hangar-distrutto-il-plr-chiede-quando-il-rifacimento
Parti della struttura sono crollate sugli aerei (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 min

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
56 min

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
1 ora

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
1 ora

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
1 ora

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
3 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
3 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
3 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
5 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
Luganese
5 ore

Cerimonia per la maggiore età a Vernate e Neggio

Presenti oltre i neo diciottenni anche le autorità dei due comuni malcantonesi
Locarnese
6 ore

Società bocciofila Brissago in assemblea

Soci convocati venerdì prossimo, dalle 20, al bocciodromo comunale
Bellinzonese
6 ore

Due nuovi defibrillatori automatici esterni a Biasca

Gli apparecchi sono stati posati in prossimità dell’entrata della Scuola dell’infanzia Nord e dell’entrata sud-ovest del Palazzo scolastico
Ticino
6 ore

A2-A13: il governo è soddisfatto per le scelte di Berna

Il Consiglio di Stato si rallegra per le decisione del Consiglio federale d’includere i progetti A2-A13 e PoLuMe nel Programma di sviluppo delle strade
Bellinzonese
7 ore

Chiesta l’introduzione dei City Angels anche a Bellinzona

In una mozione Manuel Donati e Tuto Rossi del gruppo Lega/Udc ritengono che possano essere di supporto alla polizia comunale e agli ‘educatori di strada’
15.07.2021 - 18:320
Aggiornamento : 19:00

Hangar distrutto, il Plr chiede: ‘Quando il rifacimento?’

Sfilza di domande dei liberali al governo sull'aeroporto di Locarno e sui danni provocati martedì da una tromba d'aria

a cura de laRegione

“Hangar 1 dell’aeroporto cantonale di Locarno: quando si darà seguito a un rifacimento più che necessario così come deciso dal Gran consiglio del febbraio 2018?”.

Dopo l'Udc, anche il gruppo Plr in Gran consiglio torna sulla questione, con un'interrogazione al governo, firmata da Roberta Passardi. Martedì scorso una tromba d'aria ha danneggiato la vetusta costruzione; i detriti, a loro volta, sono precipitati su alcuni velivoli posteggiati nel capannone, rovinandoli seriamente.

Il Plr, nella sua interrogazione, ricorda la storia dello stabile e dello scalo Locarnese: “Negli anni trenta il Consiglio di Stato dette il primo decisivo impulso allo sviluppo degli aeroporti ticinesi abbandonando la sua intenzione di costruire l’aeroporto cantonale alle porte di Giubiasco a favore dell’iniziativa dei Comuni del Locarnese di realizzare un aeroporto alla foce del fiume Ticino. Il primo edificio di questo progetto fu l’hangar 1 e l’attuale ristorante, allora adibito ad appartamento del primo direttore, l’ingegnere Italo Marazza. Grazie a questa prima infrastruttura base nel giugno 1939 iniziarono le attività di volo civili, poi allargate nel 1940 a quelle militari. A inizio 1940 la Swissair aprì i primi regolari collegamenti di linea del Ticino con Roma e Barcellona. Nel 1955 il Gran consiglio decise di acquistare l’aeroporto e di realizzare, con la Confederazione per le necessità delle Forze aeree, l’aeroporto cantonale. Le successive alterne vicende hanno portato Locarno all’attuale situazione, dove si deve rilevare che è il terzo aeroporto svizzero per volume di traffico aereo, se non si considerano gli aeroporti con traffico di linea. L’hangar 1, al quale si sono aggiunte una serie di edificazioni private (Rega, Eliticino SA e altri), è sempre stato al centro dello sviluppo dell’aeroporto. Negli anni settanta vi è stato il primo aggiornamento delle infrastrutture aeroportuali caratterizzato dalla prima pista pavimentata a nord, dalla torre di controllo e da alcune aviorimesse civili, tra cui la sede del volo a vela sul lato sud. Il secondo aggiornamento, iniziato nel 2000, ha visto il completo rifacimento delle infrastrutture della Confederazione (circa 150 milioni di franchi), la nuova base Rega Ticino e due aviorimesse civili. Il Cantone ha partecipato con l’acquisizione dalla Confederazione della strada di accesso, finanziata in gran parte dalla Base aerea, la pianificazione e la progettazione del mini-allungamento della pista principale e la progettazione del rifacimento dell’hangar 1, che era (cioè è!) fatiscente”.

Più recentemente: “Il Consiglio di Stato nell’autunno 2017 ha chiesto al Gran consiglio un credito di 500mila franchi per la progettazione del rifacimento dell’hangar 1 e di 700mila franchi per il contributo alla realizzazione di una nuova centrale energetica a legna della Base aerea di Locarno. Il Gran consiglio ha approvato il credito, senza nessun voto contrario, nel febbraio 2018. L’evento del 13 luglio è solo un episodio che entrerà a far parte, purtroppo, della storia dell’aeroporto da sempre cantonale per decisioni di Governo e Parlamento dagli anni trenta fino a oggi. A quanto ci consta vi è una perizia Sciarini che già da tempo segnalava le necessità di manutenzione”.

Infine le domande: “Quanto è costato l’hangar 1 al Cantone quando ha acquistato l’aeroporto civile nel 1955? Quanto ha successivamente investito nella sua manutenzione fino ad oggi? Quali considerazioni possono essere fatte circa gli aspetti contrattuali in essere? Quanto è stato percepito dal 1955 ad oggi come locazione dalle varie aziende private? Una nuova società privata “Aero Locarno Maintenance SA” ha ripreso le attività di manutenzione su aeromobili di vario tipo fino a quel momento fatte dalla RUAG. Il numero dei movimenti aerei a Locarno è in continuo aumento, anche nel 2020. È giusto pensare che il futuro investimento del Cantone (che potrebbe durare ottant’anni come l’attuale vetusto hangar 1) sarà coperto dagli utilizzatori? Perché e quali servizi cantonali non hanno dato seguito alla decisione del Gran consiglio del febbraio 2018 e perché non è iniziata la progettazione del rifacimento? La necessità di risanamento immediato della costruzione del 1938 e i costi provocati dall’evento recente sono stati previsti nella decisione di non dar immediato seguito alla decisione del Gran consiglio del 2018? La mancata e tempestiva manutenzione ha aggravato l’effetto della tromba d’aria? Il ministero pubblico ha aperto un’inchiesta? Oltre ai danni materiali vi è stata la messa in pericolo di persone? Il contributo cantonale alla nuova centrale a legno della Confederazione è stato versato? Il Consiglio di Stato intende dar seguito al progetto di ricostruzione dell’hangar 1 del 1938? La copertura assicurativa del Cantone coprirà i danni di terzi in caso di manutenzione non conforme?”

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved