laRegione
in-canta-l-attimo-si-r-esiste-con-la-rassegna-vocale
Vent Negru
Locarnese
26.10.2020 - 09:540

'In-canta l'attimo' si (r)esiste con la rassegna vocale

Sabato 31 ottobre e domenica 1. novembre 8 concerti nella chiesa del Cimitero di Locarno Santa Maria in Selva

Sabato 31 ottobre e domenica 1 novembre (ore 15.30-18.30) nella chiesa del Cimitero di Locarno Santa Maria in Selva, il festival Voci Audaci nell’ambito di OSA! si apre ad “In-canta l’attimo”, la nuova mini rassegna vocale che prevede otto brevi concerti di artisti del territorio, ad offerta libera. Gli artisti sono tutti in formazione, duo, trio e quartetto e propongono musica acustica dei più diversi generi: dalla musica popolare delle nostre valli, al folk latinoamericano, fino alla tradizione greca ed armena, musica antica, musica classica indiana o tonalità pop degli anni ’60.

Una grande coperta patchwork, che unisce come un abbraccio musicale per far vibrare e risuonare le corde interiori perché la musica tocca emozioni profonde, e risuona diversamente in ognuno. In questi mesi di pandemia si è parlato molto di morte e
questa è stata nei pensieri di molte persone. Questa rassegna, nella sacralità della piccola chiesa con affreschi di pregio del 1’400 che inneggiano alla vita, vuol essere un invito alla dolce contemplazione sonora. Un incontro laico, una meditazione, un’esperienza di immersione nell'ascolto di otto concerti senza amplificazione.

Il programma prevede questa “scaletta”: sabto 31 ottobre suoneranno alle 15.30 Rossana Taddei, alle 16.15 Sarah Lerch e Lianca Pandolfini, alle 17 Raissa Avilés e Sara Magon, alle 17.45 i Greensleeves; domenica 1. novembre si riprende alle 15.30 con Cocoband, cui faranno seguito alle 16.15 i Vent Negru, alle 17 il Duo Orifici-Boldre e alle 17.45 Modulata Carmina.

Pochissimi posti: prenotazione e mascherina obbligatorie. Chiesa non riscaldata. Offerta libera. Per prenotazioni e info si può chiamare lo 076 280 96 90 (ticket@organicoscenaartistica.ch). Tutto il programma è su www.organicoscenaartistica.ch.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved