laRegione
casa-epper-ad-ascona-che-pasticcio
Casa Epper
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 min

‘Elezioni comunali, confermato il 18 aprile’

La Sezione enti locali scrive ai municipi. Della Santa: stiamo studiando le necessarie misure per garantire il regolare e corretto esercizio del voto
Luganese
1 ora

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor
TICINO
1 ora

Gli allievi infermieri sono già in corsia

Saranno quasi ottanta coloro che prolungheranno il periodo di pratica nei vari servizi presenti sul territorio
Bellinzonese
1 ora

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio
Ticino
1 ora

Defunti Covid, pompe funebri spaventate dalle nuove direttive

Confederazione e Cantoni aprono a manipolazioni delle salme e commiato a bare aperte, ma le imprese temono contagi e quarantene aziendali
Luganese
11 ore

Lugano, Forum alternativo: 'I Verdi stanno col Ps'

Elezioni, sfuma l'accordo per la lista unica. Nicola Schönenberger: 'Un discorso di area di sinistra meglio della frammentazione'
Gallery
Mendrisiotto
12 ore

Incontro ravvicinato con un Rubens per Natale a Chiasso

Il M.a.x. museo della cittadina inaugura la consuetudine di una esposizione per l'Avvento. In prestito da un privato la 'Madonna con Bambino'
Mendrisiotto
12 ore

Superstrada allungata, Mendrisio non ci sta

Il Municipio è pronto a opporsi all'opera. Si teme un aumento del traffico transfrontaliero
Ticino
12 ore

Salario minimo, Sirica (Ps) al governo: ‘Quale applicazione?’

Con un'interrogazione il copresidente socialista chiede che entri in vigore subito nel 2021, che non si attenda dicembre e che si spinga molto sui controlli
Audio
Ticino
12 ore

Sci e Covid, Pini: 'Mascherine fondamentali, aiutateci'

Il direttore degli impianti di Airolo sulle aperture: 'Pronti a gestire gli assembramenti, ma attenzione'
Mendrisiotto
13 ore

In via Catenazzi a Mendrisio cambiano le regole

A seguito dei lavori nel comparto della stazione ferroviaria viene introdotto il senso unico per un tratto
Luganese
13 ore

Lugano conferma il mercatino di Natale 'a prova di Covid'

Misure di distanziamento e sicurezza accresciute. Il fulcro in piazza Manzoni, dove l'area sarà cintata e con un tetto massimo di ingressi
Locarnese
22.10.2020 - 16:500
Aggiornamento : 20:13

‘Casa Epper ad Ascona, che pasticcio'

Nello stabile in via Albarelle resta il recapito della Fondazione Gérard. Il commento dell'ex municipale Cerciello

Nuovi capitoli della Museo-Epper-novela ad Ascona. Ad aggiungere elementi alla vicenda, che ha visto la vendita dello stabile in via Albarelle 14, che fu degli artisti Ignaz e Mischa Epper, al vicino albergo Eden Roc, è Michele Cerciello, già municipale del Borgo. «Ad oggi – spiega – sul Registro di commercio risulta che il recapito della Fondazione Epper è stato spostato in Carrà dei Nasi 1, dove ha sede la Fondazione Rolf Gérard. Il recapito della Fondazione Gérard, invece, risulta in via Albarelle, dove si trova la casa Epper. Ma che pasticcio è mai questo? Quindi, quando il 16 settembre scorso leggevamo su laRegione che “Casa Epper resta luogo d’arte” significava che Epper sarebbe stato sostituito da Gérard? Ma perché Epper no e Gérard sì? Chi ci capisce è bravo, io ci rinuncio».

Cerciello, che dall'inizio della vicenda si è schierato per il mantenimento del Museo Epper in via Albarelle (così come previsto dal testamento di Mischa Epper e dagli statuti della Fondazione, poi modificati per rendere possibile la vendita di casa e giardino e il trasloco della collezione di opere in Casa Gérard), aggiunge altri elementi, ricordando che le dichiarazioni rilasciate dal presidente del consiglio della Fondazione Epper, Maurizio Checchi, lasciano presagire una conclusione favorevole della vicenda: «Tanto che il pittore Edgardo Cattori e il gallerista Mario Matasci (che consegnarono le 1'500 e più firme per
salvare il Museo Epper), pubblicamente e su testate diverse, hanno espresso l’uno rassegnazione, l’altro una ironica accettazione – ricorda l'intervistato –. E invece, vengo a sapere che i pronipoti della Mischa Epper hanno impugnato la decisione della Vigilanza sulle fondazioni, che li dichiara non legittimati a reclamare alcunché dalla Fondazione Epper. Non so dire quali siano i cavilli giuridici addotti dagli avvocati nel ricorso, ma so che un ricorso dovrebbe avere un effetto sospensivo. A questo punto la questione non è per nulla chiusa e chissà per quanto andrà avanti. Inoltre anche la Commissione amministrativa della Vigilanza sulle Fondazioni ci ha comunicato che prossimamente si esprimerà sulla nostra richiesta di verifica dell’operato della Vigilanza. E poi? Proprio non lo so. Che peccato e che perdita di energie, quando, a mio parere, tutto potrebbe risolversi semplicemente».

Una soluzione sta nel mecenatismo

Come? «Con un appello al mecenatismo della famiglia Bechtolsheimer-Kipp, proprietaria dell’Eden Roc e ora anche di Casa Epper – conclude il nostro interlocutore –. Se la Fondazione Epper richiedesse di rimanere con il suo Museo in via Albarelle 14 con un contratto d’affitto a lungo termine, stipulato oggi, dei soli spazi ristrutturati che le serviranno, quali la sala espositiva e l’atelier, allora tutta la problematica del Museo Epper in Ascona sarebbe risolta. Verrebbe rispettato (come chiedono i discendenti di Mischa) il vincolo testamentario che elegge a erede la “Fondazione Ignaz e Mischa Epper con sede in Ascona, in via Albarelle 14”. Inoltre non verrebbe cancellata una parte importante della memoria storica-culturale del borgo e, allo stesso tempo, verrebbe salvato il genius loci della Casa Epper, che si sarebbe perso senza il Museo. È troppo sperare in così poco? Non lo so; ma per favore basta con le chiacchiere! Passiamo ai fatti».

Ricordiamo che lo stabile in via Albarelle 14 dovrà essere risanato dal nuovo proprietario. Il presidente della Fondazione, Checchi, in un'intervista che ci aveva rilasciato a settembre, annunciava che in Casa Epper troverà nuovamente spazio l'arte e la cultura, con esposizioni di opere anche dei coniugi Epper, le cui spoglie resteranno nel giardino annesso. Non mancheranno neppure appuntamenti e mostre aperte al grande pubblico. Insomma, un progetto che piace, ma che – stando a Cerciello – potrebbe venir esteso, con un contratto d'affitto e quindi senza spostare (se non per il tempo dei lavori di riattazione) le opere degli Epper e la sede del museo nell'edificio della Fondazione Gérard. Edificio di cui nel frattempo la Fondazione Epper è diventata co-proprietaria. 

© Regiopress, All rights reserved