a-locarno-on-ice-per-mettere-il-cancro-ai-ferri-corti
La coperta della ricerca a Locarno On Ice. Nella foto Franco Cavalli oncologo, al centro, con alla sua sinistra Samantha Bourgoin e l'ideatrice Elena Falaschi, e alla sua destra Claudia Morinini, Claudia Belotti, Cristina Morinini e Cristiana Brentan. © Ti-Press / Alessandro Crinari
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 min

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
7 min

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
15 min

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
18 min

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
Locarnese
22 min

Orselina chiede un ritorno agli orari Fart su carta

Dopo Losone, un secondo Municipio sostiene la richiesta del Guastafeste
Locarnese
41 min

L’Antenna di sviluppo Acop capta bene i segnali del territorio

Ratificata dai legislativi di Centovalli, Onsernone e Terre di Pedemonte la convenzione che regola la gestione di questo prezioso servizio di appoggio
Ticino
1 ora

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi Cantone-Comuni

Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale annuo di 1’559’000 franchi che, grazie al Fondo Swisslos, il DECS eroga agli operatori culturali
Ticino
1 ora

Legionellosi, il Ticino e il Moesano i più colpiti

Lo indica l’Ufsp. La malattia, un’infezione polmonare causata dal batterio Legionella, non si trasmette da persona a persona ma tramite flussi di aerosol
29.11.2019 - 15:240
Aggiornamento : 15:50

A Locarno on Ice per mettere il cancro ai ferri corti

Lavorare a maglia o all'uncinetto per aiutare la ricerca sul cancro: è l'obiettivo dell'iniziativa 'La coperta della ricerca' e della sua asta del 21 dicembre

a cura de laRegione

Il camino nell’igloo non c’è, ma «il calore del fuoco è quello che abbiamo dentro», ha detto Samantha Bourgoin, co-organizzatrice di Locarno on Ice, poco prima della presentazione alla stampa dell’iniziativa solidale ‘La coperta della ricerca’.

Ed è proprio a quel fuoco interiore di ciascuno di noi – che alimenta vicinanza e solidarietà verso il prossimo – che fa appello il progetto benefico, che si prefigge di raccogliere soldi da destinare alla Fondazione ticinese per la ricerca sul cancro, rappresentata da Franco Cavalli. L’azione solidale è promossa in collaborazione con la Corsa della speranza ed è nata dall’idea di Elena Falaschi.

Come raccoglie i fondi? Con il lavoro a maglia: realizzando quadretti variopinti di misura standard che saranno cuciti insieme in un’enorme coperta – e si sa, più è grande, meglio copre –.

All’iniziativa si può partecipare in due modi: ogni martedì pomeriggio l’igloo in Piazza Grande apre le porte a ‘Sferruziamo?’, organizzato da Claudia Belotti della Bottega della lana di Locarno. L’attività comunitaria è aperta a tutti e, oltre a imparare e impratichirsi nei virtuosismi dell’arte dei ferri, si possono realizzare i quadrati (misura fissa di 50 cm di lato) destinati alla Coperta della ricerca. In alternativa, i tasselli di fibre e colori diversi possono essere realizzati a casa e portati ai punti di raccolta (fra cui la Bottega della Lana).

Le creazioni saranno messe all’asta sabato 21 dicembre dalle 10 in avanti, quando la pista di Locarno on Ice si vestirà della coperta multicolore. I quadretti oltre che venduti singolarmente (con base d’asta 5 franchi) verranno assemblati.


© Ti-Press / Alessandro Crinari

Il progetto solidale ha un precedente vicino nel tempo e nello spazio: lo scorso settembre, Piazza Riforma a Lugano ha ospitato infatti la manifestazione sorella: ‘La coperta della speranza’, sempre ideata e coordinata da Elena Falaschi. Un evento che ha ottenuto un successo inaspettato ed entusiasta, grazie alla mobilitazione di numerose persone, anche da oltre frontiera.

I soldi raccolti dall’iniziativa locarnese, come anticipato, saranno devoluti alla Fondazione ticinese per la ricerca sul cancro e serviranno al finanziamento annuale di progetti di ricerca realizzati in Ticino e a quello di una o due borse di studio per studenti che partono all’estero per seguire una formazione specifica sulla malattia oncologica.

Info: ‘La coperta della speranza’, pagina Facebook.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved