OTT Senators
1
DAL Stars
1
1. tempo
(1-1)
capriola-uccisa-scagionato-l-ex-capo-dei-guardiacaccia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Concerto canoro a Giubiasco

Nell’ambito della Giornata missionaria mondiale, a favore del progetto diocesano ad Haiti
Bellinzonese
5 ore

Perde il controllo e finisce con l’auto nel fiume: 4 feriti

L’incidente è avvenuto questo pomeriggio a Corzoneso. Nessuno avrebbe riportato contusioni serie
Ticino
5 ore

I risvolti svizzeri del crac Parmalat: processo bis

Si apre domani al Tribunale penale federale di Bellinzona il secondo dibattimento dopo che Losanna ha rinviato gli atti per un nuovo giudizio
Luganese
5 ore

Un concerto in ricordo del maestro Giacomo Baruffaldi

A lui si deve la fondazione dell’Associazione Manishimwe, che opera in Ruanda nella promozione dell’educazione e dello sviluppo umano
Bellinzonese
6 ore

Case anziani Leventina: chi testimonia e chi teme ritorsioni

Si moltiplicano le segnalazioni dei dipendenti sui problemi interni, ma non pochi preferiscono tacere. No al Laboratorio di psicopatologia del lavoro
Locarnese
7 ore

Musei civici di Locarno: visite guidate a prezzi di favore

Castello, Casorella e Casa Rusca fruibili con ‘ciceroni’ per mostra archeologica, Antonio Ciseri e Omaggio 2021, nonché Aurelio Amendola
Locarnese
7 ore

Ponte sulla Ramogna, autunno e inverno di risanamento

Traffico alternato fra via Cappuccini a Locarno e via Sempione a Muralto durante i lavori previsti da domani sino a fine marzo 2022
Locarnese
7 ore

Verzasca: A.A.A. idea geniale per nuovo stemma cercasi

A un anno dalla nascita del Comune, il Municipio lancia un concorso pubblico. Le tre migliori proposte (anche da non professionisti) al voto popolare
Locarnese
7 ore

Ps, Lunghi e Fransioli confermati alla co-presidenza

L’assemblea della sezione di Locarno ha rinnovato il comitato. Fra le principali novità dell’annata, la nascita della Sinistra Unita
Bellinzonese
8 ore

A Nancy e Mattia il titolo di Miss & Mister Ticino 2021

Per il secondo anno consecutivo il concorso si è svolto in formato ridotto a causa delle limitazioni Covid
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio e la situazione degli edifici scolastici

Il gruppo Lega-Udc-Udf interroga il Municipio dopo i risultati del rapporto pubblicato dalla direzione dell’Istituto scolastico
Bellinzonese
8 ore

Branda e gli altri sindaci col Pse, l’Mps insorge

Sostegno al progetto luganese espresso a titolo personale. I referendisti chiedono chi li ha autorizzati a schierarsi
Ticino
8 ore

Aumento dei premi Casse malati: il Guastafeste non ci sta

Ghiringhelli: ‘Per l’anno 2022 si parlava di una leggera diminuzione e invece, pur mantenendo lo stesso modello, mi ritrovo a dover pagare di più’
Mendrisiotto
9 ore

Castagnata e conferenza con il Dyk Chiasso

La festa d’autunno si terrà sabato 23 ottobre al dojo di via Cattaneo. Con il presidente Marco Frigerio si faranno ‘Due chiacchiere sul judo’
Ticino
13 ore

Omofobia, denunce per discriminazione. Anche in Ticino

Si riferiscono in particolare a testi e video pubblicati sul web o nel contesto della campagna per l’iniziativa ‘matrimonio per tutti’
Locarnese
1 gior

Minispettacoli, si parte con ‘Chissadove’ di Scintille

Torna all’Oratorio San Giovanni Bosco di Minusio la rassegna di teatro per ragazzi. Domani il debutto con la compagnia locarnese
Locarnese
07.05.2021 - 16:430

Capriola uccisa, scagionato l' ex capo dei guardiacaccia

In Pretura penale il caso del funzionario dell'Ufficio caccia e pesca accusato di aver manomesso le prove di un reato venatorio. Prosciolto per mancanza di elementi

Prosciolto da ogni accusa. Anche la più infamante per uno che ha trascorso buona parte della sua vita professionale a vigilare sul rispetto delle severe regole del mondo della caccia: quella di aver espressamente manomesso le mammelle di una capriola allattante, da lui stesso uccisa ai primi di settembre dello scorso anno, durante una battuta venatoria. L'ex capo guardiacaccia onsernonese, dal 2007 in pensione, secondo il giudice del Tribunale penale Marco Kraushaar che stamane, a Bellinzona, ha emesso la sua sentenza, non ha commesso i reati imputatigli. Troppi, ha detta del giudice, gli aspetti poco chiari di questa vicenda iniziata il 1°settembre di un anno fa, nei boschi di Vergeletto, in alta Onsernone. Con una fucilata, l'ex funzionario del Dipartimento del Territorio abbatte un ungulato. Una femmina di capriolo che, come spiegato dall'interessato stesso durante il dibattimento, «stavo seguendo da giorni nei suoi spostamenti, la osservavo proprio per accertarmi che non avesse piccoli al seguito. Un esemplare anche poco in carne». L'uccisione di una femmina allattante, secondo la legge sulla caccia, è assolutamente vietata e costituisce un reato. Purtroppo sono cose che nel periodo della caccia possono succedere. L'autore, in quel caso, deve autodenunciare l'accaduto che gli frutta poi una sanzione. E la storia finisce lì. Non questa, però.

Il ritardo nella consegna dell'animale e i primi sospetti

L'ex capo dei guardiacaccia, difeso in aula dall'avvocato Giacomo Garzoli, informa, subito, due guardie venatorie dell'avvenuta cattura. Queste si presentano nel suo cascinale per un controllo e, notato l'aspetto della mammella, sono certi che la povera bestiola allatti. Invitano il cacciatore ed ex collega a presentarsi, l'indomani, al punto di controllo a Losone. Quindi circa 24 ore dopo la cattura. Ed è solo in serata che il pensionato si presenta con la sua preda. Un lasso di tempo eccessivo che alimenta dei sospetti. La risposta dell'interessato: "Ho scelto quell'ora per comodità, visto che erano già le 19. Mi avessero chiesto di presentarmi immediatamente, lo avrei fatto e sarei sceso al piano anche prima". Secondo la Divisione dell'Ambiente, autorità inquirente (rappresentata in sala da un guardiacaccia della regione) che ha formulato due decreti d'accusa distinti (il primo per cattura di un animale proibito, il secondo per manomissione delle prove) i due guardiacaccia incaricati delle verifiche avrebbero a quel punto rilevato un apparato mammario alterato (i capezzoli avevano un aspetto rinsecchito) rispetto al giorno prima; forse un tentativo di nascondere il reato? A quel punto il pensionato, che contesta il parere dei due, chiede espressamente venga fatta una perizia che attesti la sua buona fede. «L'avrebbe fatto qualora non fosse stato certo di aver ragione?» Si è chiesto il legale. Il risultato della perizia svolta parallelamente da un centro specializzato in Ticino e da uno oltre Gottardo, rileva che vi sono tracce di acetone provenienti da un solvente impiegato, si ipotizza, allo scopo di prosciugare la mammella. Ciò che gli avrebbe permesso di farla franca. Interrogato, l'ex funzionario del Cantone, sorpreso dalle risultanze dei controlli sull'organo ghiandolare, nega ogni addebito. Siamo nel mese di dicembre. La Divisione dell'Ambiente gli infligge una multa, gli accolla le spese delle analisi e gli ritira pure la patente venatoria per un anno. Lui ricorre.

L'acetone, tipico del deperimento del cadavere

Oggi, come detto, la vicenda è arrivata al suo epilogo. L'avvocato Garzoli, che ha biasimato il ritardo nella trasmissione dell'organo incriminato per le analisi (7 giorni dopo la sua asportazione) e definito tendenziosi i rapporti dei due guardiacaccia, ha presentato i risultati di una controperizia per demolire il castello accusatorio. In sintesi, se fosse stato applicato del solvente alla mammella, sarebbe dovuto uscire del latte. Cosa che non è avvenuta se non in minima parte (qualche goccia); l'acetone, la cui presenza era stata accertata, sarebbe invece semplicemente il risultato del processo di decomposizione del cadavere, quindi una causa naturale. Essendo inoltre una sostanza volatile, com'era possibile rilevarne tracce a così tanto tempo di distanza? Sarebbe evaporato. Una superficialità e una mancanza di approfondimento da parte di chi ha condotto i controlli che lo ha spinto a chiedere l'assoluzione del suo assistito. Con ogni probabilità, l'ungulato ucciso aveva dato alla luce un piccolo, ma questo molti mesi prima della sua cattura. Probabilmente ai primi di giugno. Dopodiché la produzione di latte si sarebbe lentamente azzerata. «Si è voluta sdoganare una presunta malafede dell'imputato, con un'accusa grave e diffamatoria per la sua persona e la sua famiglia»- ha concluso Garzoli.
Affermazioni contestate dalla Divisione dell'Ambiente, stante la quale le foto scattate dai funzionari erano la prova inequivocabile di un intervento sulla mammella. Un organo poi depositato in una cella frigorifera in attesa delle perizie condotte anche dall'Ufficio del veterinario cantonale.
"Ritengo non ci siano elementi a sufficienza sicuri e chiari che provino una manomissione - ha osservato il giudice, a detta del quale la conservazione del reperto può aver inciso sul suo aspetto postumo. Quanto alla presenza di tracce di acetone, Kraushaar ha sposato il risultato della controperizia: «si crea con la decomposizione del tessuto, post mortem, in modo naturale. Non era presente nella ghiandola mammaria, bensì all'esterno. Al momento del controllo, la capriola non era dunque allattante». In mancanza di prove sufficienti, è valso il classico “in dubio pro reo”.
L'accusato, scagionato, otterrà dallo Stato un risarcimento di oltre 5mila franchi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved