ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
4 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
4 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
4 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
4 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
4 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
5 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
6 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
6 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
7 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
7 ore

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
7 ore

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
7 ore

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
03.07.2021 - 10:03

‘La violenza senza maschera’, un corto per sensibilizzare

Sta per venire alla luce un’opera basata sulla vicenda di Damiano Tamagni che 13 anni fa sconvolse il Ticino. Girerà i festival e le scuole

la-violenza-senza-maschera-un-corto-per-sensibilizzare
(Foto Ti-Press)

È una mattina di inizio febbraio quando Damiano, studente di sociologia e letteratura italiana all’Università di Zurigo, prende il treno in direzione del Ticino per trascorrere qualche giorno di vacanza con i suoi familiari e amici. Nessuno può immaginarlo, ma quelle successive saranno le sue ultime ore di vita. La tragedia si consuma in pochi istanti la sera, nelle vie della città di Locarno in festa per il Carnevale. Tre ragazzi sconosciuti gli si avvicinano e con un pretesto lo picchiato furiosamente lasciandolo riverso sul marciapiede senza sensi. Trasportato all’ospedale, le sue condizioni appaiono subito gravissime. Nel frattempo i genitori sono svegliati da una telefonata che li avvisa di quanto accaduto, mentre i tre giovani che si erano dati alla fuga vengono rintracciati e arrestati. Alcune ore dopo Damiano muore lasciando un’intera comunità nel dolore e nello sconcerto. Sono pochi i dettagli di fantasia inseriti nel cortometraggio di fiction in fase di realizzazione che il regista ticinese Marco Bitonti ha deciso di basare sulla vicenda di Damiano Tamagni che nel 2008 ha profondamente scosso tutto il cantone. 

Affinché non si ripeta

«L’idea è nata cinque anni fa quando avevo appena terminato le riprese del mio primo film, ‘Take Control’, incentrato sul cyberbullismo e il sexting – racconta Bitonti –. Mentre facevo delle ricerche per trovare un nuovo soggetto da realizzare, orientato sempre verso un tema che avesse una valenza sociale, un giorno mi sono imbattuto in un articolo di giornale che riprendeva la storia di Damiano. Allora ho deciso di contattare suo papà e proporgli di realizzare un’opera audiovisiva su quanto avvenuto». Maurizio Tamagni, che l’anno successivo alla morte del figlio ha istituito una Fondazione per la prevenzione della violenza giovanile e l’aiuto alle famiglie coinvolte, ha subito accolto con favore il progetto. «Abbiamo iniziato una stretta collaborazione che ci ha portati a scrivere e lavorare insieme su quest'opera – spiega il regista –. Fin dall’inizio Maurizio si è messo a disposizione per darci tutto l'appoggio possibile e lo sta continuando a fare». Benché il film non sia realizzato per conto della Fondazione, l’appoggio di quest’ultima è totale: «L’obiettivo che perseguiamo è lo stesso, ovvero sensibilizzare sul problema della violenza e scongiurare che simili episodi si ripetano». 

Un tema universale

Il cortometraggio segue Damiano nel suo ultimo giorno di vita e in parallelo le traiettorie dei tre giovani che lo hanno ucciso. Il titolo “La violenza senza maschera” fa riferimento a come la festa per antonomasia del divertimento e dell’allegria quale è il Carnevale sia stata stravolta nella sua essenza da un atto di brutalità perpetrato senza vergogna. Quanto alla realizzazione, «l’aspetto più difficile è stato la scrittura del film perché volevamo riuscire a raccontare questa storia senza però ancorarla troppo alla realtà locale. Ci interessava darle una valenza che travalicasse i confini così che potesse parlare in modo universale a un pubblico di tutte le latitudini». 

Verso le nuove generazioni

Il cortometraggio da una parte è stato pensato per avere una vita festivaliera internazionale, mentre d’altra l’intenzione è di farlo girare anche nelle scuole. «Abbiamo già ricevuto l’appoggio da parte di Skppsc - Prevenzione svizzera della criminalità, un ente che si occupa della violenza a livello nazionale. Ha dato il proprio appoggio al progetto a livello morale dicendosi disposto a distribuire il film nelle scuole tramite le Polizie cantonali con le quali collabora. Anche Pro Juventute ha aderito a livello di patrocinio, pure lei senza stanziare contributi finanziari diretti ma mettendosi a disposizione nell’ottica di sensibilizzare i giovani. E lo stesso hanno fatto tutti i Carnevali sotto il cappello di Carnevali in sicurezza». 

Appello a contribuire

Al momento attuale la sceneggiatura è stata portata a termine e gli attori sono stati scelti. «Siamo pronti a iniziare le riprese nel periodo di fine ottobre, inizio novembre. Nel frattempo siamo alla ricerca di finanziamenti sia privati che pubblici». A tale scopo è stata recentemente avviata una raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding progettiamo.ch. Finora, grazie a 25 finanziatori, sono stati racimolati 3’560 franchi, poco più di un decimo dell’obiettivo fissato che ammonta a 28mila franchi. «Non sapendo quanti soldi riusciremo a raccogliere tramite gli enti pubblici abbiamo deciso di farci conoscere grazie alle possibilità offerte da questo sito, lanciando un appello alla popolazione affinché ci dia una mano a realizzare quest’opera a cui teniamo molto».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved