huellas-quell-impronta-fra-la-colombia-e-il-ticino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
9 min

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
14 min

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
17 min

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
28 min

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
29 min

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
1 ora

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
1 ora

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
1 ora

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza di ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
1 ora

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
02.11.2020 - 16:58
Aggiornamento: 17:46
di Shila Dutly Glavas

‘Huellas’, quell'impronta fra la Colombia e il Ticino

Il progetto locarnese di Olga Minoggio, che tende la mano agli artigiani colombiani e ne mette in vendita l'ampio ventaglio di prodotti

«Quando penso alle persone in difficoltà non riesco a restare indifferente». E per questa ragione che Olga Minoggio, stilista domiciliata nel Locarnese, ha deciso di rimboccarsi le maniche e di creare un gruppo di aiuto rivolto agli artigiani colombiani.

Nata in Colombia, giunge in Ticino vent’anni or sono per amore. La sua più grande passione è la sartoria e tutto ciò che riguarda la moda, il colore e il tessuto. Sarà proprio grazie a questo interesse creativo, misto alla voglia di sostenere il prossimo che creerà, nel 2012, un “ponte” in grado di collegare la Svizzera con la Colombia. Il progetto si chiama “Huellas”, che in spagnolo significa “impronte”, e ha come scopo quello di supportare il lavoro artigianale della popolazione colombiana, da anni in difficoltà per via del contesto politico ed economico nel quale versa il Paese sudamericano. Le opportunità di lavoro sono scarse, e per questo, alcuni scelgono di dedicarsi a lavori manuali come la tessitura, la lavorazione dei materiali come il legno e la pietra o la creazione di gioielli. Tutte attività tradizionali e familiari, spesso tramandate dai genitori ai figli.

Una sessantina di artigiani coinvolti

«Principalmente vengono prodotti cappelli, sottopiatti, contenitori, ventagli e vari oggetti di legno», racconta Minoggio. Che prosegue: «Collaboro con diversi artigiani. Molti si trovano a Bogotà, altri a Sandona, San Gil, Cartagena. Le persone con cui sono in contatto sono molte, circa una sessantina, come sono molti anche i progetti che seguo. A Sandona, per esempio, a produrre copricapi sono principalmente le donne, che sono una cinquantina. Aiutare queste donne significa sostenere e supportare le loro famiglie e i loro figli. A San Gil, invece, a lavorare sgabelli e altri prodotti tessili sono i detenuti. In Colombia non esiste il sussidio sociale per i prigionieri, quindi questo è l’unico modo che hanno per poter guadagnare qualcosa e occuparsi delle proprie famiglie anche mente sono reclusi».

Il gruppo collabora attivamente da diversi anni con la Bottega del Mondo, che ne vende e promuove i prodotti. «Ogni anno vado a trovarli e seguo il loro sviluppo collaborando per creare dei prodotti che abbiano un mercato in Europa, seguendo i principi della Bottega del Mondo per un commercio equo-solidale», continua Minoggio. Ogni singolo oggetto è interamente lavorato a mano, con cura e dedizione. «In una settimana un’artigiana riesce a confezionare due cappelli, solo per dire quanto lavoro ci sia dietro, ma il valore aggiunto di queste creazioni lo dà un fattore in particolare, che riassume anche il nome stesso del progetto “Huellas”: in spagnolo significa impronte, e penso che questa parola, nella sua semplicità, racchiuda tutto ciò che è alla fine il lavoro artigianale, lasciare un’impronta di sé. La donna che ci mette una settimana a intrecciare un cappello sta, allo stesso tempo, lasciando le sue impronte, i suoi sogni, i suoi desideri, i suoi sacrifici, una parte di sé in quell’oggetto».

E proprio quel copricapo sarà possibile acquistare, insieme ad altri prodotti dalla Colombia, sabato 7 novembre, alla Bottega del Mondo di Locarno, in Via della Motta 18. Il ricavato della giornata andrà agli artigiani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved