BERRETTINI M. (ITA)
1
NADAL R. (ESP)
2
4 set
(3-6 : 2-6 : 6-3 : 3-6)
pettorine-per-cani-guida-per-ciechi-fatte-a-mano-in-lavizzara
La futura sede dell'azienda familiare alle ex scuole comunali di San Carlo di Peccia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
Locarnese
2 ore

Verzasca, tutti i lavori dopo lo svuotamento del lago

Al via le opere di manutenzione a più di cinquant’anni dalla prima messa in servizio del bacino per la produzione di energia idroelettrica
Luganese
8 ore

Schiacciato sotto un tornio industriale, non ce la fa

Vittima dell’infortunio avvenuto in una azienda di Agno un operaio di 51 anni del Canton Zurigo
Ticino
12 ore

Processo Antonini: due imputati, due versioni

L’ex comandante e l’ex capo dello Stato maggiore si rimpallano le responsabilità della costituzione della ‘cassa nera’
Ticino
12 ore

Operazione ‘Imponimento’, oltre sessanta condanne

La sentenza su uno dei filoni dell’inchiesta italiana contro la ’ndrangheta che aveva portato anche ad alcuni arresti in Svizzera
GALLERY
Luganese
12 ore

Schiacciato da un macchinario, grave infortunio ad Agno

Il grave infortunio è avvenuto intorno alle 17 in un’industria di via Ginnasio. La Polizia è sul posto per gli accertamenti del caso
Bellinzonese
13 ore

Marco Noi si dimette dal Consiglio comunale di Bellinzona

L’esponente dei Verdi motiva la sua scelta con ‘ragioni d’ordine personale’
Luganese
13 ore

Inversione di tendenza: Lugano torna a crescere

Nel 2021 la popolazione è leggermente aumentata (+95), dopo un lustro di declino, portando il totale a 66’586 abitanti. Positivo il saldo migratorio
Luganese
13 ore

Un centro balneare-ricreativo per Cadro

In un’interpellanza, Demis Fumasoli chiede al Municipio di Lugano di riaprire il dialogo con i proprietari del sedime dell’ex centro ricreativo
Locarnese
13 ore

Agarone, interruzione di corrente

Lavori sulla rete della Ses il 2 febbraio, dalle 8.15 alle 11.15
Locarnese
13 ore

Sag Gordola, da lunedì prossimo si riparte

Le attività del sodalizio sportivo riprenderanno con tutte le garanzie sanitarie del caso
Bellinzonese
14 ore

Le botte del padre e le scuse pretese con il coltello alla gola

Condannato un giovane affetto da una turba psichica che nel 2020 minacciò il papà: voleva che riconoscesse il dolore arrecato a lui e ai fratelli
Locarnese
14 ore

Minusio, escursione botanica

La propone l’Associazione quartiere che riprende il 5 febbraio la propria attività all’aperto
Locarnese
14 ore

Livelli minimi del Lago Maggiore, il turismo sta col governo

Preoccupazione per un Verbano più alto: ‘Comprometterebbe sensibilmente l’attrattività turistica di alcuni comparti balneabili del nostro territorio’
07.12.2020 - 06:000

Pettorine per cani guida per ciechi fatte a mano in Lavizzara

Consegnata a un messaggio municipale la proposta di destinare le ex scuole di Peccia alla produzione dell'Atelier de Cuir, iniziativa dei coniugi Kaufmann

Tra i vari esempi di piccola imprenditorialità locale in zone periferiche ve n'è uno che merita, senza dubbio, una citazione. Interessa da vicino la Valle Lavizzara e vede protagonisti due giovani coniugi di Sornico, Sandra e Alessandro Kaufmann.

La loro idea, sostenuta dal Municipio alto valmaggese, è quella di aprire in loco una piccola azienda di produzione di pettorine in cuoio per cani guida di non vedenti fatte a mano. Un progetto sicuramente originale, che per potersi concretizzare abbisogna, però, di spazi in cui inserire un piccolo atelier.

Ed è qui che l'Amministrazione di Lavizzara, contattata dagli interessati, ha deciso di fare la sua parte, proponendo la messa a disposizione, della coppia, previo pagamento di un canone d'affitto politico, degli spazi delle ex scuole comunali di San Carlo di Peccia, oggi non più utilizzati a fini didattici. L'ultima parola al riguardo spetterà al legislativo, che si riunirà in seduta ordinaria lunedì prossimo 14 dicembre, ma l'esecutivo è certo che quest'ultimo non sbarrerà la strada all'idea.

Dal Giura alle ex scuole comunali di Peccia

Il progetto dei Kaufmann, a dirla tutta, ha origini extra vallerane: come riportato dal Messaggio municipale la coppia intende infatti riprendere, integralmente, l'attività avviata oltre tre decenni fa da due loro conoscenti del Canton Giura, attivi nell'Atelier de Cuir di Les Bois.

I titolari, in procinto di passare alla pensione, cercavano qualcuno cui cedere la loro attività. A chi nutre dubbi sul successo commerciale di un simile prodotto è sufficiente ricordare che, in anni di serio lavoro, i due titolari giurassiani si sono guadagnati la fiducia d'importanti clienti del mercato svizzero, europeo e non solo.

L’esperienza maturata negli anni in Romandia dimostra che c’è una richiesta di questi speciali articoli, la cui elevata qualità si vorrebbe ora mantenere nell’alta Vallemaggia, terra peraltro di cultura in cui si è sviluppata nei secoli una fervente attività artigianale, ben visibili osservando gli imponenti edifici storici che danno ancora oggi lustro a Prato-Sornico, fra cui casa Berna risalente al XVIII sec.

Per il futuro, non sono escluse assunzioni

Per ora si pensa a un’azienda a conduzione familiare, ma per il futuro, se le cose dovessero andar bene, non si escludono delle assunzioni. L'insediamento del nuovo atelier a San Carlo di Peccia dovrebbe avvenire nel corso della prossima primavera. Prima di collocarvi i macchinari, si dovrà procedere a una piccola sistemazione degli spazi dell'ex sede scolastica, ripartiti su due piani (produzione al pian terreno e primo piano occupato da ufficio e magazzino della merce). Agenda alla mano, dal prossimo autunno la produzione vera e propria di pettorine potrebbe partire.

Un'opportunità di lavoro per riunire la famiglia

Sprizza energia da tutti i pori Sandra Kaufmann, da noi contattata: «L'idea di creare un'opportunità di lavoro qui nasce dall'esigenza di poter riunire la nostra famiglia. Mio marito lavora infatti a San Gallo come ingegnere meccanico e questo lo tiene lontano da casa tutta la settimana. Eravamo stufi di questa situazione, non certo adatta per chi ha famiglia (con un bambino).

Così tramite parenti, siamo venuti a conoscenza delle intenzioni dei titolari della ditta giurassiana, che cercavano qualcuno disposto a rilevare la loro attività. Li abbiamo incontrati e convinti, concludendo l'affare e trasferendo la loro azienda in Ticino, a due passi da casa. Abbiamo lanciato una campagna di raccolta fondi per finanziare la nostra attività, orientata al supporto di persone con deficit visivi, ipo- o nulla vedenti”. In futuro non si esclude di estendere la produzione ad altri articoli in cuoio.

L'esecutivo: ‘Un prezzo politico d'affitto’

Dal canto suo l'esecutivo di Lavizzara, che riconosce al progetto una grande valenza (crea posti di lavoro in una zona discosta e, di riflesso, permette la permanenza di famiglie in paese) ha elaborato un prezzo d'affitto “politico”, proprio per non creare eccessive difficoltà ai due promotori. Tenuto conto anche dell'investimento che i coniugi Kaufmann dovranno affrontare, inizialmente si è pensato a un canone complessivo di 800 franchi mensili, con una partecipazione del Comune di 300 per il primo quinquennio.

Un passo a favore dei Kaufmann che, si pensa, possa avere ricadute positive per tutta la regione quando l'attività del nuovo Atelier de Cuir Sagl (questo il nome della ditta) avrà superato le difficoltà tipiche di ogni inizio. Dal punto di vista pratico, conclude il Municipio, non è necessaria la trasformazione dello stabile da bene amministrativo a bene patrimoniale, dal momento che l'edificio di San Carlo di Peccia continuerà a ospitare parte dell'archivio comunale e le attività della Protezione Civile (mensa e dormitorio in caso di catastrofe).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved