ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
33 min

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
40 min

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
44 min

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
48 min

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
1 ora

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
2 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
2 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
3 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
08.10.2019 - 15:19

Rustici (a un franco l'uno), ma non solo...

Monti di Sciaga, ‘sì’ alla vendita. Ma il Consiglio comunale di Gambarogno pone le sue condizioni

di Serse Forni
rustici-a-un-franco-l-uno-ma-non-solo
Monti di Sciaga

Nove rustici sui Monti di Sciaga potranno essere venduti dal Comune di Gambarogno a un franco l’uno. Ma a precise condizioni. Alcune le aveva già decise il Municipio, altre le ha poste il Consiglio comunale che si è riunito ieri sera.
La Commissione delle opere pubbliche, nel suo rapporto (relatore Luigi Conforto, Socialisti-ecologisti-indipendenti) ha posto l’accento sulla necessità di un approccio più ampio per affrontare «la valorizzazione di un luogo splendido ed emozionate, con i suoi muri a secco». Diversi stabili sono in rovina e solo una decina possono essere salvati. Ma oltre a quei rustici, cosa ne sarà di Sciaga? Meglio ampliare la visione sull’intera piccola località (che anticamente ospitava 100 abitanti), con un progetto ad ampio raggio. Quando questo sarà pronto, e quando il Comune ne avrà valutato gli aspetti finanziari, si potrà decidere se cedere i rustici ai privati.
Sull’altro versante il Municipio: «La proposta odierna giunge dopo anni di lavoro, portato avanti con una Commissione ad hoc, e dopo le conclusioni di uno studio condotto da specialisti– ha ricordato il sindaco Tiziano Ponti –. Diverse le possibilità prese in esame: dall’albergo diffuso a un recupero agricolo. Ma nessuna ci dava le garanzie necessarie a un vero e proprio sviluppo. Si è quindi deciso di coinvolgere i privati. L’idea è molto chiara: come Comune creeremo un rifugio alpino in alcuni degli stabili, prevederemo il collegamento alla rete idrica e a quella fognaria; nove rustici saranno risanati dai privati. Il resto verrà messo in sicurezza e ricomposto per conservare le tracce del passato. Infine, andranno sistemati i sentieri interni e la via di collegamento. Ma prima di tutto dobbiamo capire se ci sono dei privati interessati. Abbiamo già ricevuto 500 chiamate per i rustici». Ma bisogna considerare che riattarne uno (fanno testo le leggi edilizie cantonali) potrà costare 250-300 mila franchi. E lo spazio ottenuto sarà piccolo. «Sarebbe bello se si facesse avanti una Fondazione – ha concluso Ponti –. Per il Municipio, all’attuale stato delle cose, è importante stabilire se esiste un concreto interesse dei privati».

Aggiunta una clausola

Nel Legislativo si è creata una frattura. Da una parte chi ha chiesto la stesura di un progetto globale, con relativi costi a carico dell’ente pubblico, prima della decisione sull’alienazione delle casupole in sasso; dall’altra chi ha sposato la tesi del Municipio. A togliere le castagne dal fuoco è giunta la clausola proposta da Mauro Ponti (Plr): qualsiasi vendita sarà subordinata alla presentazione di un messaggio municipale con il credito per il progetto globale di valorizzazione. Un’aggiunta che è stata sposata anche dall’Esecutivo. I voti favorevoli sono stati 18, due i contrari e sei gli astenuti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved