mogno-la-stazione-sciistica-delle-famiglie-e-pronta
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
8 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
9 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
9 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
10 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
10 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
10 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
10 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
11 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
11 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
11 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
11 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
11 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
Luganese
11 ore

Il summit per l’Ucraina muta anche l’accesso al Lido di Lugano

L’entrata sarà possibile esclusivamente da via Lido essendo l’accesso su via Foce chiuso poiché a ridosso della zona rossa
14.12.2019 - 05:50

Mogno, la stazione sciistica delle famiglie è pronta

In Valle Lavizzara impianti in funzione da domenica. La neve abbondante e il gran lavoro dei volontari permetteranno ai bambini di divertirsi nelle vacanze

«Il progetto Mogno è stato, in un certo modo, l’errore più grosso della mia vita perché ci credo troppo. Mi piace, mi motiva ma al tempo stesso mi carica di lavoro. E, credetemi, dietro le quinte di lavoro ce n’è davvero tanto». Maurizio Dazio, al secolo “Meury”, come coloro che lo hanno preceduto, alla piccola stazione sciistica della Lavizzara, in termini di impegno e sacrifici, ha dato molto più di quanto le nude cifre non indichino: 25 anni in comitato, gli ultimi tre in veste di presidente dello sci club in questione. In una società nella quale si fatica anche solo a pensare di dare il proprio tempo o la propria disponibilità gratuitamente, e nella quale per restare in piedi devi adottare logiche di mercato, lui e la sua preziosa “squadra” di volontari, ridottasi nell’organico col passare degli anni, sono la testimonianza dell’esatto contrario. Se così non fosse la piccola stazione di Mogno, da sempre una delle culle degli sciatori di casa nostra, sarebbe già sparita, sotto la neve da molto tempo. Già, la materia prima… mai se n’era vista così tanta così presto come quest’anno: dalle nevicate del 15 novembre ne resta ancora mezzo metro! Motivo per cui domani si aprono gli impianti. Saranno agibili anche il 21-22 dicembre, ma ufficialmente, il “varo” della stagione avverrà il 26 dicembre. Sci alpino ma non solo: racchette (con le mappe dettagliate dei tracciati a disposizione), pista di fondo (problemi tecnici fanno scivolare di qualche settimana l’apertura) e noleggio attrezzature sono a disposizione. «Abbiamo lavorato sodo subito dopo le prime, copiose, nevicate per preparare tutto a regola d’arte». Vincente, per chi come Mogno dipende dalle condizioni meteo, è stato l’accordo di collaborazione siglato con Bosco Gurin. Chi acquista la Vallemaggia Card può sciare nelle due località. Ottima collaborazione anche con lo Sci Club Bassavalle che organizza corsi e uscite a Mogno. E di sinergie si parla anche grazie all’Associazione delle piccole stazioni ticinesi, struttura cappello che tutela gli interessi delle “sorelle minori”. La forza di Mogno risiede nel fatto che rappresenta la destinazione ideale per le famiglie con i bambini alle prime armi sugli sci. Perché accanto ai corsi organizzati a Natale e Capodanno (quest’ultimo promosso d’intesa con lo Sci club Bassa Valle) dispone di una struttura ricettiva (la colonia estiva) nella quale, oltre al ristorante, genitori e figli possono pernottare a prezzi di assoluto interesse. Comodo soprattutto per coloro che vengono da fuori distretto. Lassù ci si sente a proprio agio, per divertirsi e provare le proprie capacità sciistiche i piccoli hanno a disposizione una pista tutta per loro.

Un ambiente familiare

Rispetto alle “sorelle maggiori”, qui di code non ce ne sono, né allo ski-lift né tanto meno nell’accogliente rifugio. E se nella famiglia non tutti sciano, a Mogno ce n’è per tutti i gusti: itinerari dedicati per le ciaspole e il fondo, camminate nella natura relax o prendere il sole ai piedi degli impianti. L’ambiente familiare e la positività sono contagiosi. Questo è lo spirito di Mogno, questa è la sua vocazione. Ma per arrivare lì si è dovuto lavorare tanto e sulla base del volontariato: «È il motore principale – prosegue Meury – Anche se negli ultimi anni trovare gente disposta a dare una mano è più difficile che in passato (quando un genitore portava qui i figli, quasi automaticamente entrava a far parte dei volontari “mettendo le mani aiutando” e, in qualche caso, entrava anche in comitato, dal quale ne usciva una volta che i suoi ragazzi, cresciuti, si spostavano a sciare altrove); per questo abbiamo dovuto assumere personale ausiliario che ci aiuta nelle pulizie e in cucina». Naturalmente tutto questo genera costi supplementari. A Mogno una stagione costa tra i 50 e i 60mila franchi se non vi sono interventi straordinari. Stiamo in piedi grazie agli aiuti di privati, ai Comuni vallerani e alle aziende che ci sponsorizzano. Non siamo ricchi, non abbiamo debiti, grazie agli eventi estivi chiudiamo a pareggio. Una piccola realtà, quella della Lavizzara, che si regge sulla forza di un gruppo pronto a sacrifici. Il sorriso di Meury fa capire perfettamente cosa sta pensando: «Vivo per questo, e lo vivo insieme alla mia famiglia ma so che un giorno o l’altro dovrò smettere. Sarà difficile, credetemi. Mi auguro che qualcuno sappia continuare nel solco. Per ora noi ci siamo, pronti a rimboccarci nuovamente le maniche. Abbiamo anche delle idee per il futuro, ma ci vogliono le risorse, sarà una bella sfida ». Il dinamico caposervizio conclude con un ringraziamento a tutti quanti sostengono Mogno con ogni forma di aiuto; finanziario, morale, lavorativo. «Siamo qui per voi, grazie a voi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved