ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
28 min

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il Partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
54 min

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
1 ora

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
1 ora

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Locarnese
1 ora

Muralto, dal ‘Vangelo secondo Harry Potter’

Al Centro Evangelico una tavola rotonda propone una lettura delle tematiche spirituali presenti nel ciclo del noto personaggio
Mendrisiotto
1 ora

Cinque Comuni del Mendrisiotto pensano al tutor di comunità

Avviata la formazione di una nuova figura di operatore sociale da parte di Morbio Inferiore, Vacallo, Breggia, Castel San Pietro e Balerna
Locarnese
1 ora

Energie rinnovabili, ‘il Municipio che intenzioni ha?’

Interpellanza del Gruppo Plr e Verdi liberali di Gordola sulla possibilità di sfruttare incentivi federali per fotovoltaico e mobilità elettrica
Mendrisiotto
1 ora

Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità

Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Grigioni
1 ora

Porte aperte all’alambicco regionale del Moesano

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 15 vicino al magazzino comunale ed ecopiazza a Roveredo
Bellinzonese
1 ora

Visita in cioccolateria con l’Atte Leventina

Mercoledì 12 ottobre è in programma una visita alla Chocolat Stella di Giubiasco
Luganese
1 ora

Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare

Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Locarnese
1 ora

Cevio, dal brunch in fattoria allo Svuotacantine

Un successo la giornata didattica e benefica in fattoria; la raccolta fondi prosegue domenica con il mercatino sul piazzale della Manor di Ascona
Locarnese
1 ora

Un impegno (milionario) per l’amore della Terra di San Carlo

Concluso in Valle Bavona il progetto settennale di rivalorizzazione storica, paesaggistica e agricola promosso dal Patriziato di Bignasco
Locarnese
2 ore

Festeggiamenti per i 30 anni della Corale Verzaschese

Ricco programma di proposte per sottolineare la ricorrenza nei prossimi mesi
07.12.2020 - 06:00

Pettorine per cani guida per ciechi fatte a mano in Lavizzara

Consegnata a un messaggio municipale la proposta di destinare le ex scuole di Peccia alla produzione dell'Atelier de Cuir, iniziativa dei coniugi Kaufmann

pettorine-per-cani-guida-per-ciechi-fatte-a-mano-in-lavizzara
La futura sede dell'azienda familiare alle ex scuole comunali di San Carlo di Peccia

Tra i vari esempi di piccola imprenditorialità locale in zone periferiche ve n'è uno che merita, senza dubbio, una citazione. Interessa da vicino la Valle Lavizzara e vede protagonisti due giovani coniugi di Sornico, Sandra e Alessandro Kaufmann.

La loro idea, sostenuta dal Municipio alto valmaggese, è quella di aprire in loco una piccola azienda di produzione di pettorine in cuoio per cani guida di non vedenti fatte a mano. Un progetto sicuramente originale, che per potersi concretizzare abbisogna, però, di spazi in cui inserire un piccolo atelier.

Ed è qui che l'Amministrazione di Lavizzara, contattata dagli interessati, ha deciso di fare la sua parte, proponendo la messa a disposizione, della coppia, previo pagamento di un canone d'affitto politico, degli spazi delle ex scuole comunali di San Carlo di Peccia, oggi non più utilizzati a fini didattici. L'ultima parola al riguardo spetterà al legislativo, che si riunirà in seduta ordinaria lunedì prossimo 14 dicembre, ma l'esecutivo è certo che quest'ultimo non sbarrerà la strada all'idea.

Dal Giura alle ex scuole comunali di Peccia

Il progetto dei Kaufmann, a dirla tutta, ha origini extra vallerane: come riportato dal Messaggio municipale la coppia intende infatti riprendere, integralmente, l'attività avviata oltre tre decenni fa da due loro conoscenti del Canton Giura, attivi nell'Atelier de Cuir di Les Bois.

I titolari, in procinto di passare alla pensione, cercavano qualcuno cui cedere la loro attività. A chi nutre dubbi sul successo commerciale di un simile prodotto è sufficiente ricordare che, in anni di serio lavoro, i due titolari giurassiani si sono guadagnati la fiducia d'importanti clienti del mercato svizzero, europeo e non solo.

L’esperienza maturata negli anni in Romandia dimostra che c’è una richiesta di questi speciali articoli, la cui elevata qualità si vorrebbe ora mantenere nell’alta Vallemaggia, terra peraltro di cultura in cui si è sviluppata nei secoli una fervente attività artigianale, ben visibili osservando gli imponenti edifici storici che danno ancora oggi lustro a Prato-Sornico, fra cui casa Berna risalente al XVIII sec.

Per il futuro, non sono escluse assunzioni

Per ora si pensa a un’azienda a conduzione familiare, ma per il futuro, se le cose dovessero andar bene, non si escludono delle assunzioni. L'insediamento del nuovo atelier a San Carlo di Peccia dovrebbe avvenire nel corso della prossima primavera. Prima di collocarvi i macchinari, si dovrà procedere a una piccola sistemazione degli spazi dell'ex sede scolastica, ripartiti su due piani (produzione al pian terreno e primo piano occupato da ufficio e magazzino della merce). Agenda alla mano, dal prossimo autunno la produzione vera e propria di pettorine potrebbe partire.

Un'opportunità di lavoro per riunire la famiglia

Sprizza energia da tutti i pori Sandra Kaufmann, da noi contattata: «L'idea di creare un'opportunità di lavoro qui nasce dall'esigenza di poter riunire la nostra famiglia. Mio marito lavora infatti a San Gallo come ingegnere meccanico e questo lo tiene lontano da casa tutta la settimana. Eravamo stufi di questa situazione, non certo adatta per chi ha famiglia (con un bambino).

Così tramite parenti, siamo venuti a conoscenza delle intenzioni dei titolari della ditta giurassiana, che cercavano qualcuno disposto a rilevare la loro attività. Li abbiamo incontrati e convinti, concludendo l'affare e trasferendo la loro azienda in Ticino, a due passi da casa. Abbiamo lanciato una campagna di raccolta fondi per finanziare la nostra attività, orientata al supporto di persone con deficit visivi, ipo- o nulla vedenti”. In futuro non si esclude di estendere la produzione ad altri articoli in cuoio.

L'esecutivo: ‘Un prezzo politico d'affitto’

Dal canto suo l'esecutivo di Lavizzara, che riconosce al progetto una grande valenza (crea posti di lavoro in una zona discosta e, di riflesso, permette la permanenza di famiglie in paese) ha elaborato un prezzo d'affitto “politico”, proprio per non creare eccessive difficoltà ai due promotori. Tenuto conto anche dell'investimento che i coniugi Kaufmann dovranno affrontare, inizialmente si è pensato a un canone complessivo di 800 franchi mensili, con una partecipazione del Comune di 300 per il primo quinquennio.

Un passo a favore dei Kaufmann che, si pensa, possa avere ricadute positive per tutta la regione quando l'attività del nuovo Atelier de Cuir Sagl (questo il nome della ditta) avrà superato le difficoltà tipiche di ogni inizio. Dal punto di vista pratico, conclude il Municipio, non è necessaria la trasformazione dello stabile da bene amministrativo a bene patrimoniale, dal momento che l'edificio di San Carlo di Peccia continuerà a ospitare parte dell'archivio comunale e le attività della Protezione Civile (mensa e dormitorio in caso di catastrofe).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved