ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
53 sec

Depositata l’istanza di aggregazione del Basso Mendrisiotto

Le firme valide sono 402 e l‘iniziativa è ’ampiamente riuscita’. A fine febbraio sarà inviata al governo cantonale
Mendrisiotto
48 min

I Matiröö presentano ‘Quand la toca la taca’

Domenica 29 gennaio la compagnia teatrale si esibirà in uno spettacolo offerto dal Comune di Novazzano
Luganese
1 ora

Quale futuro per l’aeroporto di Agno?

Organizzata una serata informativa per discutere del futuro dello scalo. Presenti il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Luganese
1 ora

Giovane arrestato mentre trasportava eroina

Il fermo è avvenuto agli inizi di questa settimana, l’ipotesi di reato è d’infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacienti
Mendrisiotto
3 ore

È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito

Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
5 ore

La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale

Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
7 ore

La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa

La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
7 ore

‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’

Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Bellinzonese
12 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
31.03.2020 - 06:00

Polcomunale di Locarno: 'orgoglioso dei miei uomini'

Il comandante Dimitri Bossalini loda il lavoro degli agenti in queste settimane di emergenza sanitaria, nelle quali le missioni esulano dall'azione quotidiana

polcomunale-di-locarno-orgoglioso-dei-miei-uomini

«Sono orgoglioso di come stanno lavorando in questa situazione di emergenza. Siamo confrontati con una problematica nuova, anomala, mai vissuta prima. E l'aspetto mentale, in questi casi, è determinante ma al tempo stesso logorante». Cosi si esprime Dimitri Bossalini, comandante della Polcomunale di Locarno. Un Corpo, quello cittadino, che come tutti i servizi di polizia del Cantone sta vivendo settimane davvero particolari. Coordinata dallo Stato Maggiore di condotta, l'attività degli agenti sulle rive del Verbano è cambiata radicalmente dall'arrivo del Covid-19. «Manteniamo, come sempre l'attività di controllo su tutto il territorio (Città e Comuni convenzionati, ndr.). Quello che abbiamo riscontrato, ed è logico che fosse così, è un crollo dell'interventistica d'urgenza.

La prevenzione fa la parte del leone

Il grosso del lavoro giornaliero si concentra sulla prevenzione. Le pattuglie che percorrono l'intero territorio a tappeto verificano che non ci siano assembramenti di persone, così da rispettare le prescrizioni emanate. Controllano pure lo spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai centri con posti di blocco sulle strade e la chiusura dei cantieri. Mi sembra di poter dire che, con qualche eccezione a parte (soprattutto tra i più giovani) il messaggio delle autorità cantonali sia stato recepito. C'è purtroppo sempre chi cerca qualche scappatoia per non restare a casa...Ricordo che i nostri agenti, che per non diventare a loro volta veicolo di contagio indossano guanti e mascherine, assicurano pure una presenza di picchetto dinnanzi agli ospedali». Capita infine, non di rado, che qualche pattuglia venga inviata, su richiesta dello Stato Maggiore, a collaborare con i colleghi degli altri corpi di polizia (cantonale o comunale) nel resto del Ticino.

Turni di lavoro più 'leggeri' per consentire il riposo

Non ci sono, al momento, numeri precisi su multe o infrazioni riscontrate, anche perché gli addetti stampa hanno ben altro da fare in queste settimane. Quel che è invece noto è che potendo contare su un numero di agenti (compresi quelli di quartiere e gli ausiliari) non infinito, ecco che prioritaria diventa la programmazione del lavoro (e dei turni in particolare): «Siccome il grosso delle forze è chiamato a gestire la situazione di emergenza legata al coronavirus, cerchiamo di risparmiare al massimo le nostre risorse umane. Evitiamo carichi extra e, la notte, le pattuglie se la situazione lo consente operano con turni meno lunghi, magari tenendosi di picchetto, pronti a intervenire ma da casa. Non sappiamo quanto ancora questa situazione di crisi durerà. Abbiamo la fortuna di avere pochi uomini assenti per malattia e quindi l'effettivo è sufficiente. E' comunque importante - conclude il comandante - che la cittadinanza continui a osservare le regole comportamentali richieste. Soprattutto gli anziani e le persone più a rischio. A salvaguardia della loro salute e di quella degli altri».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved