premio-europeo-al-museo-di-bosco-e-merito-della-comunita
(Foto archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 min

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
5 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
5 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
10 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
10 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
11 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
11 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
11 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
19 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
19 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
19 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
19 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
19 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
laR
 
14.05.2021 - 20:06

Premio europeo al Museo di Bosco: ‘È merito della comunità’

Forte di un tributo alla propria capacità di coinvolgere ed evolversi, la consolidata istituzione a difesa della cultura Walser guarda al futuro

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un riconoscimento non solo ai contenuti e alla loro presentazione, ma anche al modo di crearli grazie al coinvolgimento attivo dell’intera comunità. È quanto attesta il prestigioso premio europeo Meyvaert per l'impegno nella sostenibilità sociale, economica e ambientale conferito la scorsa settimana al Museo Walserhaus di Bosco Gurin nell’ambito del concorso Emya. 

La notizia, oltre all’orgoglio, ha destato grande sorpresa nella realtà vallerana: «Come museo così piccolo non credevamo di poter competere a simili livelli – confessa la curatrice Cristina Lessmann - Della Pietra –. Anzi, non avremmo mai pensato nemmeno di candidarci se non fosse stato per Susann Bosshard, già responsabile per la Svizzera del concorso Emya, che dopo una visita al museo si è dimostrata così entusiasta da spingerci a partecipare».

Il museo etnografico, nato nel 1938 e primo di questo genere nel cantone, è gestito dall’associazione Walserhaus Gurin che si prefigge tre obiettivi: rappresentare la storia e la cultura della comunità Walser locale nonché quella delle altre colonie Walser dislocate altrove; salvaguardare il patrimonio storico, culturale e linguistico dei Walser di Gurin – ad esempio cercando di mantenere in vita il dialetto ‘guriner deutsch’ –; e promuovere e sostenere i progetti che mirano a incrementare all’esterno della comunità la comprensione delle sue origini, storia e tradizioni.

Un progetto partecipativo

«Alla giuria del premio è piaciuto il fatto che non si tratta di un museo classico chiuso su sé stesso – spiega Lessmann - Della Pietra –. Abbiamo sì il comitato, l’associazione, i collaboratori, però nella varie attività sono coinvolte persone della comunità di Bosco, non solo i residenti ma anche coloro che spesso tornano in quello che è il proprio villaggio d’origine a cui sono molto legati. Tutti danno un contributo in base alle proprie conoscenze e specializzazioni. Abbiamo ad esempio fatto delle uscite sulla tematica della flora con un botanico, una passeggiata geologica con un esperto in materia. O ancora, quando abbiamo rinnovato l’esposizione, diversi attinenti del luogo hanno registrato la lettura di testi in tedesco di Gurin, voci che si possono ascoltare nell’esposizione. Sono dunque le persone che appartengono alla comunità o che vi sono legate a far vivere ed evolvere il museo».

Guardando al futuro sono due i progetti in preparazione. «Stiamo allestendo l’albero genealogico di Bosco Gurin, che fino agli anni 40 era stato completato da uno storico. Ora l’obiettivo è di aggiornarlo fino ai nostri tempi con l'aiuto di tutte le famiglie e di fare una mostra l’anno prossimo. E poi stiamo lavorando al secondo vocabolario dei verbi e altre parti del discorso di Bosco Gurin, che va ad aggiungersi al primo sui sostantivi uscito qualche anno fa. Speriamo di concludere il lavoro in un paio d’anni».

Il museo – che normalmente è in attività da metà aprile a metà ottobre – continua a suscitare grande interesse: «Prima della pandemia arrivavano circa 3’500 visitatori all’anno, cifra leggermente in aumento nell’ultimo decennio. L’anno scorso abbiamo aperto più tardi e comprensibilmente abbiamo avuto un po’ meno visitatori, ma quando siamo ripartiti abbiamo constatato una buona affluenza. E pure adesso osserviamo la stessa tendenza nonostante le limitazioni ancora in vigore». I riconoscimenti arrivano dunque da più parti per un lavoro portato avanti con grande convinzione.


Adesione alla Giornata internazionale dei musei

Domenica 16 maggio, in occasione della Giornata internazionale dei musei, il Museo di Bosco Gurin in collaborazione con il Museo di Vallemaggia proporranno durante il pomeriggio (13.30-16.15) diverse attività: dalla scoperta degli oggetti di una volta attraverso il loro corrispondente moderno, alla visita guidata del villaggio. In caso di brutto tempo l’evento è annullato. Per maggiori informazioni consultare walserhaus.ch/it/manifestazioni o chiamare lo 078 691 18 46.

Anche il Museo di Val Verzasca partecipa all’iniziativa. Aprirà come di consueto alle 11 e nel pomeriggio i visitatori saranno accolti da una guida TaM (iniziativa nazionale TaM-Tandem al Museo) per una visita di 20 minuti inconsueta. Con il motto della giornata “I musei ispirano il futuro”, i partecipanti si lasceranno ispirare da un colore, un’immagine e una parola. Entrata e visita TaM gratuite; iscrizione sul posto. Per altre dettagli: museoverzasca@gmail.com o 079 800 33 84.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosco gurin cristina lessmann museo premio europeo walser
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved