Yverdon-sport Fc
Sciaffusa
20:30
 
FC Stade Ls Ouchy
Xamax
20:30
 
Aarau
Winterthur
20:30
 
MEKTIC N./PAVIC M.
CACIC N./DJOKOVIC N.
20:30
 
CILIC M. (CRO)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
1
2 set
(4-6 : 0-0)
Zurigo
Bienne
19:45
 
Friborgo
Berna
19:45
 
Ginevra
Lakers
19:45
 
Losanna
Davos
19:45
 
Olten
Langenthal
19:45
 
La Chaux de Fonds
Turgovia
19:45
 
Sierre
Visp
20:00
 
Ticino Rockets
GCK Lions
20:00
 
Winterthur
Zugo Academy
20:00
 
continuero-a-battermi-per-maggia-e-per-la-valle
Aron Piezzi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
30 min

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
32 min

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
39 min

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
41 min

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
47 min

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
55 min

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza inerpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
1 ora

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
1 ora

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
1 ora

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
1 ora

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
1 ora

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
il video
Bellinzonese
2 ore

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Luganese
2 ore

Porte aperte al convento del Bigorio

In programma l’8 dicembre, sarà possibile visitare: il museo, il coro dei frati, il corridoio delle celle, la biblioteca e la cappella di Botta
Luganese
2 ore

Croce Rossa, ‘la pandemia ha cambiato il nostro modo d’aiutare’

Il servizio ‘Baby help - Mamy help’ sostiene da 25 anni i genitori con figli malati. ‘Le quarantene ci impediscono di entrare in azione’
Luganese
2 ore

Tilo soppressi provvisoriamente fra Lugano e Taverne

I treni saranno sostituiti da bus. I provvedimenti sono dovuti a lavori di manutenzione da mezzanotte alle 5.20 fra il 5 e il 6 dicembre.
Locarnese
2 ore

Brione Verzasca, mercatino in piazza

Bancarelle e San Nicolao
Locarnese
2 ore

Musica di Minusio, Concerto di gala

Ad aprire la manifestazione sarà la minibanda Lago Maggiore
Mendrisiotto
2 ore

Stabio fa gli auguri a Dolores Keller

Il sindaco Simone Castelletti ha fatto visita alla concittadina per le sue cento candeline
Ticino
3 ore

Angelo Piritore e Alessandro Recalcati alla testa di Atio

Rinnovati la presidenza e il comitato dell’Associazione ticinese industria orologiera che raggruppa una quarantina di aziende
Mendrisiotto
3 ore

Metalli preziosi, MKS e Pamp rafforzano la loro intesa

La gran parte dei dipendenti (200) saranno impiegati in Ticino. Confermato l’impegno a livello regionale
Locarnese
 
17.04.2021 - 05:300

‘Continuerò a battermi per Maggia e per la valle’

Intervista al sindaco uscente Aron Piezzi, che lascia dopo 17 anni di politica locale

Dopo 17 anni di politica comunale, di cui 11 come sindaco del Comune di Maggia, Aron Piezzi è pronto a lasciare. Ci racconta degli anni di militanza a favore della comunità, fra sfide, progetti e difficoltà. Risponde alle critiche degli avversari e guarda con fiducia al futuro di un territorio fra i più belli del Ticino.

Come è cambiato il Comune negli anni?

È cresciuto, sia dal punto di vista quantitativo, ossia con un leggero aumento della popolazione, ma anche qualitativo, nella consapevolezza da parte nostra e dei cittadini di vivere in un territorio ricco e bello. Questo grazie a tutti gli attori, enti pubblici, associazioni e patriziati, che hanno operato nella stessa direzione per il bene della collettività. Abbiamo cercato di agire con la mentalità del Comune aggregato, non come somma di frazioni ma come entità unica.

Parlando delle frazioni, come è stato il processo aggregativo di Maggia?

È stato accolto bene dalla popolazione. Rispetto ad altre realtà di valle, si è vissuta meno la resistenza identitaria degli ex paesi aggregati. Un certo campanilismo c’è ancora e, purtroppo, anche chi pensa solo alla propria frazione; ma sempre meno. La nostra forza o fortuna, vediamola come si vuole, è stata il fatto che la fusione è avvenuta con sette ex frazioni. Troppe per far sì che una andasse contro le altre.

Quali sono state le sfide più importanti?

Sicuramente mantenere e sviluppare servizi, investimenti e una buona vitalità sociale, ovvero rendere partecipi patriziati, associazioni, consorzi e altri, dando loro un ruolo attivo all’interno della vita del comune. Tra gli investimenti a carattere regionale, cito il comparto di Riveo-Visletto per ciò che riguarda le industrie e l’artigianato, il comparto dei centri commerciali a Maggia, e poi quello ai Ronchini, che interessa principalmente la scuola, la cultura, l’educazione e lo sport. Ma importanti sono anche i progetti più piccoli, "immediati". Quelli che il cittadino può toccare con mano giornalmente. Il Comune, e di questo vado fiero, ha sempre cercato di portare avanti una politica a 360 gradi, toccando i vari settori di sua competenza.

Come esecutivo siete stati accusati di aver proposto una politica rivolta soprattutto ai turisti e poco vicina alla popolazione. Come risponde a questa provocazione?

Sono critiche fuori luogo, che respingo. Stiamo parlando di un settore socio-economico determinante per la nostra realtà di valle, poiché in tanti vivono di turismo. Il territorio, dal punto di vista storico e naturalistico, è pregiato, ed è questo che deve essere valorizzato. È chiaro, la sfida è riuscire a coniugare la qualità di vita dei residenti con l’afflusso dei turisti, e non è sempre ovvio. Lo si è visto in queste settimane. Come Comune, e oserei dire anche come valle, puntiamo a un turismo di qualità e non di massa.

Spesso si dice che Maggia è la nuova periferia di Locarno. Lei è d’accordo con questa affermazione?

Sì. Più si scende dalla valle e ci si avvicina all’agglomerato, più si riscontra un aumento della popolazione. A dimostrazione che in tanti dalle città fuggono per ricercare quella qualità di vita che nel contesto urbano non è più garantita. Ma non vogliamo che Maggia diventi comune dormitorio. Qui il residente ci lavora, si svaga e si sposta, grazie anche ai servizi messi a disposizione. Ognuno, se lo vuole, può fare parte attivamente della nostra comunità.

Come sono i rapporti con gli altri Comuni?

Abbastanza buoni. Collaboriamo di più coi nostri vicini: Avegno-Gordevio per il centro scolastico, e Cevio, per il comparto Riveo-Visletto. Buoni sì… ma si potrebbe, e dovrebbe, fare di più. Dobbiamo essere in grado di andare oltre i confini comunali.

A livello demografico Maggia ha avuto un incremento della popolazione. Cosa che però non si vede nell’alta valle. Quali sono i fattori che determinano questo andamento?

Purtroppo sono soprattutto fattori naturali. Ma quello che la politica deve fare – e fa a livello di Ascovam e Antenna Vallemaggia – è di attuare delle misure che provino a invertire questa tendenza. È chiaro, ricette miracolose non ci sono. Abbiamo però il Masterplan dell’Alta Vallemaggia che porta avanti progetti interessanti. Dobbiamo promuovere la qualità di vita delle nostre terre, soprattutto quelle più discoste, anche come opportunità a seguito della pandemia. Trovando una nuova normalità, meno frenetica e materialista, più genuina e vicina alla natura. Sempre più gente cerca le nostre regioni, sta a noi però far sì che non sia solo un mordi e fuggi.

Oltre allo spopolamento, ci sono altre tematiche centrali per la politica di valle?

È importante riuscire a mantenere i posti di lavoro che abbiamo in valle, legati in particolare al settore dell’edilizia e dell’industria; attività, queste, che sono a tutti gli effetti rappresentative della nostra regione. I Comuni, attraverso la pianificazione del territorio, contribuiscono al mantenimento dei posti di lavoro. Guardiamo la frazione di Maggia, con la zona dei centri commerciali, dove i privati, grazie al lavoro svolto dal Comune, hanno potuto, in questi dieci anni, svolgere le loro attività con successo. Oppure anche al comparto di Riveo Visletto: le basi pianificatorie sono gettate, anche per sviluppare attività lavorative con nuovi impieghi.

C’è qualche progetto o tema che come sindaco non è riuscito a realizzare o portare avanti?

Un rimpianto è non essere riuscito a portare a termine in tempi più celeri il progetto di arginatura e riordino territoriale a Riveo-Visletto. Le basi sono state gettate in queste mesi, ora non resta che dare avvio ai lavori.

E qualcosa di cui si pente?

Non mi viene in mente nulla. Ho cercato sempre di fare del mio meglio, con passione, intraprendenza e spirito di collaborazione. Naturalmente anche io ho commesso errori, ma ho la coscienza pulita.

Cosa la spinge a lasciare ora?

Non ho voluto sollecitare un nuovo mandato in quanto è giusto favorire il ricambio e avvicinare nuove persone alla politica comunale. I miei recenti impegni assunti in Gran Consiglio e alla presidenza dell’Antenna Vallemaggia mi hanno spinto a fare questa scelta, anche per non arrischiare di trascurare la mia professione di docente e, ovviamente, la mia famiglia.

Cosa vuole dire ai suoi cittadini per "salutarli"?

Mi sono trovato bene in ogni frazione di Maggia e ho sempre cercato d’instaurare un rapporto rispettoso, autorevole e autentico, propositivo e fiducioso nel futuro della nostra realtà. Penso di esserci riuscito con buona parte della popolazione e dei vari attori del territorio, anche quando occorreva dire di “no”. Ringrazio tutti di cuore e confermo che continuerò a battermi per Maggia, e la mia valle, in altri ruoli ma con la stessa passione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved