COL Avalanche
1
BOS Bruins
3
2. tempo
(1-0 : 0-3)
locarno-anche-se-chiuso-lo-spazio-elle-e-sempre-in-fermento
In attesa di riaprire le porte (foto Spazio Elle)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
6 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
7 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
7 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
8 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
8 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
9 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
10 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
10 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
11 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
Luganese
12 ore

Cerimonia per la maggiore età a Vernate e Neggio

Presenti oltre i neo diciottenni anche le autorità dei due comuni malcantonesi
Locarnese
13 ore

Società bocciofila Brissago in assemblea

Soci convocati venerdì prossimo, dalle 20, al bocciodromo comunale
Bellinzonese
13 ore

Due nuovi defibrillatori automatici esterni a Biasca

Gli apparecchi sono stati posati in prossimità dell’entrata della Scuola dell’infanzia Nord e dell’entrata sud-ovest del Palazzo scolastico
Ticino
13 ore

A2-A13: il governo è soddisfatto per le scelte di Berna

Il Consiglio di Stato si rallegra per le decisione del Consiglio federale d’includere i progetti A2-A13 e PoLuMe nel Programma di sviluppo delle strade
Bellinzonese
14 ore

Chiesta l’introduzione dei City Angels anche a Bellinzona

In una mozione Manuel Donati e Tuto Rossi del gruppo Lega/Udc ritengono che possano essere di supporto alla polizia comunale e agli ‘educatori di strada’
Luganese
14 ore

Ceresio-Lugano, i cineamatori ‘distanti’ ma presenti

All’assemblea si è parlato anche del concorso Swiss-movie Regione 4 che si terrà a Bellinzona domenica 27 marzo
Bellinzonese
15 ore

Fiumi di coca a Bellinzona: condannato a 2 anni e mezzo

Espulso uno spacciatore, dimezzato il quantitativo di droga imputatogli. Lui si professava innocente: ‘Solo un intermediario’
Locarnese
15 ore

Locarno, la Città strizza l’occhio al Bio

Le aziende che investono in questo settore beneficeranno di aiuti su un arco temporaneo assai lungo, così da generare una catena virtuosa
24.05.2020 - 20:470
Aggiornamento : 25.05.2020 - 08:45

Locarno, anche se chiuso lo Spazio Elle è sempre in fermento

Fra le novità, la nomina di Sarah Schiesser a presidente del Forum socioculturale. Dall'autunno fresche proposte della Casa per farla vivere ogni giorno

«Non mi aspettavo la proposta, sono veramente contenta. Elle è una bella realtà», racconta con entusiasmo Sarah Schiesser. È lei la nuova presidente del Forum socioculturale del Locarnese, l'associazione che si occupa della gestione dello Spazio Elle, luogo di fermento culturale e sociale in piazza G. Pedrazzini, al civico 12. Sarah succede a Yari Moro, che dopo anni d'impegno - sin dalla prima ora - ha dato le sue dimissioni per la fine del 2019. Il lavoro di Sarah nel comitato è dunque iniziato a gennaio insieme agli altri suoi sei membri (tutti vi operano a titolo volontario).

In pillole. Sarah è malcantonese, ma da poco più di quattro anni vive a Locarno, dove si è trasferita per lavoro. Ha studiato all'Università di Losanna prima, in Olanda e a Parigi poi, conseguendo il bachelor in Scienze politiche e sociali e il master nel campo dei media. Attualmente, lavora per il Locarno Film Festival: «Mi occupo di attività e servizi dedicati ai professionisti del cinema; in particolare per la sezione Open Doors, il programma d'incontri e workshop per registi e produttori dal mondo», racconta all'altro capo della cornetta. Il «primissimo incontro» fra Sarah e lo Spazio Elle è stato determinato proprio da Open Doors; grazie alla collaborazione intessuta a partire dal 2017 e consolidatasi negli anni. La Casa infatti è una delle sedi dove vengono organizzati appuntamenti e laboratori della sezione. «Dopodiché, ho iniziato a frequentare lo spazio come utente, partecipando a corsi, eventi e attività», chiosa.

La sua nomina è arrivata in un momento particolare, segnato dalle disposizioni anti-Covid, motivo che ha spinto il comitato a procedere con una votazione formale cartacea, con schede sottoscritte dai soci. Non volendo tuttavia rinunciare all'assemblea ordinaria, lo scorso 16 maggio, il comitato ha organizzato un incontro informale online: era importante avere un momento di scambio e discussione, durante il quale sono state fatte numerose proposte.

Il lavorio dietro le quinte non si è fermato

La macchina è sempre in moto. Se da un lato, i mesi di stop forzato hanno implicato l'arresto di tutte le attività che animano la Casa, spazi di lavoro compresi; dall'altro - spiega la nostra interlocutrice - sono stati l'occasione per discutere e riflettere, nonché per migliorare il funzionamento interno, la comunicazione, la gestione delle risorse. Un lavorio continuo che riguarda anche la riprogrammazione di corsi ed eventi a partire da settembre; sempre tenendo conto della situazione sanitaria e della sua evoluzione.

Per quanto concerne la riapertura durante l'estate, c'è attesa. La decisione verrà presa «non appena avremo dettagli in più sulle direttive che saranno in vigore dall'8 giugno (inizio della fase 3; ndr). Solo allora capiremo cosa sarà possibile fare e se avrà senso, anche nell'ottica di una gestione sostenibile rispetto alle norme che dovremo garantire durante le attività». I dettagli delle condizioni della fase tre saranno comunicati durante la seduta del Consiglio federale del 27 maggio.

Le idee per lo Spazio non mancano. Fra le novità c'è una serie progetti della Casa che saranno lanciati in autunno: come la prima Oggettoteca (biblioteca degli oggetti) in Ticino, il potenziato MediaLab al terzo piano e la cucina, centro nevralgico da far vivere con corsi ed eventi socio-gastronomici. Progetti che terranno vivo lo spazio sempre, insieme a quelli puntuali e temporanei proposti da associazioni e partner. «Penso che le persone abbiano voglia di tornare a proporre attività e partecipare, appena sarà possibile», commenta fiduciosa.

La nostra curiosità scivola allora sulla questione finanziaria. Se la principale fonte di sostentamento sono i contributi che i partner versano per l'uso degli spazi, come far fronte alle spese vive in questi mesi senza entrate? «In passato, Spazio e Associazione sono stati gestiti coscienziosamente - dice Sarah Schiesser -. Ogni anno accantoniamo il capitale che ci permette di far fronte alle spese fisse dell'anno successivo»; secondo un comodato d'uso con un forfait di spese fisse mensili (l'affitto è pagato dalla Città). Normalmente, il margine ricavato dalle entrate, se possibile, viene reinvestito ad esempio nel mantenimento dei locali. Ciononostante, «come per tante altre realtà, anche piccole, sarà importante per noi capire se avremo diritto ai fondi economici messi a disposizione per la cultura da Cantone e Confederazione e in che misura. Sostegno per cui stiamo facendo richiesta».

Un progetto in continua evoluzione

Sin dai suoi primordi, il progetto è concepito e mosso da un grande ideale di autodeterminazione. La visione che investe Elle - consolidatasi negli anni - è aprire gli spazi a tutti, affinché siano luogo d'incontro e scambio, ma anche dibattito e riflessione. Quindi crescita. Diventato la Casa di quartiere per antonomasia e allo stesso tempo centro culturale, lo Spazio dal 2017 è cresciuto diventando un rifermento per la socializzazione e l'aggregazione interculturale e intergenerazionale, della regione e non solo. «La volontà del comitato è rinforzare le "fondamenta" della Casa per continuare a proporre quest'idea e far sì che si rinnovi ed evolva nelle sue forme man mano», sottolinea la nuova presidente.

Nel 2019, si è chiuso il terzo anno di attività, caratterizzato da uno sviluppo notevole del progetto. Con proposte socioculturali puntuali (come lo sciopero nazionale delle donne) e ricorrenti (El Freeday, Brunch, Discosoupe, solo per citarne alcune), nonché con eventi d'arte performativa, laboratori, residenze creative, corsi, cinema, eventi musicali e artistici... Lo Spazio Elle si distingue una volta di più come luogo d'effervescenza unico in Ticino.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved