Oltre ai disagi, il traffico privato non costituisce di sicuro un esempio positivo di attenzione alla questione climatica. Durante la decina di giorni della rassegna, confluisce nel comune un gran numero di persone che ha la necessità di spostarsi nel territorio del Pardo. Anche su questo fronte l’organizzazione favorisce alcune misure finalizzate alla promozione della mobilità lenta e consapevole e al rispetto degli equilibri della città che lo ospita. Ad esempio, un’informazione completa su tutti i mezzi di trasporto pubblico disponibili.

In più, con una serie di collaborazioni si cerca di incentivare gli spostamenti sostenibili: con l’Ffs sono proposte delle offerte combinate; AutoPostale svolge come sempre il servizio di navetta gratuita rivolta agli ospiti accreditati per spostarsi all’interno del circuito e poi ancora il Park&Ride, che permette di lasciare il proprio veicolo e spostarsi in città con mezzi offerti, come le cento biciclette elettriche messe a disposizione agli accreditati da Flyer Biketec, oppure le venti bici disponibili grazie alla collaborazione con il Dipartimento del territorio e l’iniziativa indipendente Sos Ticino - Soccorso operaio svizzero, Ticino.

‘Sismografo della società’

Il buon esempio passa anche dai film. Basti ricordare il doppio premio (finanziato dal Dipartimento del territorio) assegnato da una giuria indipendente nell'ambito di Cinema&Gioventù ai lungometraggi che trattano questioni ambientali. «L'elemento imprescindibile per il Locarno Film Festival – tiene a puntualizzare comunque il direttore operativo – è la salvaguardia dell'assoluta indipendenza della direzione artistica nella scelta dei contenuti. Tuttavia, come dice spesso Marco Solari (presidente del Pardo; ndr), “i festival cinematografici sono un sismografo della società” ed è quindi inevitabile che oggi un tema come quello ambientale si riversi nella manifestazione, ma mai come scelta programmatica dei contenuti», chiosa.

Leggi anche:

La sostenibile crescita del Locarno film festival

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
impronta ecologica locarno film festival sostenibilità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved