covid-19-una-sofferenza-che-non-va-rinnegata
Ti-Press
Soli con se stessi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

'Va abolito pure il divieto di vendita serale dei distillati'

Il commerciante: la recente decisione del Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte, per questo ho deciso di non ritirare il ricorso al Tribunale federale
Ticino
6 ore

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
6 ore

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
7 ore

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
7 ore

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
7 ore

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
7 ore

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
7 ore

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
7 ore

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
8 ore

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
9 ore

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
9 ore

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
9 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
9 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
9 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Bellinzonese
9 ore

Fuori strada alla ‘S’ di Gudo: ferite serie per un giovane

L'auto ha sbandato finendo nella scarpata sottostante dopo un volo di alcuni metri. Forti disagi al traffico
Locarnese
10 ore

‘E una rotonda al bivio per la Valle Verzasca?’

Il problema del traffico nei mesi caldi in un'interpellanza al Municipio di Gordola presentata da Stefania Perico e Cosimo Lupi
Locarnese
07.04.2021 - 16:370
Aggiornamento : 19:10

Covid-19, ‘una sofferenza che non va rinnegata’

Attivata la linea telefonica della Clinica Santa Croce di Orselina. La direttrice sanitaria: “Importante condividere il proprio malessere”

Condividere il proprio malessere per non lasciarsi andare, si direbbe canonicamente. Ma, in questa circostanza, sarebbe più corretto e opportuno scrivere che è importante condividere il proprio malessere per lasciarsi andare.

Sotto questi auspici la Clinica Santa Croce di Orselina ha attivato un servizio telefonico d'aiuto psicologico contro il Covid-19. Il numero è lo 091 735 41 38 ed è attivo, dal 1. aprile, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17.

In un periodo come questo, dove si è costantemente sotto tiro dalla pandemia, dalla paura di ammalarsi, dallo stress causato dal repentino cambio di abitudini, dall'isolamento forzato o dal lutto, è importante capire che la sofferenza e il disagio che si provano o si possono provare, sono un processo naturale, come lo è confidarsi.
«In caso di necessità ci si può mettere in contatto con il personale della Clinica tramite una linea dedicata, e condividere il proprio disagio ed individuare, se necessario, le modalità più efficaci per un percorso di cura. Il servizio era già presente e ora abbiamo deciso di potenziarlo per via del notevole aumento delle chiamate, fatte per se stessi, ma anche per aiutare altre persone della cerchia familiare», afferma la direttrice sanitaria e primario Sara Fumagalli. Che continua: «Tengo a sottolineare però che non è sostitutivo ad altre categorie di professionisti, come medici di famiglia, psicologi o psichiatri, ma un contributo in più in termini quantitativi ma soprattutto qualitativi. Lavoriamo con e per il territorio».

Ansia, insonnia, solitudine: le mille facce della sofferenza

L’isolamento e le preoccupazioni dovute alla situazione straordinaria in cui stiamo vivendo stanno facendo emergere molti nuovi casi di persone con disturbi, quali ad esempio ansia, insonnia, spossatezza, depressione, senso di solitudine e di abbandono. Tutti ostacoli che, come detto in precedenza, fanno parte del ciclo vitale di una persona. Ma quando sono passeggeri e quando, invece, nascondono qualcosa di più? «Un disagio è un disagio, e come tale deve essere sempre preso in considerazione. Un primo campanello d'allarme è quando ci si accorge di non essere più se stessi. Ci sentiamo di vestire i panni di qualcuno altro, di comportarci in modo diverso da prima – spiega la dottoressa Fumagalli –. Il secondo campanello, invece, concerne le alterazioni delle nostre abitudini; quindi avere il sonno disturbato, avere problemi nel concentrarsi, essere spesso nervosi e stressati, constatare un cambio repentino nell'alimentazione, oppure ancora riscontrare un peggioramento nel rapportarsi coi propri affetti». E, fra le mille facce di una sofferenza che ha colpito duramente la popolazione, si aggiungono anche altre tipologie cliniche, come la depressione.

Depressione: i giovani i più colpiti

L’Università di Basilea ha condotto uno studio, denominato Swiss Corona Stress Study, sugli effetti emotivi e mentali causati dal virus, con un campione di oltre 11mila persone provenienti da tutta la Svizzera.

L'ultimo sondaggio ha evidenziato che, rispetto alla scorsa primavera, tale condizione si è aggravata notevolmente. La percentuale di persone con sintomi depressivi gravi, durante il lockdown di aprile, era di circa il 9%, mentre a novembre è raddoppiata al 18%. La Romandia risulta l'area più esposta, a seguire la Svizzera tedesca e il Ticino. Particolarmente colpiti sono state le persone che hanno subito perdite finanziarie a causa della pandemia, nonché i giovani. Di quest'ultima categoria si attesta che tra i teenagers (14-24 anni) la percentuale di sintomi depressivi gravi è aumentata addirittura del 29%, mentre nella fascia dai 25 ai 34 anni del 21%.

«Molti genitori preoccupati ci hanno contattati dicendoci che non riuscivano più a riconoscere i propri figli. Il malessere nei giovani passa nel voler ricercare l’isolamento, la ribellione, l’aggressività e, nei casi più gravi, anche l’autolesionismo. Gli adolescenti vivono di due “punti certi”: la scuola e le relazioni sociali. Questa alterazione così radicale delle loro abitudini e l'impossibilità – protratta nel tempo – di recarsi nel proprio luogo di studio e di incontrare affetti e amici, ha creato un tracollo emotivo e mentale», considera Fumagalli.

A conferma di ciò vi è anche l'analisi empirica del numero di nuovi pazienti che si rivolgono alla Clinica Santa Croce per un supporto professionale al primo esordio, e quelli che hanno avuto una recrudescenza di patologie pregresse: «Abbiamo riscontrato un forte aumento delle telefonate aspecifiche, ovvero persone che ci contattano per avere consigli, delucidazioni oppure, semplicemente, per sfogarsi – nota la direttrice sanitaria –. In passato avevamo una casistica precisa; oggi, una popolazione che condivide un malessere generale sì, ma che varia da soggetto a soggetto. Io tenderei però a non parlare di quanti, ma delle peculiarità del disagio».

Star male è normale

Oggi si stanno facendo molti passi avanti riguardo alla “normalizzazione” del malessere e del dolore. Nonostante questo, però, ancora per molti confidare i proprio disturbi emotivi e mentali resta un tabù. Per sormontare quest’ostacolo, rimane importante rendersi conto che possiamo parlarne con gli altri, che siano essi specialisti, quindi personale medico, ma anche i propri cari, come parenti e amici.

«Viviamo in una società indolore, che ci ha abituati a rinnegare la sofferenza, la fragilità e l'insicurezza. Però fanno parte della nostra natura e, paradossalmente, il Covid ci ha messo di fronte al fatto che noi siamo anche questo. Non si vive solo di successi e nella vita capitano gli intoppi; capita di trovarsi nella situazione di non avere gli strumenti per “tirarsi su da solo”. Chiedere e avere bisogno di aiuto quindi è normale e il primo passo che possiamo fare, in primis per noi stessi, ma anche per abbattere questi tabù, è parlarne. Condividere il dolore è importante».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved