ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
58 min

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
2 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
6 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
10 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
10 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
10 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
18 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
19 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
25.05.2021 - 11:24
Aggiornamento: 15:00

Locarno, ‘autosilo Balli anacronistico’: l’Ata fa ricorso

L'Associazione traffico e ambiente giudica controproducente il progetto previsto in città vecchia e vi si oppone. Non è l’unica

locarno-autosilo-balli-anacronistico-l-ata-fa-ricorso
Foto Ti-Press

“La città vecchia di Locarno non necessita di ulteriori posteggi”. È con questa motivazione che l’Associazione traffico ambiente (Ata), Sezione della Svizzera italiana, ha deciso di presentare ricorso contro la Variante al Piano regolatore particolareggiato del centro storico “Parco pubblico e autorimessa - Parco Balli” adottata dal Consiglio comunale di Locarno il 25 novembre 2019. Ricorso che si limita all’intenzione di insediare un nuovo autosilo di 100 posti nella parcella Parco Balli.

Servizio di trasporto pubblico efficiente

In primo luogo, secondo i ricorrenti, il centro storico dispone sia di diversi servizi di trasporto pubblico efficienti, sia di fermate (in particolare quelle di Via Borghese, Cinque Vie e Piazza Castello) che lo rendono ben servito grazie a ottimi e frequenti collegamenti. “Lo sforzo fatto da Confederazione, Cantone e Comuni per potenziare il trasporto pubblico nel cantone tramite la messa in esercizio della Galleria di base del Monte Ceneri, ma anche nel potenziare il trasporto su gomma nel Locarnese, viene completamente ignorato nell’intenzione della Città di pianificare un controproducente ed anacronistico autosilo da 100 posti nel centro storico della città di Locarno”, si legge nella missiva indirizzata al Consiglio di Stato a firma del presidente dell’Ata Bruno Storni e della segretaria dell’associazione Veronica Soldati.

Ci sono già abbastanza posteggi

Inoltre, a loro avviso, "i tre posteggi pubblici – Piazza Castello a sud, San Antonio a Ovest e Largo Zorzi a Est – si trovano in un raggio di meno di 500 metri dalla parcella 4848 (dove si vorrebbe costruire l'autosilo, ndr) e coprono benissimo le varie zone del centro storico. Si tratta di posteggi che già oggi sono raramente esauriti e offrono sufficienti capacità per chi vuol accedere al centro storico".

I ricorrenti invitano poi a guardare al futuro con ottimistica lungimiranza: "Grazie all’offerta di trasporto pubblico fortemente migliorata con il nuovo orario del dicembre 2020, così come la mobilità ciclabile che vedrà un forte sviluppo sia per le nuove piste ciclabili e l’avvento delle biciclette elettriche contribuiranno alla decrescita del traffico individuale motorizzato. Aumentare i posteggi nel centro storico non è dunque per niente necessario, anzi è prevedibile una diminuzione della richiesta come già avvenuto in molte città d’oltralpe". 

Attrattore di traffico

Trattandosi della pianificazione superiore del traffico – concludono i firmatari – "non si capisce come il Comune possa inventare un tale contrastante intervento, che attirerebbe traffico motorizzato in centro a scapito delle altre forme di mobilità più adeguate al contesto".

Quella dell'Ata non è l'unica opposizione alla variante di Pr. Stando a quanto anticipato del 'Corriere del Ticino' negli scorsi giorni sono sei i ricorsi giunti sul tavolo del Consiglio di Stato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved