avvocato-condannato-ma-si-andra-in-appello
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 min

Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona

In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Lo chiede con un’interpellanza Antoine Ndombele
Luganese
11 min

Fotografie di Bianca De Luca al Canvetto Luganese

‘Anime’ verrà inaugurata ufficialmente sabato 22 gennaio e potrà essere visitata fino al 23 aprile. Organizza la Fondazione Diamante
Mendrisiotto
29 min

Quattro deputati si mobilitano a favore di India

In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
30 min

Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna

Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Luganese
40 min

Raccolta differenziata senza segreti a Massagno

Il Comune si è dotato dell’applicazione ‘Junker’. Verrà utilizzata anche per le comunicazioni urgenti di servizio
Locarnese
1 ora

‘Caspar e lo gnomo’ per la ripartenza dei MiniSpettacoli

Moira Dellatorre della Compagnia Tiraccontounastoria di Avegno in scena domenica 23 gennaio dalle 16 al Teatro Oratorio di Minusio
Ticino
2 ore

Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi

Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
3 ore

Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri

‘L’indipendenza è oggi insidiata da quello che qualcuno ha già descritto come il rischio della “socializzazione dei procedimenti”
12.02.2020 - 16:550
Aggiornamento : 02.12.2020 - 16:11

Avvocato condannato. Ma si andrà in Appello

Un anno e tre mesi sospesi per il legale riconosciuto colpevole di ripetuta appropriazione indebita qualificata

Colpevole. L'avvocato muraltese I. C. è stato condannato in prima istanza a un anno e 3 mesi di detenzione - interamente sospesi - in quanto riconosciuto colpevole di ripetuta appropriazione indebita qualificata. Il suo legale Diego Olgiati ha già dichiarato che andrà in Appello. Lo stesso potrebbe fare anche il procuratore generale Andrea Pagani in relazione alla quantificazione della cifra malversata, che la giudice Francesca Verda Chiocchetti ha ritenuto inferiore rispetto a quanto indicato nell'atto d'accusa.

Non ha quindi convinto la Corte la versione difensiva, secondo cui il legale aveva utilizzato i soldi di una cliente germanica poiché da lei completamente autorizzato a farlo. Ciò sarebbe avvenuto limitatamente a 30mila franchi, ma non per gli oltre 280mila franchi effettivamente utilizzati.

L'avvocato era come noto in una situazione finanziaria difficile, e basandosi sulla reciproca stima e l'amicizia che lo legavano alla cliente le aveva effettivamente chiesto un prestito di 30mila franchi. Tuttavia, prima di ottenere risposta, di soldi ne aveva utilizzati molti di più, sostanzialmente per coprire dei debiti con il fisco.

In corso d'inchiesta era prima emersa la versione della donazione, poi quella del prestito, presa infatti per buona dalla giudice ma soltanto fino a un certo punto.

"La questione centrale è sapere se la donna aveva concesso all'imputato di disporre dei suoi beni così come successo - ha ricordato Verda Chiocchetti -. Ma c'è stato accordo? Esisteva un contratto? Stima e simpatia non bastano per giustificare l'animus donandi. Occorre un accordo specifico".

Riflettendo sulla tempistica dei contatti fra le parti e i prelevamenti effettuati dall'imputato, la giudice ha notato che "lui sapeva di non avere il consenso; tuttavia, doveva disporre a brevissimo degli averi. E altri elementi minano la sua credibilità".

In conclusione la Corte ha quindi riconosciuto una malversazione per 227mila franchi, mentre per i 30mila franchi di prestito e gli onorari v'è stato il proscioglimento.

In merito alla commisurazione della pena, a svantaggio dell'imputato sono stati considerati l'importo e la circostanza che vi è stato un abuso della fiducia della cliente, in veste di notaio. A favore, il fatto di non aver agito per migliorare il proprio tenore di vita, ma solo per rispondere ad una situazione debitoria.

La colpa è "mediamente grave, ma il reato è già grave di per sè", ha infine commentato la presidente della Corte, che ha anche evocato circostanze personali quali il rimborso di 50mila franchi effettivamente avvenuto e "l'effetto della pena sulla vita" dell'imputato.

Vita professionale che potrebbe risentire in maniera durissima di questa vicenda, anche se come detto Olgiati ha intenzione di rivolgersi alla seconda istanza di giudizio.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved