laRegione
emergenza-climatica-a-locarno-e-un-si-ma
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
19 ore

Capanna Gorda verso l'ampliamento

Il Comune di Blenio intende contribuire con 200mila franchi. Parallelamente avanzano i preparativi per l'osservatorio astronomico
Luganese
23 ore

Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'

Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
1 gior

Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso

Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
1 gior

‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’

Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
1 gior

Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio

Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
1 gior

Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano

Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
1 gior

Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811

I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
1 gior

Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'

Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Luganese
1 gior

Deposito Arl di Viganello, il Municipio: 'Sì alla tutela'

Esecutivo favorevole a una modifica pianificatoria per la salvaguardia dello storico stabile, ma con possibilità edificatorie attorno e in altezza
Ticino
1 gior

Radar un po' per tutti, ma soprattutto per il Luganese

Ecco i controlli di velocità previsti in Ticino tra il 26 ottobre e il 1° novembre 2020
Locarnese
15.10.2019 - 17:180

Emergenza climatica, a Locarno è un 'sì, ma...'

Votata lunedì dal Consiglio comunale una 'dichiarazione' che non vincola la Città, ma le chiede una consapevolezza ponderata

Il Consiglio comunale di Locarno ha approvato lunedì sera con 30 “sì” e 3 “no” la risoluzione presentata da Alessandro Spano, capogruppo Plr, e sostenuta da Ppd e Lega-Udc-Ind., in base alla quale la Città “è conscia dell’emergenza climatica” e della necessità di “valutare misure concrete per attenuare il fenomeno, ponderando la sostenibilità ambientale, sociale ed economico finanziaria”. Un voto quasi unanime solo “sulla carta”. In realtà il legislativo si è spaccato in due.

La risoluzione approvata è stata sottoposta in alternativa a quella già all’ordine del giorno, firmata da Pier Mellini per Ps e Verdi, che però non è passata al voto, raccogliendo solo 11 “sì” (a fronte dei 22 della risoluzione “Scano”). La Sinistra ha giocoforza approvato la seconda, ma l’ha poi giudicata “minimalista, intrisa di negazionismo”. Sostenuti da un folto e pacifico gruppo di giovani con striscione (ma anche “armati” di telefonino a filmare i banchi di Plr e Ppd al momento del voto), Ps e Verdi hanno esternato la “necessità – si legge nel testo respinto - di adottare il più presto possibile (entro la fine della legislatura) misure ferme, risolute, rapide a favore della riduzione dei gas serra”.

Per un paio d’ore il legislativo si è confrontato in un clima carico di passione politica e richiami alle rispettive ideologie. Un’atmosfera anche emotiva. Il presidente Mauro Silacci ha comunque tenuto saldamente il timone del dibattito che altrimenti avrebbe superato la mezzanotte. Per Fabrizio Sirca (Ps) «quando la casa va a fuoco vanno usate tutte le energie possibili immaginabili. Una risoluzione annacquata non spegne le fiamme».

Pierluigi Zanchi dei Verdi ha chiesto «un voto coraggioso. In 12 anni di Consiglio comunale troppo spesso ho visto ammettere che la politica è arrivata in ritardo. Agiamo subito! Come? In mille modi. Un esempio: adottare l’idrogeno per tutto il parco mezzi pubblico; saremmo all’avanguardia. Voi invece frenate». Ma Gianbeato Vetterli, decano del Plr, ha respinto le accuse: «Non sono un negazionista. Ma mi rifaccio al metodo liberale: risolvere i problemi con il buon senso, lo studio, la sostenibilità tecnologico-economica. I divieti collettivi riportano alla mente tristi metodi di economie pianificate». Gli ha fatto eco Barbara Angelini Piva per il Ppd: «Ben venga il dibattito, ma la Sinistra non può arroccarsi su posizioni estreme».

«Sono sconcertato dalle vostre dichiarazioni – è stata, la contro-replica di Matteo Buzzi (Verdi) –. La situazione è grave e impone l’azzeramento delle immissioni di gas fossili entro il 2050!». Ma Valentina Ceschi (Lega/Udc/Ind.) ha frenato: «La situazione sta sfuggendo di mano. Vi ricordo che Locarno ha una superficie di 19 km²…». Sì, ha replicato Paolo Tremante (Ps), «ma noi svizzeri siamo ai primi posti per consumi energetici pro capite. Non è questione di dimensioni».

Da parte sua il sindaco Alain Scherrer ha riconosciuto «lo spirito lodevole della iniziativa Ps-Verdi. Ma occorre un’azione più coerente con i margini d’azione della nostra città, che è già in prima fila con molti progetti operativi». Infine, secondo il municipale Niccolò Salvioni bisogna fare attenzione: «Abbiamo leggi chiare sulla dichiarazione dello stato di necessità in caso di catastrofe. Se passasse la risoluzione , stando alla “risoluzione Mellini”, dovremmo, per dirne una, bloccare il traffico, con pesantissime conseguenze sull’economia locale. Come facciamo? Cosa possiamo noi contro la Cina?».

© Regiopress, All rights reserved