l-inconveniente-di-chiamarsi-daran
Il nome Daran, di origini celtiche, significa "grandioso" e anche "quercia" ©Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Verscio, 12mila franchi a favore dei missionari

Dopo la pausa forzata imposta dalla pandemia, ha riscosso un ottimo successo il mercatino di raccolta fondi per Padre Carletti e Padre Bonzani
Locarnese
35 min

Peter, storia di un camoscio che incontra gli umani

Iniziative in Vallemaggia per la presentazione del volume di Salvioni Edizioni, realizzato da Mario Donati, Valeria Nidola e Antoine Déprez
Ticino
52 min

In Ticino un altro decesso per Covid, 12 classi in quarantena

Si registra un altro ingresso in cure intense, dove attualmente si trovano 8 persone su un totale di 72 ricoverati, fra cui un ospite di casa anziani
Locarnese
1 ora

Alberto Akai lascia la presidenza Ppd e il Consiglio comunale

Il già candidato al Municipio di Locarno motiva la decisione con ragioni personali e familiari
Ticino
2 ore

Prevena 2021: per un Natale più sicuro

Le forze di polizia anche quest’anno garantiscono alla popolazione una presenza capillare su tutto il territorio nei luoghi di grande affluenza
Luganese
5 ore

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti.
Luganese
5 ore

Alloggi: alla ricerca di un nuovo e necessario equilibrio

A parlarci di ‘pubblica utilità’ è Monique Bosco-von Allmen, presidente della sezione della Svizzera italiana di Cooperative d’abitazione Svizzera
Bellinzonese
5 ore

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare
Luganese
14 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
15 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
15 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Locarnese
20.02.2020 - 06:000

L'inconveniente di chiamarsi Daran

Un pagamento dei genitori a nome del loro bebè viene bloccato. L'appellativo crea un intoppo 'algoritmico' che arriva fino in Iran (solo virtualmente)

La faccenda è quantomeno curiosa: che legame ci sarebbe fra un bambino svizzero nato da poco e una città iraniana a più di quattromila chilometri di distanza? Si diano pace i complottisti: non si tratta di un intrigo internazionale. È la storia di un fraintendimento “algoritmico”, giocato sull’omonimia fra il nome di battesimo del neonato e quello della località nella regione di Esfahan: ovvero Daran.

Papà Juri racconta che l’equivoco, con protagonista involontario suo figlio – la famiglia è domiciliata nel Locarnese – è emerso quando «la mamma, e mia compagna, ha dovuto effettuare per conto del piccolo un pagamento su un conto svizzero». Ma la transazione è stata annullata e «il servizio di sicurezza di Post­finance, ci ha contattato, comunicandoci per iscritto che il versamento non poteva avvenire a causa del nome del bebè».

Mamma e papà sono colti di sorpresa da quel blocco, che l’istituto spiega così: «Il nome viene escluso dal sistema perché Daran è l’appellativo di una città iraniana e contro il Paese mediorientale sono in atto sanzioni economiche». Affermazioni che lasciano stupefatti. Molti interrogativi si fanno largo nella testa dei genitori. I due non esitano a telefonare all’istituto finanziario per segnalare l’errore. Ma Postfinance rimane ferma e risponde che errori non ce ne sono. Ribadisce: in Iran esiste una città chiamata Daran e contro quella nazione sono in vigore sanzioni; per cui il versamento resta impossibile.

Il sillogismo snocciolato dall’istituto sembra non fare una grinza, sennonché, come precisa Juri, v’è un’altra possibilità: «Il nome Daran, così come l’abbiamo inteso noi, è di antiche origini celtiche e significa “quercia” e pure “grandioso”». Una breve ricerca su alcuni portali dedicati ai nomi propri confermano provenienza e significato.

Il gioco dell’oca delle risposte ufficiali

Quindi come dipanare il groviglio? «Ho contattato il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) che mi ha messo in contatto con l’Ambasciata svizzera in Iran – prosegue l’intervistato –. Questa, a sua volta, mi ha indirizzato alla Segreteria di Stato dell’economia (Seco) che, non potendo fare nulla, mi ha informato che il problema può venir risolto solo da Postfinance». L’ambasciata a Teheran, precisa Juri, «ha confermato che non vi sono sanzioni economiche della Svizzera nei confronti della Repubblica iraniana». Nella risposta scritta da Mauro Gobbo, primo segretario della rappresentanza diplomatica, si legge che, nonostante il nostro Paese non applichi le sanzioni economiche “secondarie” degli Stati Uniti, “in generale, taluni istituti di credito elvetici sono piuttosto restii e prudenti quando si tratta di effettuare trasferimenti di denaro su conti svizzeri i cui titolari sono residenti in Iran e/o a persone che, indirettamente e senza volerlo, potrebbero essere collegate all’Iran”.

Insomma, un classico “giro dell’oca” che ha riportato la famiglia al punto di partenza. Il papà di Daran rincara la dose: «Algoritmi di sicurezza bloccano ogni transazione che abbia un nome collegato anche solo indirettamente con l’Iran», dopo che contro lo Stato mediorientale sono state applicate misure decise sostanzialmente dagli Stati Uniti. «Sono allibito e sconcertato», confessa. E in conclusione si chiede se la Svizzera sia una colonia statunitense. Ma soprattutto, con una buona dose di amara ironia (e pensando al futuro del piccolo), sta valutando se non debba cambiare il nome del suo bambino in... Washington.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved