onsernone-le-famiglie-faticano-a-trovare-un-tetto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Alpe Cedullo, giornata di pulizia dei pascoli

Organizzata dal Gruppo di lavoro dei Patriziati del Gambarogno e dalla Società cacciatori Locarnese e Valli
gallery
Mendrisiotto
3 ore

Furgone prende fuoco a Rancate

Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato.
Ticino
4 ore

Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo

In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
18 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
20 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
20 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
20 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
20 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
20 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
20 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
21 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
22 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
22 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
23 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
1 gior

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
1 gior

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
laR
 
15.03.2021 - 22:20
Aggiornamento : 16.03.2021 - 09:23

Onsernone, le famiglie faticano a trovare un tetto

Il parere di alcuni genitori della valle che credono che per frenare lo spopolamento e salvare la scuola sia necessario risolvere il problema dell'alloggio

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La scuola è lo specchio di una comunità, l'edificio simbolo del passaggio delle generazioni, un riferimento sociale di grande significato per i suoi abitanti, soprattutto nei piccoli paesi di valle dove lo spopolamento ha significato la perdita del futuro. Per i pochi bambini di realtà lontane dai grandi centri, l'ambito educativo di questa istituzione ricopre pure un ruolo identitario, di riferimento sociale, di legame con le proprie radici. È il caso, ad esempio, della Scuola in Valle Onsernone, minacciata di chiusura a causa dell'esiguo numero di scolari, difesa a denti stretti dall'autorità municipale e dai genitori, con questi ultimi promotori di una petizione la scorsa estate. Sì perché a quel punto si è mossa la Valle. Una battaglia condotta contro le direttive previste dal Decs che ha portato, come noto, al mantenimento delle due sezioni attuali delle scuole comunali di Loco (grazie anche al ciclo pluriclasse Harmos). Un sacrificio, anche finanziario per l'ente pubblico vallerano, che è comunque valso la pena.

'I numeri ci condannano, servono soluzioni per dare continuità alla scuola'

 

Salva sì, ma per quanto ancora? Quali sono le prospettive future? Nadir Cortesi, genitore e firmatario della petizione, portavoce del pensiero di altre famiglie con bimbi della valle, non ha dubbi al riguardo: “I numeri ci condannano, sono impietosi. Purtroppo la petizione non faceva riferimento a un miglioramento della situazione a breve/medio termine. Per mamme e papà questa  provvisorietà non è certo il massimo. Occorre trovare al più presto una soluzione per dare continuità a questa realtà. Il Comune si sta impegnando; l'idea della scuola a tempo pieno, utile alle famiglie delle Tre Terre con entrambi i genitori che lavorano, è sicuramente interessante. Purtroppo, anche se funzionasse, non invertirebbe il calo e l'invecchiamento demografico. So di famiglie interessate a venire a stabilirsi in valle, purtroppo uno dei problemi sul tappeto è la mancanza di abitazioni/case in grado di accoglierle».

Altrimenti detto, l'Onsernone presenta, per alcuni genitori, un numero elevato di case secondarie che, ovviamente, portano turisti durante la bella stagione ma non nuovi residenti fissi. «L'ho vissuto sulla mia pelle - prosegue Nadir Cortesi - quando mi sono dovuto trasferire da Loco e per fortuna ho trovato in extremis una casa a Mosogno. A nostro avviso questo problema deve essere messo al centro della discussione politica affinché si trovino delle soluzioni per invertire il rapporto tra case di vacanza e abitazioni primarie. È necessario muoversi con urgenza per poter dare un futuro alla valle».

'No al turismo di giornata, meglio progetti che favoriscano la permanenza'

Altro tasto che fa discutere mamme e papà, quello dello sviluppo turistico del comprensorio tracciato nel progetto Onsernone 025. «Puntare allo sviluppo di un turismo che porti posti di lavoro per gente che non può stabilirsi in valle non ha, secondo noi, molto senso. I pendolari non portano un granché alla nostra realtà. Meglio optare per un turismo lento, rispettoso dell'ambiente, di nicchia e qualità piuttosto che il classico mordi e fuggi di giornata. Siamo dell'idea che tutti quei progetti che non vanno in questa direzione vadano abbandonati o per lo meno ripensati. Penso ad esempio al Ponte Tibetano tra Auressio e Loco. Insensato! Non farebbe che generare traffico lungo una strada già stretta e tortuosa. Chi vive qui a nostro modo di vedere ha bisogno d'altro. Bisogna puntare sul benessere dei residenti, favorendone la permanenza. Il turismo inteso non come finalità, bensì come mezzo per sostenere chi ha scelto di vivere quassù. Quindi non di massa, capace solo di distruggere l'immagine e l'attrattività di una località. Guardate quanto succede in Verzasca in piena estate... L'Onsernone deve rimanere una meta alternativa a questi circuiti toccata e fuga. Di idee per questo sviluppo del settore meno invasivo ve ne sono senz'altro».

Il trasporto pubblico è notevolmente migliorato, ma mancano gli stalli per gli indigeni

Proprio la viabilità scoraggia molte famiglie dal domiciliarsi in Valle. «Grazie all'impegno dell'autorità, si è potuto incrementare il numero di corse dell'autopostale. Cinque in più al giorno, a fasce orarie interessanti, è sicuramente un bel passo avanti. Resta da risolvere il problema dei posteggi pubblici. Vi è una carenza perché molti di questi, diversi mesi all'anno, sono occupati dai proprietari di abitazioni di vacanza. Anche qui si tratta di dare la precedenza alla popolazione indigena, perché purtroppo l'auto, per chi risiede in Onsernone, non è un lusso ma una necessità. L'autorità, che qualcosa ha iniziato a fare, dovrà chinarsi anche su questo problema, creando, su richiesta degli abitanti delle frazioni, degli stalli privati a prezzi accessibili. Dialogando con privati, Patriziato e altre realtà locali sicuramente si potrà venirne a capo. Il tutto senza ovviamente mai perdere di vista l'uso dei mezzi pubblici».

Pareri, quelli di Nadir Cortesi, condivisi come detto dapiù genitori, che hanno deciso di unirsi per dar luogo alla "Binda", un gruppo civico che si presenterà alla scadenza di aprile. «La binda è il simbolo dell'Onsernone, ha contribuito al suo sviluppo, alla sua prosperità nel passato. E', al tempo stesso, sinonimo di unione, di collettività, di sinergie che si intrecciano. Rafforza il senso di comunità e di solidarietà della popolazione. Allo stesso modo noi vogliamo poter collaborare con tutti, per perseguire i nostri obiettivi. Primo fra tutti il mantenimento della scuola, cuore pulsante del paese, unico modo per invertire la rotta dello spopolamento. E di non perdere ulteriori famiglie che alimentano le aggregazioni sociali e i legami tra generazioni» - conclude il nostro interlocutore.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abitazioni case famiglie onsernone posteggi progetti scuola spopolamento
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved