avvocato-condannato-ma-si-andra-in-appello
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

Lugano, Consiglio comunale insediato. Tessa Prati presidente

La cerimonia si è tenuta stasera al Palazzo dei congressi, dove sono stati nominati anche i membri delle commissioni legislative
Grigioni
6 ore

Un nuovo animatore per il Centro giovani del Moesano

Il mandato di prestazione permette di retribuire un coordinatore non più volontario. Si cerca una nuova sede a San Vittore, Grono o Roveredo
Mendrisiotto
7 ore

Chiasso, ‘soluzioni efficaci per il bene della popolazione’

Il Consiglio comunale si è insediato. Il primo cittadino è Claudio Schneeberger (Lega-Udc), affiancato da Giorgio Fonio (Ppd)
Locarnese
7 ore

A Locarno un sabato al mese per aggiustare gli oggetti rotti

L’appuntamento è allo Spazio Elle, per tornare ad appropriarsi di quei ‘gesti di una volta’ in favore dell’ambiente e del risparmio
Mendrisiotto
7 ore

Una Mendrisio che 'dalle parole passi ai fatti'

Nominata prima cittadina Daniela Carrara esponente della nuova formazione partitica L'Alternativa; vicepresidenti Benjamin Albertalli e Giovanni Poloni
Gallery
Luganese
8 ore

Allarme chimico in via Campagna ad Agno

Pompieri allertati nel pomeriggio per il riversamento di un bidone contenente una sostanza chimica. Non si registrano feriti
Bellinzonese
8 ore

Bellinzona, giovane ciclista investito sulle strisce pedonali

L'incidente è avvenuto questa sera in via Pierino Tatti. Ferite serie per il ragazzo in sella alla bicicletta, portato d'urgenza in ospedale dai soccorritori
Luganese
9 ore

Lugano, la Città propone un'estate in movimento

Al via corsi di yoga e pilates all'aperto per la popolazione al Parco San Michele e a Villa Saroli nel rispetto delle misure anti-Covid
Locarnese
12.02.2020 - 16:550
Aggiornamento : 02.12.2020 - 16:11

Avvocato condannato. Ma si andrà in Appello

Un anno e tre mesi sospesi per il legale riconosciuto colpevole di ripetuta appropriazione indebita qualificata

Colpevole. L'avvocato muraltese I. C. è stato condannato in prima istanza a un anno e 3 mesi di detenzione - interamente sospesi - in quanto riconosciuto colpevole di ripetuta appropriazione indebita qualificata. Il suo legale Diego Olgiati ha già dichiarato che andrà in Appello. Lo stesso potrebbe fare anche il procuratore generale Andrea Pagani in relazione alla quantificazione della cifra malversata, che la giudice Francesca Verda Chiocchetti ha ritenuto inferiore rispetto a quanto indicato nell'atto d'accusa.

Non ha quindi convinto la Corte la versione difensiva, secondo cui il legale aveva utilizzato i soldi di una cliente germanica poiché da lei completamente autorizzato a farlo. Ciò sarebbe avvenuto limitatamente a 30mila franchi, ma non per gli oltre 280mila franchi effettivamente utilizzati.

L'avvocato era come noto in una situazione finanziaria difficile, e basandosi sulla reciproca stima e l'amicizia che lo legavano alla cliente le aveva effettivamente chiesto un prestito di 30mila franchi. Tuttavia, prima di ottenere risposta, di soldi ne aveva utilizzati molti di più, sostanzialmente per coprire dei debiti con il fisco.

In corso d'inchiesta era prima emersa la versione della donazione, poi quella del prestito, presa infatti per buona dalla giudice ma soltanto fino a un certo punto.

"La questione centrale è sapere se la donna aveva concesso all'imputato di disporre dei suoi beni così come successo - ha ricordato Verda Chiocchetti -. Ma c'è stato accordo? Esisteva un contratto? Stima e simpatia non bastano per giustificare l'animus donandi. Occorre un accordo specifico".

Riflettendo sulla tempistica dei contatti fra le parti e i prelevamenti effettuati dall'imputato, la giudice ha notato che "lui sapeva di non avere il consenso; tuttavia, doveva disporre a brevissimo degli averi. E altri elementi minano la sua credibilità".

In conclusione la Corte ha quindi riconosciuto una malversazione per 227mila franchi, mentre per i 30mila franchi di prestito e gli onorari v'è stato il proscioglimento.

In merito alla commisurazione della pena, a svantaggio dell'imputato sono stati considerati l'importo e la circostanza che vi è stato un abuso della fiducia della cliente, in veste di notaio. A favore, il fatto di non aver agito per migliorare il proprio tenore di vita, ma solo per rispondere ad una situazione debitoria.

La colpa è "mediamente grave, ma il reato è già grave di per sè", ha infine commentato la presidente della Corte, che ha anche evocato circostanze personali quali il rimborso di 50mila franchi effettivamente avvenuto e "l'effetto della pena sulla vita" dell'imputato.

Vita professionale che potrebbe risentire in maniera durissima di questa vicenda, anche se come detto Olgiati ha intenzione di rivolgersi alla seconda istanza di giudizio.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved