ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 min

Mendrisio, il burraco sostiene il calcio femminile

La prima edizione del ‘Cartamante’ organizzato dal Lyons Club Monteceneri si è svolta a LaFilanda
Bellinzonese
10 min

Apre l’alambicco di Monte Carasso

Il locale sarà disponibile da lunedì 17 ottobre fino al 28 gennaio (eccetto durante le vacanze natalizie, dal 17 dicembre all’8 gennaio)
Luganese
12 min

Viganello, cerimonia di consegna del premio Americo Caratti

Nel giugno scorso Lorenzo Masiero e Alessandra Mocellin hanno conseguito la miglior licenza di scuola media
Bellinzonese
17 min

Bellinzona, corso di carboncino con Pro Senectute

Dal 4 ottobre al 20 dicembre, ogni martedì dalle 14 alle 16 al Centro diurno socioassistenziale ‘La Turrita’
Luganese
22 min

Lugano, cambia il direttore del Consorzio depurazione Acque

Francesco Poretti subentra a Laurent Kocher, giunto al beneficio della pensione dopo 21 anni di servizio
Luganese
32 min

Sorengo, conferenza con degustazione di prodotti fermentati

All’evento, promosso da Slow Food Ticino, è abbinata anche una degustazione. Le iscrizioni sono aperte
Locarnese
49 min

Ronco, passeggiata guidata gratuita

Consueto appuntamento con le uscite alla scoperta delle bellezze del nucleo collinare, mercoledì prossimo, dalle 14.30
Luganese
53 min

Caffè-quartiere a Breganzona e Molino Nuovo

Riprendono il 4 ottobre gli incontri dove i cittadini possono condividere informazioni, suggerimenti o iniziative sulla vita nel quartiere
Luganese
1 ora

Cassarate, un canyon per l’area giochi in via Pico

L’inaugurazione della rinnovata area è in programma sabato 8 ottobre. Durante la giornata musica e attività per i bambini
Luganese
2 ore

Lugano, torna la corsa dedicata alle donne del Ticino

In occasione della Ladies Run, al villaggio ufficiale sarà presente anche il Centro di senologia della Clinica Sant’Anna
Luganese
2 ore

Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo

Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
3 ore

Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione

Locarno cerca una figura ‘in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura’, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
3 ore

Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere

Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
laR
 
24.03.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:09

Quella richiesta di risarcimento milionario al Cantone...

Una sentenza del Tribunale federale riporta d'attualità il caso del buco in una cassa pensione che aveva sede a Gordola

quella-richiesta-di-risarcimento-milionario-al-cantone
Una vicenda intricata che si trascina da anni (Ti-Press)

Tutto, o quasi, da rifare. Recentemente il Tribunale federale di Losanna si è espresso su una vecchia vicenda che vede contrapposti una Fondazione di previdenza (Lpp) e il Cantone Ticino. La prima chiede al secondo un risarcimento di oltre 15 milioni di franchi. Stando alla Fondazione, anni fa – quando svolgeva il compito di vigilare sulle fondazioni Lpp – il Cantone si sarebbe accorto “con colposo ritardo” delle irregolarità nella gestione dei conti della cassa pensione e per lungo tempo non avrebbe “adottato i provvedimenti necessari”.

A un certo punto del lungo iter legale, la Pretura di Bellinzona aveva deciso che la richiesta di risarcimento era giunta fuori tempo massimo. La Fondazione si era perciò rivolta dapprima alla Seconda camera civile del Tribunale d’appello (che ha respinto la richiesta) e quindi al Tribunale federale, che invece le ha dato ragione. In sostanza il Cantone aveva ritardato – a causa della complessità del caso – le risposte alle istanze della Fondazione e quindi per quest’ultima non era stato possibile presentare la domanda di risarcimento nei tempi previsti dalla Legge. Un ritardo plausibile e accettabile. Per i giudici di Losanna il ricorso è quindi accolto e la sentenza del 12 marzo 2018 della Seconda camera civile del Tribunale d’appello viene annullata. La causa torna alla Pretura del Distretto di Bellinzona “affinché statuisca nuovamente ai sensi dei considerandi dopo aver esperito gli atti istruttori mancanti”.
Le spese giudiziarie di 40mila franchi sono poste a carico del Cantone Ticino, il quale dovrà pure rifondere alla ricorrente, un importo di 20mila franchi a titolo di ripetibili per la sede federale.

Fin qui la sentenza più recente, che rimanda tutti alla casella di partenza. Cioè alla richiesta di risarcimento milionaria del 24 dicembre 2015.

Fondata nel 2007, ma subito i dubbi sui conti

Per chiarire i contorni, occorre scavare in un passato ancora più remoto. Nel 2007 viene fondata una cassa pensione con sede a Gordola, ma attiva in Svizzera interna: la Fortius Pension Found. A vigilare sul suo operato è l’autorità cantonale, che svolge questo compito fino al 2012, quando cambia la legge; da lì in poi entra in gioco la Vigilanza sulle fondazioni e Lpp della svizzera orientale, con sede a San Gallo.

Proprio nel 2012 emergono sospetti di gravi irregolarità. La nuova autorità di vigilanza sospende un membro del Cdf e ne destituisce altri due. Viene designato un amministratore/commissario e la sede è spostata d’ufficio a San Gallo. Emerge un buco di alcuni milioni di franchi e la Fortius viene sciolta qualche anno dopo. Danneggiati circa quattromila affiliati, dipendenti di un’ottantina di ditte nella Svizzera interna.

La stampa svizzero tedesca all’epoca ha dato risalto all’episodio, che dimostrava ulteriormente la mancanza di trasparenza nella gestione dei fondi delle casse pensioni. Lacune poi colmate con l’entrata in vigore nell’agosto del 2011 di normative più severe per i fondi pensione.

Nel caso in questione i due dirigenti, finiti sotto inchiesta a Zurigo, tramite una rete di una mezza dozzina di società avevano fatto uso dei soldi dei pensionati per onorari principeschi e speculazioni immobiliari. Il procuratore generale zurighese rinfaccia loro delitti patrimoniali e amministrazione infedele per un importo di alcuni milioni di franchi.

A questo punto resta aperta la questione della vigilanza. Il Cantone Ticino che ha svolto questa funzione fino al 2011 non si era accorto di nulla? Alcune informazioni emergono dalla risposta a un’interrogazione parlamentare di Carlo Lepori e Pelin Kandemir Bordoli del 2013. Il Consiglio di Stato allora scriveva che già nei primi anni dopo la costituzione della Fondazione aveva chiesto delucidazioni su aspetti non chiari della documentazione finanziaria. Di più: non aveva approvato i conti annuali della stessa cassa pensione. Erano state rilevate irregolarità negli investimenti immobiliari, eccessivi rispetto alle disposizioni di legge. Nel 2010 l’ufficio di revisione della Fortius aveva invece definito conforme il conto annuale e una perizia aveva stabilito che le lacune riscontrate non compromettevano l’andamento del fondo. I conti degli anni successivi passano al vaglio della Vigilanza sulle fondazioni di San Gallo e lì le questioni amministrative si trasformano in un caso penale. Nel 2013 il Consiglio di Stato aveva affermato, nero su bianco, che “al momento non emergono elementi concreti di una responsabilità del Cantone”. Ora, però, come richiesto dal Tribunale federale, la palla torna nel campo della Pretura distrettuale di Bellinzona che dovrà esaminare l’intera vicenda ed entrare nel merito della richiesta di risarcimento a sei zeri.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved