Empoli
1
Udinese
1
2. tempo
(0-1)
a-losone-13-2-milioni-per-il-centro-comunale
Lo stabile sarà l'elemento qualificante del progetto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 min

Bellinzona, ‘blocchiamo il contributo per la nuova Valascia’

Lo chiede il gruppo Lega-Udc alla luce della notizia secondo cui la Valascia Immobiliare Sa sarebbe confrontata con problemi di liquidità
Bellinzonese
40 min

Le Colonie dei sindacati cercano volontari

Per i due turni di giugno-luglio 2022 un appello per coinvolgere personale educativo, di servizio e cucina
Bellinzonese
47 min

Annullato il mercatino di Ambrì

Era previsto mercoledì 8 dicembre
Ticino
48 min

Il Soccorso d’inverno ha accettato oltre 500 richieste d’aiuto

Il calo del reddito alla base di molte situazioni di povertà
Ticino
1 ora

Masaba Coffee vincitore del premio per l’etica d’impresa

Riconoscimenti anche per Lighthouse Tech, Agroval Sa, Plastex Sa e Gottardo Arena
Bellinzonese
1 ora

Cancro: importante premio assegnato a Davide Rossi dell’Ior

Riconoscimento di 80mila franchi per le sue ricerche nell’ambito dell’ematologia
Luganese
1 ora

Massagno ringrazia i suoi volontari

Al rinnovato Lux, i partecipanti hanno visto in anteprima il documentario ‘Aromi’ scritto e diretto dalla regista Anna Hungerbühler Luraschi
Luganese
1 ora

Tesserete, slitta per neve il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sabato 11 dicembre. Gli organizzatori auspicano un’ampia adesione da parte degli espositori
Mendrisiotto
1 ora

‘I camion devono restare nel Mendrisiotto’

Simonetta Sommaruga risponde a Marco Romano. ‘Spostare più a nord l’attesa dei veicoli pesanti non è la soluzione adeguata’. Delusione del Distretto.
Locarnese
1 ora

Verzasca, l’Associazione deve trovare il giusto equilibrio

Dopo l’aggregazione in un solo Comune della Valle, occorre riorientare le strategie in modo da assicurare un percorso di crescita subregionale
Locarnese
1 ora

Muralto, per il nodo intermodale si cerca un’alternativa

Dopo l’incontro di oggi della Delegazione delle autorità, il Municipio incaricherà un ingegnere del traffico di verificare la fattibilità di un ‘piano B’
Luganese
1 ora

Gandria, slitta a domenica il mercatino dell’olio

La Bottega invita a fare un giro nel villaggio anche per visitare i numerosi presepi allestiti lungo i vicoli
Locarnese
1 ora

Ad Ascona la Scuola popolare di musica di Locarno

Tradizionale concerto natalizio degli allievi
Luganese
2 ore

Melano, annullata la Festa di Natale per gli anziani

La Società ricreativa ha deciso, con rammarico, di rinunciare all’appuntamento previsto domani, a causa del coronavirus
Video
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, finge di farsi investire per una pizza

Un uomo ha bloccato il traffico nei pressi dell’Accademia mentre aspettava il cibo. Ne è nato un litigio con l’autista del bus
Locarnese
2 ore

Atte Locarno, pranzo e tombola

Appuntamento al Centro diurno
Locarnese
2 ore

Gruppo Jeans in ‘tournée’ nel Locarnese

Diversi appuntamenti per il coro di bambini
Locarnese
31.03.2021 - 17:050
Aggiornamento : 18:23

A Losone 13,2 milioni per il Centro comunale

Nuovi spazi per l'amministrazione, ma anche una piazza e un autosilo. In cantiere da metà 2022

Losone chiude la legislatura 2016-2021 con una delle opere più importanti dell'ultimo decennio: la costruzione di un nuovo centro comunale, con una piazza, spazi per l'amministrazione e un autosilo. Il costo di realizzazione ammonterà a 13,2 milioni di franchi e la concessione del credito al Municipio sarà discussa dal Consiglio comunale nella seduta del prossimo 8 aprile.

«Il progetto è importante sia per le cifre, sia per il concetto – spiega il sindaco Corrado Bianda –. Finalmente mettiamo mano alla riqualifica del comparto. La proposta parte da molto lontano: da decenni si discute della valorizzazione della zona ed era pure stato lanciato un concorso d'idee che comprendeva buona parte di via Municipio. Ma le soluzioni emerse erano poco realizzabili. Ora diamo una risposta alle necessità già manifestate allora».

Oltre a fornire nuovi spazi per l'amministrazione, che ora ha sede in una casa comunale diventata piccola con gli anni e bisognosa di un risanamento, «rispondiamo alle critiche che ci dicevano che Losone non ha un centro e neppure aree di aggregazione. Avere una piazza sarà interessante».

Tempistica rispettata

In due anni e mezzo a Losone si è passati dall'idea al credito di realizzazione. Nel dicembre 2018 era stato stanziato il credito per il concorso di progettazione a cui avevano partecipato 79 studi di architettura. Nell'ottobre 2019 era stato designato il vincitore (“Centrum” di Baserga e Mozzetti, Muralto). Dopo la progettazione definitiva, costata 820mila franchi, si giunge ora al credito di realizzazione.

La cifra si attesta sui 13,2 milioni di franchi: «Ci sono stati ridimensionamenti e rinunce per contenere la spesa, mantenendo comunque l'obiettivo finale – commenta il sindaco –. Progetto e costi sono sostanzialmente condivisi dalle Commissioni delle opere pubbliche e della gestione. Poche i cambiamenti richiesti. Il più sostanzioso, a mio avviso, è quello relativo alla standard Minergie. Noi ci atteniamo ai criteri richiesti dal Cantone, che sono comunque all'avanguardia nell'ambito del risparmio energetico. Ma c'è chi vorrebbe alzare l'asticella, con un maggior costo di circa 400mila franchi. Sarà il Consiglio comunale a decidere».

Il progetto

La nuova struttura sorgerà dove attualmente si trovano i prefabbricati della Polizia. «La vecchia casa comunale non sarà demolita – prosegue Bianda –.  Potrà essere utilizzata per attività importanti del Comune, che comunque andranno specificate, con idee e proposte concrete, entro la fine del cantiere. Personalmente credo che ci sia sempre bisogno di spazi».

L'edificio di Baserga e Mozzetti sarà alto tre piani. «Costruito in cemento armato e vetro s'inserisce bene nello spazio. Risulterà l'elemento qualificante del comparto. A pianterreno è prevista pure una vasta area coperta, grande quanto la metà della superficie dello stabile, che potrà venir utilizzata per feste e manifestazioni. La piazza antistante unirà l'attuale spazio-parcheggio al giardino dell'ex scuola dell'infanzia. Verrà tolto il dislivello e il nucleo di San Rocco sarà raggiungibile da una scala pedonale». Dopo lunga discussione, l'autorità ha deciso di realizzare il posteggio sotterraneo per 27 auto, sfruttando la conformazione naturale del sedime.

Va detto che i 13,2 milioni peseranno sull'amministrazione per circa mezzo milione di franchi annui. «Sarà necessario aggiornare il Piano finanziario – ha concluso Bianda –. Il costo dell'opera potrebbe influenzare investimenti futuri, causando qualche ritardo». La tempistica prevede l'avvio del cantiere verso la metà del 2022 e l'inaugurazione verso la fine della legislatura.

Nuovo parco giochi in via Cesura

Tra i temi all'ordine del giorno della seduta dell'8 aprile, anche la costruzione di un parco giochi con servizi igienici in via Cesura, per una spesa di circa 380 mila franchi. Il municipale Fausto Fornera: «È la chiusura del cerchio di un'operazione di riordino e per un nuovo utilizzo del comparto. Il parco giochi sorgerà in una zona centrale a ridosso del Centro polivalente per anziani, che aprirà a inizio 2022, e all'ombra della Casa Patrizia, dove vivono persone anziane autosufficienti. Per dare uniformità, la progettazione è stata affidata allo studio Michele Arnaboldi che ha disegnato la casa per anziani medicalizzata. In zona, inoltre, è prevista la modifica della viabilità. Tanti progetti che saranno pronti all'inizio dell'anno venturo. Anche in questo caso abbiamo ricercato l'equilibrio tra la qualità della proposta e la sua sostenibilità finanziaria: il progetto iniziale è stato perfezionato per contenere la spesa. Dalle commissioni arrivano suggerimenti con piccole modifiche. Tra queste, l'aggiunta di giochi per bimbi con difficoltà motorie o disabilità; un'idea che condividiamo».

Un ultimo tema: la nuova variante di Piano regolatore per la posa delle antenne di telefonia mobile. La spiega il municipale Daniele Pinoja: «Sarà uno strumento importante per stabilire i posti migliori dove potranno essere posate le antenne. In sintesi, abbiamo definito le zone meno sensibili, e quelle invece più problematiche, a dipendenza della loro posizione. Il criterio è il livello di molestia dell'antenna sulla popolazione, sugli insediamenti e sull'ambiente. Si va dallo Zandone, dove non ci sarebbero particolari problemi, ad aree delicate per la presenza di anziani, bambini o ammalati. Saranno gli operatori della telefonia a decidere, ma dovranno motivare in modo inattaccabile le loro scelte. Noi, con in mano lo strumento pianificatorio, potremo avere finalmente una base concreta sulla quale fondare le nostre considerazioni e per spingere queste società a posare gli impianti nei luoghi dove l'impatto è meno incisivo».

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved