Spagna
0
Polonia
0
1. tempo
(0-0)
il-palacinema-e-gli-altri-prolungano-il-buio
La facciata della casa del cinema locarnese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Onsernone, la scuola dell'infanzia 'traballa'

Mancano i bambini e c'è il rischio che i pochi alunni debbano lasciare la valle per recarsi in un istituto del piano. Trattative col Decs in corso
Luganese
5 ore

Scudo: la pandemia porta più incertezza ma più utenti

Il servizio di cure a domicilio del Luganese chiude il 2020 con un volume d'affari di circa 20 milioni e un utile di oltre 300mila franchi
Mendrisiotto
6 ore

Giovani rubano un furgone e lo fanno affondare nel Ceresio

La vicenda è avvenuta nella notte tra lunedì e martedì. È stata aperta un'inchiesta
Bellinzonese
8 ore

Serravalle, un sentiero interattivo fra natura e storia

Il progetto 'Salamandra Vagabonda' partirà la prossima primavera e permetterà di scoprire le ricchezze del territorio delle frazioni di Ludiano e Semione
Ticino
15 ore

‘Avvocati, meno generalisti e sempre più specialisti’

Gianluca Padlina alla sua ultima partecipazione in veste di presidente dell’Ordine a una cerimonia per l’avvenuta promozione di nuovi legali. A ventotto il brevetto
Locarnese
15 ore

Isole, un rilancio da primato storico assoluto

Dall'apertura della stagione sfondato il tetto dei 50mila visitatori. Il coordinatore Veronese: “Passione, collaborazione e impegno ampiamente condivisi”.
Ticino
16 ore

In Marocco perseguitano i gay, ma non per la Sem

La Segreteria della migrazione svizzera vuole rimandare in patria un ragazzo che per la sua omosessualità rischia le botte e la galera.
Mendrisiotto
20 ore

‘Scontro’ tra giovani e polizia al campus

‘In una ventina si sono scagliati contro gli agenti’. Ma gli studenti contestano: ‘Non è andata così’
Ticino
1 gior

Un fondo più corposo per i ‘dezonamenti’

Presentati due emendamenti per potenziare il credito dedicato allo sviluppo territoriale ‘centripeto’. Chiesti da 20 a 50 milioni di franchi
Ticino
1 gior

Eoc, trattative salariali ferme al palo

La maggioranza dell’assemblea dei dipendenti rappresentati da Vpod e Ocst chiede aumenti più sostanziosi
Luganese
1 gior

Tito obbligatorio al poligono del Monte Ceneri

Lo organizzano i Tiratori del Vedeggio mercoledì 23 giugno al poligono militare. Si sparerà dalle 17 alle 18.30
Luganese
1 gior

Dall'Ambassador Club Ceresio un sostegno all'autismo

Donati cinquemila franchi alla Fondazione Oltre Noi, ente che sostiene progetti dell'associazione Asi
Luganese
1 gior

Rapina di Monteggio, in Appello arriva la confessione

Due dei tre imputati hanno ammesso le loro responsabilità. Le difese hanno chiesto una riduzione delle condanne. Sentenza nelle prossime settimane
Ticino
1 gior

Il direttore de laRegione ospite a Radar

Nelle ultime due puntate prima della pausa estiva della trasmissione, in studio si dibatte sulle principali notizie della settimana
Locarnese
1 gior

Caso La Rotonda, ‘morte per cause naturali’

Una super-perizia commissionata dalla Corte di appello tende ad escludere che il 44enne ticinese fu ucciso da un pugno
Bellinzonese
1 gior

Interruzione di corrente a Biasca il 25 giugno

In una zona che tocca le vie Berna e Zurigo, da mezzanotte alle 16 non vi sarà corrente per permettere dei lavori sulla linea di trasporto Bassa tensione
Locarnese
04.06.2020 - 05:500
Aggiornamento : 07:45

Il Palacinema (e gli altri) prolungano il buio

I gestori delle sale hanno deciso di aspettare che la grande distribuzione proponga titoli nuovi per allestire una programmazione completa

Dici Locarno ed è subito cinema. Un connubio indissolubile - e scriverlo pare banale - che ha tuttavia subito il «contraccolpo brutale (anche economico; ndr)» di quest'imprevedibile pandemia, costringendo alla chiusura i cinema sul territorio. Ora, però, si sta avvicinando anche il loro momento: le sale, in seguito alle nuove disposizioni di allentamento date lo scorso 27 maggio, nel prossimo fine settimana potranno tornare ad accogliere gli amanti della settima arte. Ma non sarà così per tutti.

«In linea di principio e in concordato con il gestore delle sale del Palacinema abbiamo deciso di non procedere all'apertura il 6 giugno». Così Roberto Pomari, direttore del Palacinema di Locarno, contattato da 'laRegione'.

Le ragioni dell'attesa, spiega Pomari, sono due. In primo luogo, «aspettiamo che le disposizioni emanate dalle associazioni di categoria siano chiarificate». Riguardo all'applicazione delle norme infatti parrebbe non vi sia ancora abbastanza chiarezza. Seconda motivazione, «che è la principale, è che il catalogo dei film a disposizione è misero. Abbiamo analizzato gli annunci della grande distribuzione in Svizzera e in base a ciò abbiamo concluso che non ci sono lungometraggi che giustifichino la riapertura in questo momento; situazione che si estenderà purtroppo fino a settembre».

«Si è quindi deciso di aspettare», anche in vista dell'imminente stagione estiva, che notoriamente «da noi non è la più favorevole per uscire con nuovi prodotti. La casa del cinema locarnese non rimane però inattiva: «È probabile che quest'estate ci faremo promotori d'iniziative puntuali, estemporanee per vivacizzare l'estate locarnese; coinvolgendo se possibile anche gli altri enti presenti nel Palacinema, quindi Ticino Film Commission, Cisa e Locarno Film Festival. Attività che verranno proposte in accordo con gli altri attori nella struttura», afferma il direttore.

Punto cruciale: non perdere il dialogo con gli appassionati

Un'altra questione di non poco conto in questo contesto, annota Pomari, è «riconquistare la fiducia del pubblico. Un colpo di tosse oggi non è percepito allo stesso modo di uno fatto mesi fa. C'è tensione nel pubblico e la nostra intenzione ora è riavvicinarlo, valorizzando al meglio le nostre risorse». Cinefili che dovranno essere attirati al cinema con argomenti di peso, sia di programmazione, sia d'accompagnamento all'esperienza. Motivazioni che siano tali da giustificare la scelta di andare a vedere un film. Una bella sfida, un'occasione per riflettere e ripensare paradigmi che si credevano indistruttibili: «La crisi ci confronta con l'opzione di doverci reinventare e pensare nuove attività. Anche per non perdere il dialogo con gli appassionati»; conclude Pomari, con tono positivo.

Il Palacinema, lo ricordiamo, dispone di tre sale: la 1 (o Hellstern) con 502 due posti; la 2 e la 3 al pianterreno, ciascuna con 133 poltroncine. Spazi gestiti dalla Arena Cinema Ag, che in Ticino si occupa ancora del Cinema Rialto a Muralto e del CineStar di Lugano (oltre a numerose strutture nel resto della Svizzera).

Aspettando l'industria cinematografica

La sorte delle sale del Palacinema è comune alle altre sparse sul territorio cantonale. «Almeno fino al 15 luglio, i cinema rimarranno chiusi», dichiara a 'laRegione' Luca Morandini, portavoce delle strutture a livello cantonale (nonché fondatore dell'omonima Mfd - Morandini Film Distribution). «Le sale sono pronte, in attesa che l'industria cinematografica si rimetta in moto e ricominci a proporre le uscite di nuovi film», spiega. Sì perché anche la macchina della settima arte ha bisogno di tempo per riorganizzarsi. Una volta che questa avrà ripreso la sua attività, sarà «possibile anche per noi allestire un calendario completo, chiaro e soprattutto sostenibile», afferma.

La distribuzione a livello cantonale dipende in particolare da Italia, Germania, Francia e Inghilterra. L'idea, afferma Morandini, è aspettare che si abbia la materia prima per riaprire con un cartellone pieno di proposte nuove. «Partire ora con film già passati non sarebbe un segnale positivo, inoltre risulterebbe economicamente insostenibile». Per questo motivo parte delle strutture ha rimandato la ripartenza a settembre. Ma l'attesa non è povera di fermento, anzi le proposte estive sembrano farsi avanti: «Come le proiezioni open air, durante le quali si proporranno lungometraggi già passati in cartellone, per una sessantina di proiezioni», chiosa il nostro interlocutore.

BackToCinema, in sicurezza

L'associazione mantello delle imprese cinematografiche e di distribuzione ProCinema, dal canto suo, rilancia con entusiasmo la riapertura delle sale al motto #BackToCinema, assicurando divertimento in sicurezza, la priorità per le strutture (ad aprire saranno soprattutto quelle nella Svizzera tedesca). Sicurezza implementata, si legge nella nota stampa, con misure di protezione come il numero massimo di 300 biglietti (come prescritto dalle nuove norme della confederazione per la terza fase d'allentamento), la seduta alternata, l'emissione di biglietti online e senza contatto e la registrazione dell'utenza (nome, cognome, numero di telefono). Così anche il mantenimento delle distanze fra spettatori e personale - cui sono raccomandate le mascherine igieniche - e l'attenzione a che non si formino assembramenti all'entrata, davanti a servizi igienici e uscita. Ma non ancora in Ticino...

© Regiopress, All rights reserved