ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
54 min

Filippini: ‘La polizia unica non è mai stato un tema per noi’

Il coordinatore del gruppo designato dal governo: ‘Il focus sui compiti, per una loro chiara ripartizione fra Cantonale e polcom. Rapporto per fine anno’
Locarnese
2 ore

Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere

Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale

Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
2 ore

Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’

La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Mendrisiotto
9 ore

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
10 ore

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
10 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
11 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
12 ore

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
Luganese
13 ore

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
13 ore

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
14 ore

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
14 ore

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
15 ore

Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco

Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Locarnese
15 ore

Locarno, riflessione sul volontariato

La Città propone una conferenza a Palazzo Marcacci
Locarnese
15 ore

Andrea Fazioli ospite alla Biblioteca di Aurigeno

Presenterà la sua opera più recente: Le strade oscure
31.08.2020 - 18:04
Aggiornamento: 18:34

'Negli ultimi 60 anni mai un fiume Riarena così spaventoso'

Locarnese martoriato dal maltempo: Protezione civile e servizi comunali sotto pressione. Cugnasco-Gerra e Gordola prevengono nuovi disastri

negli-ultimi-60-anni-mai-un-fiume-riarena-cosi-spaventoso
+1

Il maltempo che si è abbattuto sul Ticino lo scorso fine settimana ha reso necessaria la mobilitazione, accanto a decine di pompieri (spalleggiati in alcuni casi da operai di ditte private messi a disposizione da impresari), anche di forze della Protezione civile di Locarno e Vallemaggia. Militi impegnati a fronteggiare i disagi della popolazione in vari Comuni flagellati dalla pioggia (allagamenti e smottamenti originati da corsi d'acqua in piena e tombini di scarico trasformati in geyser). «Dopo la giornata di sabato, che ci ha visti impegnati più che altro in ricognizioni delle zone a rischio - spiega il comandante Lorenzo Manfredi - domenica 18 uomini sono stati mobilitati in appoggio ai pompieri del Gambarogno (in particolare a San Nazzaro, per aiutare nei lavori di pulizia e rimozione di materiale finito negli scantinati di alcune abitazioni) e a Gordola (anche in questo caso per dar man forte nelle abitazioni invase dall'acqua e per  risolvere criticità all'acquedotto). Lunedì, a Solduno, alcuni militi sono stati dislocati per lo sgombero di materiale portato a valle dai riali straripati; altri uomini sono stati impegnati a Cugnasco-Gerra e alla pista di ghiaccio di Prato Sornico, per analoghi lavori di pulizia e rimozione del materiale trasportato dalla corrente. Nei prossimi giorni, infine, è previsto l'invio di una squadra a Lavertezzo, per la sistemazione di un sentiero che conduce alle sorgenti comunali e per riparare una scalinata danneggiata dalle forti piogge».

Momenti di paura

A Gordola e Cugnasco-Gerra i servizi comunali hanno affrontato e in parte già risolto parecchie situazioni oltremodo delicate. Apprensione generale, momenti di autentica paura e alcune evacuazioni, praticamente già tutte rientrate, hanno fatto da sfondo ad un “evento limite” che rimarrà nella memoria collettiva. Un dato significativo riguarda la portata del fiume Riarena, che mai negli ultimi 60 anni era apparsa, agli occhi degli anziani residenti, tanto imponente. Proprio il ruggito del corso d'acqua ha richiesto fra l'altro la chiusura prudenziale e temporanea del ponte situato a monte, su via Medoscio.

Rimanendo a Cugnasco-Gerra, i servizi comunali continuano in queste ore a lavorare alacremente sulle conseguenze di quattro smottamenti di versante avvenuti su tre strade diverse: via al Böcc (dove si è proceduto anche con l'evacuazione di una donna dalla sua abitazione), via Valletta e via ai Ronchi, ai quali va aggiunto un cedimento su via Pian Restello a causa di un'infiltrazione. Entro stasera verranno messe in sicurezza e dovrebbero riaprire via al Böcc  e via Valletta (come già avvenuto in via ai Ronchi), mentre ci vorrà più tempo per via Pian Restello.
Nella parte bassa, al confine con Gudo, in relazione soprattutto agli smottamenti a valle in via al Böcc e in via Valletta, il terreno ha seguito il corso d'acqua e c'è stata l'esondazione sulla strada cantonale in zona Massarescio, con deposito di materiale e riempimento delle vasche di contenimento comunali. Mentre scriviamo si sta provvedendo con la pulizia di tutte le griglie e di tutte le vasche a monte. Il rischio è ovviamente che altri eventi si verifichino prima che le vasche possano contenere nuovo materiale portato dai riali, dove per altro non sono stati osservati grossi depositi residui. Importanti sono invece i disagi su molti terreni privati, dove le esondazioni hanno lasciato il segno. Disagi “fisici”, questi, cui bisogna aggiungere quelli psicologici delle molte persone che hanno vissuto con forte apprensione le ore di diluvio. Nessun problema è stato rilevato a livello di potabilità; «segno - deducono all'Ufficio tecnico - che il sistema generale ha funzionato». Rimangono piccoli problemi puntuali in Val Pesta, dove vi sono stati cedimenti su alcuni sentieri per raggiungere le sorgenti.

'Emergenza reale, investire nel territorio'

Discorso non molto diverso a Gordola, il cui ampio versante si caratterizza dalla moltitudine di riali che lo attraversano. La frana del Carcale, sorvegliata speciale, ha retto, ma l'omonimo riale ha fatto erosione di sponda sotto via Cecchino. All'apice della stessa, che è un vicolo cieco, un corso d'acqua ha trascinato a valle oltre 150 metri cubi di materiale che ha invaso per parecchie decine di metri la strada. Le opere di pulizia sono state ritardate dalle difficoltà nel sistemare il passaggio sottostante. La zona - sorvegliata dal geologo Franco della Torre - è oggetto di lavoro incessante da sabato. L'obiettivo è riaprire completamente martedì. Piena di materiale anche la camera del riale Curriga, in una zona da cui sabato erano state sfollate 4 famiglie, in seguito rientrate a domicilio. Via Pianella, ai cui vertici vi sono vari affluenti del riale, deve far conto con flussi di detriti su almeno 4 punti. Oggi l'arteria rimaneva bloccata e si conta di iniziare al più presto con lo svuotamento della camera da oltre duemila metri cubi in via dei Lupi. Anche qui imperativo è liberarla prima che un prossimo evento potrebbe rendere necessario un nuovo accumulo. Idem per la camera del Carcale, che di metri cubi ne può accogliere circa 1'500. Un terzo grosso fronte è quello del riale Burio, esondato con diverso materiale interessando via Loco Coste, via Sasso Misocco e via Caserma. La strada è stata liberata dai detriti ed è di nuovo percorribile.

Damiano Vignuta, il sindaco, esprime rammarico per i nuovi disagi e nota che «questi eventi dimostrano un'emergenza reale, con relativa necessità di continuare ad investire nel territorio, come fatto finora. Le opere già effettuate hanno per altro fatto egregiamente il loro lavoro».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved