ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 min

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo cittadino incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
2 min

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
2 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
2 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
2 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
3 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
3 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
4 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
5 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
5 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
6 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
6 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
6 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
6 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
15.07.2021 - 18:32
Aggiornamento: 19:00

Hangar distrutto, il Plr chiede: ‘Quando il rifacimento?’

Sfilza di domande dei liberali al governo sull'aeroporto di Locarno e sui danni provocati martedì da una tromba d'aria

hangar-distrutto-il-plr-chiede-quando-il-rifacimento
Parti della struttura sono crollate sugli aerei (Ti-Press)

“Hangar 1 dell’aeroporto cantonale di Locarno: quando si darà seguito a un rifacimento più che necessario così come deciso dal Gran consiglio del febbraio 2018?”.

Dopo l'Udc, anche il gruppo Plr in Gran consiglio torna sulla questione, con un'interrogazione al governo, firmata da Roberta Passardi. Martedì scorso una tromba d'aria ha danneggiato la vetusta costruzione; i detriti, a loro volta, sono precipitati su alcuni velivoli posteggiati nel capannone, rovinandoli seriamente.

Il Plr, nella sua interrogazione, ricorda la storia dello stabile e dello scalo Locarnese: “Negli anni trenta il Consiglio di Stato dette il primo decisivo impulso allo sviluppo degli aeroporti ticinesi abbandonando la sua intenzione di costruire l’aeroporto cantonale alle porte di Giubiasco a favore dell’iniziativa dei Comuni del Locarnese di realizzare un aeroporto alla foce del fiume Ticino. Il primo edificio di questo progetto fu l’hangar 1 e l’attuale ristorante, allora adibito ad appartamento del primo direttore, l’ingegnere Italo Marazza. Grazie a questa prima infrastruttura base nel giugno 1939 iniziarono le attività di volo civili, poi allargate nel 1940 a quelle militari. A inizio 1940 la Swissair aprì i primi regolari collegamenti di linea del Ticino con Roma e Barcellona. Nel 1955 il Gran consiglio decise di acquistare l’aeroporto e di realizzare, con la Confederazione per le necessità delle Forze aeree, l’aeroporto cantonale. Le successive alterne vicende hanno portato Locarno all’attuale situazione, dove si deve rilevare che è il terzo aeroporto svizzero per volume di traffico aereo, se non si considerano gli aeroporti con traffico di linea. L’hangar 1, al quale si sono aggiunte una serie di edificazioni private (Rega, Eliticino SA e altri), è sempre stato al centro dello sviluppo dell’aeroporto. Negli anni settanta vi è stato il primo aggiornamento delle infrastrutture aeroportuali caratterizzato dalla prima pista pavimentata a nord, dalla torre di controllo e da alcune aviorimesse civili, tra cui la sede del volo a vela sul lato sud. Il secondo aggiornamento, iniziato nel 2000, ha visto il completo rifacimento delle infrastrutture della Confederazione (circa 150 milioni di franchi), la nuova base Rega Ticino e due aviorimesse civili. Il Cantone ha partecipato con l’acquisizione dalla Confederazione della strada di accesso, finanziata in gran parte dalla Base aerea, la pianificazione e la progettazione del mini-allungamento della pista principale e la progettazione del rifacimento dell’hangar 1, che era (cioè è!) fatiscente”.

Più recentemente: “Il Consiglio di Stato nell’autunno 2017 ha chiesto al Gran consiglio un credito di 500mila franchi per la progettazione del rifacimento dell’hangar 1 e di 700mila franchi per il contributo alla realizzazione di una nuova centrale energetica a legna della Base aerea di Locarno. Il Gran consiglio ha approvato il credito, senza nessun voto contrario, nel febbraio 2018. L’evento del 13 luglio è solo un episodio che entrerà a far parte, purtroppo, della storia dell’aeroporto da sempre cantonale per decisioni di Governo e Parlamento dagli anni trenta fino a oggi. A quanto ci consta vi è una perizia Sciarini che già da tempo segnalava le necessità di manutenzione”.

Infine le domande: “Quanto è costato l’hangar 1 al Cantone quando ha acquistato l’aeroporto civile nel 1955? Quanto ha successivamente investito nella sua manutenzione fino ad oggi? Quali considerazioni possono essere fatte circa gli aspetti contrattuali in essere? Quanto è stato percepito dal 1955 ad oggi come locazione dalle varie aziende private? Una nuova società privata “Aero Locarno Maintenance SA” ha ripreso le attività di manutenzione su aeromobili di vario tipo fino a quel momento fatte dalla RUAG. Il numero dei movimenti aerei a Locarno è in continuo aumento, anche nel 2020. È giusto pensare che il futuro investimento del Cantone (che potrebbe durare ottant’anni come l’attuale vetusto hangar 1) sarà coperto dagli utilizzatori? Perché e quali servizi cantonali non hanno dato seguito alla decisione del Gran consiglio del febbraio 2018 e perché non è iniziata la progettazione del rifacimento? La necessità di risanamento immediato della costruzione del 1938 e i costi provocati dall’evento recente sono stati previsti nella decisione di non dar immediato seguito alla decisione del Gran consiglio del 2018? La mancata e tempestiva manutenzione ha aggravato l’effetto della tromba d’aria? Il ministero pubblico ha aperto un’inchiesta? Oltre ai danni materiali vi è stata la messa in pericolo di persone? Il contributo cantonale alla nuova centrale a legno della Confederazione è stato versato? Il Consiglio di Stato intende dar seguito al progetto di ricostruzione dell’hangar 1 del 1938? La copertura assicurativa del Cantone coprirà i danni di terzi in caso di manutenzione non conforme?”

Leggi anche:

Hangar dell'aeroporto devastato, chi paga i danni?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved