tegna-tra-comune-e-parrocchia-una-convenzione-del-1811
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
16 min

Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona

In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Lo chiede con un’interpellanza Antoine Ndombele
Luganese
19 min

Fotografie di Bianca De Luca al Canvetto Luganese

‘Anime’ verrà inaugurata ufficialmente sabato 22 gennaio e potrà essere visitata fino al 23 aprile. Organizza la Fondazione Diamante
Mendrisiotto
37 min

Quattro deputati si mobilitano a favore di India

In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
38 min

Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna

Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Luganese
48 min

Raccolta differenziata senza segreti a Massagno

Il Comune si è dotato dell’applicazione ‘Junker’. Verrà utilizzata anche per le comunicazioni urgenti di servizio
Locarnese
1 ora

‘Caspar e lo gnomo’ per la ripartenza dei MiniSpettacoli

Moira Dellatorre della Compagnia Tiraccontounastoria di Avegno in scena domenica 23 gennaio dalle 16 al Teatro Oratorio di Minusio
Ticino
2 ore

Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi

Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
3 ore

Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri

‘L’indipendenza è oggi insidiata da quello che qualcuno ha già descritto come il rischio della “socializzazione dei procedimenti”
Mendrisiotto
7 ore

A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro

Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
7 ore

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
7 ore

Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi

Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
14 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
15 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
16 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
16 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
24.10.2020 - 06:000

Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811

I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò

Porgere l'altra guancia. L'atteggiamento buonista predicato nel Vangelo per evitare che il male (in questo caso le polemiche) prenda il sopravvento non sembra albergare nello spirito di una parte del Consiglio parrocchiale di Tegna. Almeno stando a quanto pubblicato sull'ultimo numero del Bollettino parrocchiale della comunità di Tegna-Verscio e Cavigliano, nel riferire dello spinoso problema della convenzione tra il Comune di Terre di Pedemonte e la Parrocchia di Tegna. Il discorso è tutt'ora aperto, dopo che il Consiglio comunale, nel mese di marzo di due anni fa ,si è rifiutato di ratificare il nuovo accordo negoziato dal Municipio, perché convinto della necessità di superare definitivamente gli accordi d'inizio 1800 invece di semplicemente aggiornarli con un complemento temporaneo.

Un mediatore per trovare un'intesa

Nel frattempo un avvocato incaricato dal Comune ha stabilito in un parere che, da un lato,  la vecchia convenzione risalente al 1811 è tuttora valida, ma che a determinate condizioni potrebbe anche venire disdetta, anche unilateralmente.  Il Municipio, per evitare ulteriori litigi, ha chiesto una mediazione, da affidare a una persona “super partes” che possa mettere d'accordo i due enti. Proposta piaciuta al Consiglio parrocchiale che resta in attesa dei prossimi passi.
Quello che però non fa piacere all'Amministrazione comunale è il commento relativo allo stato, precario, in cui si trova la chiesa di Tegna, di proprietà (caso raro in Ticino) del Comune, riportato nell'opuscolo:“Imbarazzante e irresponsabile la posizione del Municipio di sospendere i progetti per i lavori urgenti di restauro della chiesa fino al raggiungimento dell'accordo sulla convenzione. Una decisione rischiosa dato che in particolare le finestre si trovano in un pessimo stato e potrebbero staccarsi e cadere su chi frequenta la chiesa non solo per le funzioni religiose ma anche per assistere a concerti o eventi culturali. Il Consiglio parrocchiale renderà nuovamente attento il Municipio sulle sue responsabilità”- si legge nel Bollettino.

Mancano i mezzi finanziari

Le casse della Parrocchia piangono. Da anni ormai. Mancano i fondi per assicurare agli immobili (dall'Oratorio di Sant’Anna alla Casa parrocchiale, passando per la Chiesa di Santa Maria Assunta) la necessaria manutenzione; vi sono importanti investimenti che attendono di essere attuati, ma senza la partecipazione finanziaria del Comune, impossibile procedere. Questo il contesto in cui si muove il Consiglio parrocchiale di Tegna. A detta del Consiglio parrocchiale, prima dell'aggregazione, l'allora Comune di Tegna si impegnava ad assicurare il sostentamento parrocchiale senza limitazioni di sorta, in cambio dell’incameramento de  beni parrocchiali avvenuto nel XIX secolo. 

“La consapevolezza che i tempi sono cambiati"


Con l'avvento del Comune di Terre di Pedemonte, le cose sono cambiate. Anche se, annualmente, esso versa ancora, all'ente religioso, un importo di circa 30mila franchi. La nuova convenzione, oltre a stabilire un contributo forfettario definito (in pratica la conferma dell’importo attuale sempre riconosciuto) permetterà di regolare pure la questione delle spese di manutenzione degli immobili. Due anni fa, se le cose nella sala del Consiglio comunale fossero andate come previsto, l'Esecutivo si sarebbe impegnato a sottoporre, al legislativo una richiesta di credito per i lavori che interessano la chiesa in modo da salvaguardare questo bene culturale. Come detto, la maggioranza del legislativo si è rifiutata di accettare la convenzione, mandando all'aria i piani.
«Il Municipio ha deciso di attendere la firma della nuova convenzione prima di muoversi con eventuali investimenti - afferma il sindaco Fabrizio Garbani Nerini - Se la figura del mediatore proposto verrà accettata dalle parti, sarà quest'ultimo a preparare il nuovo testo da sottoporre poi all'assemblea parrocchiale e al consiglio comunale. Noi ci atterremo comunque alla decisione adottata dal legislativo: se il Consiglio comunale vuole una nuova convenzione che sostituisca completamente quella del 1811, periodo nel quale in Europa giganteggiava la figura di Napoleone, noi agiremo in tal senso, anche perché i tempi sono cambiati e la Parrocchia lo deve capire. Non siamo dinnanzi a un'offensiva laicista: tutto il legislativo è favorevole a confermare un contributo annuo a fondo perso, non si vuole introdurre l’imposta parrocchiale, che ahimé quasi nessuno pagherebbe; ma nel XXI secolo la Parrocchia non può più pretendere che i contributi comunali siano illimitati. Parole come perpetuo ed eterno le lasciamo al Buon Dio, ma non le vogliamo su una convenzione tra enti di diritto pubblico. Quanto allo stato precario delle finestre della chiesa, stiamo valutando il da farsi».

A Cavigliano c'è chi investe nel mattone

Per una Parrocchia che naviga in acque poco profonde, un'altra, quella di Cavigliano, che ha invece deciso d'investire nel mattone. A pochi passi dalla ferrovia, nella campagna, sono infatti iniziati, dopo numerose resistenze da parte di un confinante, i lavori i costruzione di una palazzina di tre piani che dovrebbe accogliere appartamenti a pigione moderata per nuove famiglie con figli desiderose di stabilirsi in paese. 

«Non a caso – conclude il Sindaco – con la Parrocchia di Cavigliano che è propositiva, coraggiosa, al passo con i tempi, il Comune ha un ottimo rapporto».
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved