pedemonte-operai-ambulanti-offrono-lavori-attenti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
51 min

Migranti e centri di accoglienza: ‘È questo fare casa?’

Due testimonianze riportano al tema degli asilanti in Ticino. Dalla struttura provvisoria di Pasture all’intensa attività dell’associazione DaRe.
Mendrisiotto
1 ora

Più fotovoltaico a Mendrisio grazie a tariffe agevolate

L’AlternativA lancia una proposta per incrementare la diffusione di impianti a vettore solare nella Città dell’Energia
Luganese
4 ore

Da Caslano: ‘Terza media senza livelli? Grosso vantaggio’

In vista del voto in Gran Consiglio sul superamento dei corsi A/B in matematica e tedesco, reportage dalla scuola ticinese pioniera nella sperimentazione
Ticino
4 ore

‘Siamo una delle voci della scuola, no alla sperimentazione’

Il presidente del Plr Alessandro Speziali boccia la proposta di emendamento del governo al Preventivo per partire col test sul superamento dei livelli
Locarnese
4 ore

Brissago-Locarno in bus, ci sono margini di miglioramento

Incontro nel borgo di confine con Fart, Cit e Ufficio dei trasporti pubblici per vedere di risolvere le criticità dei collegamenti con il centro
Luganese
13 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
13 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
14 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
24.11.2020 - 11:220
Aggiornamento : 16:59

Pedemonte: operai ambulanti offrono lavori, attenti!

Un'insolita squadra di lavoratori da oltre Gottardo si aggira nelle campagne in cerca di guadagni facili, proponendo interventi a prezzi stracciati.

a cura de laRegione

Un tentativo di raggiro bello e buono? Forse no, anche se ne ha tutta l'aria. Ha tentato di metterlo in atto, venerdì, una squadra di operai di origine rumena giunti nelle Terre di Pedemonte a bordo di un furgone con targhe zurighesi. Il manipolo di uomini (4 per la precisione) ha infatti bussato alla porta di un anziano proprietario di casa del paese, al quale ha proposto, con modi cortesi, di sostituire, con una spesa contenuta, i vecchi tubi pluviali con nuovi. L'anziano, sorpreso e spiazzato, li ha lasciati fare. È stato l'intervento dei figli a scongiurare il peggio. Chiesti lumi alla squadra di operai ambulanti, dopo averli fermati in corso d'opera, si sono accorti che qualcosa non quadrava. Avevano infatti già iniziato il cantiere senza perdere un istante. Ma, soprattutto, senza piazzare i necessari ponteggi, inosservanti delle minime prescrizioni di sicurezza. Inutile aggiungere che per un intervento del genere avrebbero anche dovuto avere perlomeno la notifica dal Comune. Inoltre il prezzo proposto (nettamente sottocosto!) variava col passare dei minuti. E le bugie a seguire non si contavano più.


Insospettiti, i figli dell'anziano hanno fotografato il veicolo prima che il gruppo si allontanasse come se niente fosse. Naturalmente è partita una segnalazione alla Polizia di Locarno e alle autorità municipali. Il capodicastero, da noi contattato, ci ha assicurato che la Polizia procederà con delle verifiche. Particolare curioso, in queste ore gli stessi operai sono stati visti aggirarsi, nuovamente, per le campagne del Pedemonte. A bordo di un altro furgone, stavolta con targhe bernesi a quanto sembra. Superfluo, a sto punto, aggiungere che la prudenza è d'obbligo. Da noi contattato, l'addetto stampa del Comando della Polcantonale di Bellinzona ricorda un caso analogo verificatosi, qualche anno fa, con operai ambulanti giunti da fuori continente, che offriva lavori (posa bitume) a prezzi stracciati. I rumeni in questione, invece, sono già stati controllati più volte, in altre località ticinesi. Dispongono di un permesso di ambulante (almeno alcuni di loro) e possono muoversi liberamente in Svizzera perché fanno capo a una ditta svizzera, con sede nel Canton Zurigo, che funge da “cappello”. Il consiglio degli inquirenti è comunque quello di non fidarsi; anche perché la qualità del lavoro svolto, solitamente, non è garantita. Anzi, il piú delle volte combinano pasticci. Se proprio non si vuole rinunciare a questa insolita forma di aiuto, è opportuno stabilire un prezzo in modo chiaro, per evitare brutte sorprese al momento del pagamento. Come ci è stato spiegato, questi operai non creano una situazione di concorrenza sleale ai fini della legge. Non sono state constatate infrazioni né furti nelle abitazioni, motivo per cui possono muoversi liberamente. Ma le segnalazioni alla Polizia circa la loro presenza si sono moltiplicate e questo farà scattare maggiori controlli.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved