locarno-autosilo-balli-anacronistico-l-ata-fa-ricorso
Foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
6 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
6 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
7 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
7 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
7 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
7 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
10 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Locarnese
25.05.2021 - 11:240
Aggiornamento : 15:00

Locarno, ‘autosilo Balli anacronistico’: l’Ata fa ricorso

L'Associazione traffico e ambiente giudica controproducente il progetto previsto in città vecchia e vi si oppone. Non è l’unica

a cura de laRegione

“La città vecchia di Locarno non necessita di ulteriori posteggi”. È con questa motivazione che l’Associazione traffico ambiente (Ata), Sezione della Svizzera italiana, ha deciso di presentare ricorso contro la Variante al Piano regolatore particolareggiato del centro storico “Parco pubblico e autorimessa - Parco Balli” adottata dal Consiglio comunale di Locarno il 25 novembre 2019. Ricorso che si limita all’intenzione di insediare un nuovo autosilo di 100 posti nella parcella Parco Balli.

Servizio di trasporto pubblico efficiente

In primo luogo, secondo i ricorrenti, il centro storico dispone sia di diversi servizi di trasporto pubblico efficienti, sia di fermate (in particolare quelle di Via Borghese, Cinque Vie e Piazza Castello) che lo rendono ben servito grazie a ottimi e frequenti collegamenti. “Lo sforzo fatto da Confederazione, Cantone e Comuni per potenziare il trasporto pubblico nel cantone tramite la messa in esercizio della Galleria di base del Monte Ceneri, ma anche nel potenziare il trasporto su gomma nel Locarnese, viene completamente ignorato nell’intenzione della Città di pianificare un controproducente ed anacronistico autosilo da 100 posti nel centro storico della città di Locarno”, si legge nella missiva indirizzata al Consiglio di Stato a firma del presidente dell’Ata Bruno Storni e della segretaria dell’associazione Veronica Soldati.

Ci sono già abbastanza posteggi

Inoltre, a loro avviso, "i tre posteggi pubblici – Piazza Castello a sud, San Antonio a Ovest e Largo Zorzi a Est – si trovano in un raggio di meno di 500 metri dalla parcella 4848 (dove si vorrebbe costruire l'autosilo, ndr) e coprono benissimo le varie zone del centro storico. Si tratta di posteggi che già oggi sono raramente esauriti e offrono sufficienti capacità per chi vuol accedere al centro storico".

I ricorrenti invitano poi a guardare al futuro con ottimistica lungimiranza: "Grazie all’offerta di trasporto pubblico fortemente migliorata con il nuovo orario del dicembre 2020, così come la mobilità ciclabile che vedrà un forte sviluppo sia per le nuove piste ciclabili e l’avvento delle biciclette elettriche contribuiranno alla decrescita del traffico individuale motorizzato. Aumentare i posteggi nel centro storico non è dunque per niente necessario, anzi è prevedibile una diminuzione della richiesta come già avvenuto in molte città d’oltralpe". 

Attrattore di traffico

Trattandosi della pianificazione superiore del traffico – concludono i firmatari – "non si capisce come il Comune possa inventare un tale contrastante intervento, che attirerebbe traffico motorizzato in centro a scapito delle altre forme di mobilità più adeguate al contesto".

Quella dell'Ata non è l'unica opposizione alla variante di Pr. Stando a quanto anticipato del 'Corriere del Ticino' negli scorsi giorni sono sei i ricorsi giunti sul tavolo del Consiglio di Stato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved