ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
5 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
17 ore

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
17 ore

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
17 ore

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
1 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
1 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
Mendrisiotto
1 gior

Valera verde, L’AlternativA: ‘Seguiremo con occhio vigile’

Verdi e Sinistra insieme: ‘Il fondovalle del Mendrisiotto ha bisogno di questo polmone verde. Non molleremo la presa’
Ticino
1 gior

In pensione il caposezione Circolazione, bando per sostituirlo

L’avvocato Cristiano Canova lascerà la carica il 1° aprile 2023, dopo oltre 30 anni di servizio. Pubblicato il concorso per trovare il suo successore
Bellinzonese
1 gior

Incontro con Raffaele De Rosa a Lodrino

L’evento, organizzato dal Centro di Riviera, si terrà giovedì 29 settembre dalle 18 all’ex Vetreria
Ticino
1 gior

Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre

Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
24.10.2020 - 06:00

Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811

I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò

tegna-tra-comune-e-parrocchia-una-convenzione-del-1811

Porgere l'altra guancia. L'atteggiamento buonista predicato nel Vangelo per evitare che il male (in questo caso le polemiche) prenda il sopravvento non sembra albergare nello spirito di una parte del Consiglio parrocchiale di Tegna. Almeno stando a quanto pubblicato sull'ultimo numero del Bollettino parrocchiale della comunità di Tegna-Verscio e Cavigliano, nel riferire dello spinoso problema della convenzione tra il Comune di Terre di Pedemonte e la Parrocchia di Tegna. Il discorso è tutt'ora aperto, dopo che il Consiglio comunale, nel mese di marzo di due anni fa ,si è rifiutato di ratificare il nuovo accordo negoziato dal Municipio, perché convinto della necessità di superare definitivamente gli accordi d'inizio 1800 invece di semplicemente aggiornarli con un complemento temporaneo.

Un mediatore per trovare un'intesa

Nel frattempo un avvocato incaricato dal Comune ha stabilito in un parere che, da un lato,  la vecchia convenzione risalente al 1811 è tuttora valida, ma che a determinate condizioni potrebbe anche venire disdetta, anche unilateralmente.  Il Municipio, per evitare ulteriori litigi, ha chiesto una mediazione, da affidare a una persona “super partes” che possa mettere d'accordo i due enti. Proposta piaciuta al Consiglio parrocchiale che resta in attesa dei prossimi passi.
Quello che però non fa piacere all'Amministrazione comunale è il commento relativo allo stato, precario, in cui si trova la chiesa di Tegna, di proprietà (caso raro in Ticino) del Comune, riportato nell'opuscolo:“Imbarazzante e irresponsabile la posizione del Municipio di sospendere i progetti per i lavori urgenti di restauro della chiesa fino al raggiungimento dell'accordo sulla convenzione. Una decisione rischiosa dato che in particolare le finestre si trovano in un pessimo stato e potrebbero staccarsi e cadere su chi frequenta la chiesa non solo per le funzioni religiose ma anche per assistere a concerti o eventi culturali. Il Consiglio parrocchiale renderà nuovamente attento il Municipio sulle sue responsabilità”- si legge nel Bollettino.

Mancano i mezzi finanziari

Le casse della Parrocchia piangono. Da anni ormai. Mancano i fondi per assicurare agli immobili (dall'Oratorio di Sant’Anna alla Casa parrocchiale, passando per la Chiesa di Santa Maria Assunta) la necessaria manutenzione; vi sono importanti investimenti che attendono di essere attuati, ma senza la partecipazione finanziaria del Comune, impossibile procedere. Questo il contesto in cui si muove il Consiglio parrocchiale di Tegna. A detta del Consiglio parrocchiale, prima dell'aggregazione, l'allora Comune di Tegna si impegnava ad assicurare il sostentamento parrocchiale senza limitazioni di sorta, in cambio dell’incameramento de  beni parrocchiali avvenuto nel XIX secolo. 

“La consapevolezza che i tempi sono cambiati"


Con l'avvento del Comune di Terre di Pedemonte, le cose sono cambiate. Anche se, annualmente, esso versa ancora, all'ente religioso, un importo di circa 30mila franchi. La nuova convenzione, oltre a stabilire un contributo forfettario definito (in pratica la conferma dell’importo attuale sempre riconosciuto) permetterà di regolare pure la questione delle spese di manutenzione degli immobili. Due anni fa, se le cose nella sala del Consiglio comunale fossero andate come previsto, l'Esecutivo si sarebbe impegnato a sottoporre, al legislativo una richiesta di credito per i lavori che interessano la chiesa in modo da salvaguardare questo bene culturale. Come detto, la maggioranza del legislativo si è rifiutata di accettare la convenzione, mandando all'aria i piani.
«Il Municipio ha deciso di attendere la firma della nuova convenzione prima di muoversi con eventuali investimenti - afferma il sindaco Fabrizio Garbani Nerini - Se la figura del mediatore proposto verrà accettata dalle parti, sarà quest'ultimo a preparare il nuovo testo da sottoporre poi all'assemblea parrocchiale e al consiglio comunale. Noi ci atterremo comunque alla decisione adottata dal legislativo: se il Consiglio comunale vuole una nuova convenzione che sostituisca completamente quella del 1811, periodo nel quale in Europa giganteggiava la figura di Napoleone, noi agiremo in tal senso, anche perché i tempi sono cambiati e la Parrocchia lo deve capire. Non siamo dinnanzi a un'offensiva laicista: tutto il legislativo è favorevole a confermare un contributo annuo a fondo perso, non si vuole introdurre l’imposta parrocchiale, che ahimé quasi nessuno pagherebbe; ma nel XXI secolo la Parrocchia non può più pretendere che i contributi comunali siano illimitati. Parole come perpetuo ed eterno le lasciamo al Buon Dio, ma non le vogliamo su una convenzione tra enti di diritto pubblico. Quanto allo stato precario delle finestre della chiesa, stiamo valutando il da farsi».

A Cavigliano c'è chi investe nel mattone

Per una Parrocchia che naviga in acque poco profonde, un'altra, quella di Cavigliano, che ha invece deciso d'investire nel mattone. A pochi passi dalla ferrovia, nella campagna, sono infatti iniziati, dopo numerose resistenze da parte di un confinante, i lavori i costruzione di una palazzina di tre piani che dovrebbe accogliere appartamenti a pigione moderata per nuove famiglie con figli desiderose di stabilirsi in paese. 

«Non a caso – conclude il Sindaco – con la Parrocchia di Cavigliano che è propositiva, coraggiosa, al passo con i tempi, il Comune ha un ottimo rapporto».
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved