ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 min

È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona

Il decesso nella serata di ieri. La giovane era stata portata al San Giovanni da quattro giovani, poi identificati, che si sono allontanati in auto
Locarnese
5 min

Lavertezzo: il libro di Ramelli e Cantadonna in concerto

Fra venerdì e domenica doppio appuntamento al Centro scolastico di Riazzino e a Montedato, proposto dalla commissione culturale del Municipio
Luganese
1 ora

Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede

Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
4 ore

A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità

Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
4 ore

San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti

Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
4 ore

Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti

Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
13 ore

Processo Covid Sementina: maleficenza, non efficienza

Correzione doverosa nella dichiarazione finale della direttrice sanitaria
Bellinzonese
14 ore

Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party

Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Locarnese
14 ore

Patriziato di Minusio, Casa agli Orti è finalmente realtà

Praticamente concluso lo stabile di reddito: a disposizione, dal 2023, 6 appartamenti (di cui 5 già affittati). Renzo Merlini: ‘Orgoglio per la svolta’
Mendrisiotto
15 ore

La sfida demografica vista da Riva San Vitale

Il Centro promuove una serata informativa con l’economista Ivano Dandrea. Con un occhio a ciò che accade sulle rive del Ceresio
Luganese
15 ore

Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio

Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Ticino
16 ore

Giornalismo e prospettive, un dibattito all’Usi

L’evento si terrà mercoledì sera. Tra i temi sul tavolo: calo delle entrate pubblicitarie, diminuzione degli ascolti e del numero di abbonati
03.09.2019 - 15:42

Malati di Sla in vacanza nel Locarnese: 'Abbiamo trovato un'oasi'

Al termine della settimana i commenti positivi del gruppo, composto da persone provenienti da diverse regioni della Svizzera. Soddisfatti gli organizzatori

a cura de laRegione
malati-di-sla-in-vacanza-nel-locarnese-abbiamo-trovato-un-oasi

 Si è da poco conclusa la settimana di vacanza di un gruppo di nove persone affette da Sla (Sclerosi laterale amiotrofica) provenienti da diverse regioni, Svizzera Italiana compresa. Gli ospiti sono stati presi a carico dall’Alvad (Associazione Locarnese e Valmaggese di assistenza e cura a domicilio), con il sostegno finanziario di Als Schweiz e Aslasi (Associazione Sclerosi laterale amiotrofica della Svizzera italiana) e con il supporto della Fondazione Claire & George, una piattaforma che a livello nazionale funge da punto di contatto tra albergatori, clienti e fornitori di servizi di cura e assistenza.  Partner dell’iniziativa la Clinica Santa Chiara e anche la Residenza al Lido del Gruppo Tertianum, specializzata anche in questo specifico settore dell’accoglienza alberghiera. Infine, ma non da ultima, l’Associazione Turismo Inclusivo istituita a Muralto nel 2017, in prima fila nel mettere in pratica i concetti del turismo inclusivo, forte delle esperienze maturate in riva al Verbano negli ultimi anni.

 “Convivere con la Sla è una sfida quotidiana al proprio domicilio, s’immagini all’esterno”, ci ha detto un partecipante. “Una settimana lontano dal proprio ambiente può spaventare. Piccoli e grandi disagi possono presentarsi in ogni momento. Eppure mi sento come se stessi prendendo una vacanza dalla malattia. L’ambiente, l’assistenza che riceviamo, tutto contribuisce a farci sentire pienamente in vacanza”.

Un altro utente scorre le foto scattate con il proprio cellulare. L’album fotografico della “Settimana di vacanza SLA” è una carrellata di visi sereni. Al momento di salutarsi, in un clima da gita scolastica che ha caratterizzato tutta la settimana, i partecipanti si raccontano gli aneddoti di tanti momenti condivisi. “Come quando, la sera in pizzeria, abbiamo piazzato un carrozzella elettrica per tenere aperte le porte di un grande magazzino e goderci l’aria condizionata che ne usciva”. O quando un paio di ospiti, approfittando della mobilità delle moderne carrozzine elettriche, si sono allontanati dal gruppo per vivere la movida asconese contagiati dalla “febbre del sabato sera”.

Un gruppo eterogeneo per estrazione sociale e provenienza, a testimoniare come la SLA possa colpire chiunque: dal pensionato alla giovane donna; dal giardiniere all’amministratore delegato di un’azienda con migliaia di dipendenti. Sette giorni di svago anche per compagni e parenti, che quotidianamente condividono con i propri cari la vita di un malato di SLA. Momenti anche di profonda intensità: la visita al Santuario della Madonna del Sasso; l’accensione di un cero.

Nell’ambito delle “vacanze senza barriere” che hanno nel Locarnese una delle regioni più preparate e gettonate, la settimana riservata ai malati di SLA è la più impegnativa - e allo steso tempo altamente gratificante - per il personale specializzato, gli apprendisti e i volontari. “È un lavoro di squadra”, spiegano Anna Maria Sury (instancabile coordinatrice dell’iniziativa) e Martin Gilgen (capo equipe Alvad). Il fiore all’occhiello di una regione che da diversi anni, in estate ma anche nel resto dell’anno, accoglie in modo strutturato vacanzieri bisognosi costantemente di cure per patologie di diversa natura o a causa di infortuni. Un diritto garantito da Spitex.

Ma come funziona la macchina organizzativa? Le associazioni promotrici citate, insieme agli specialisti dell’Alvad, valutano il grado di assistenza di cui, caso per caso, necessitano le persone colpite da questa insidiosa malattia neurologica degenerativa: un’infermiera, un’assistente di cura o un’ausiliaria. Da qui si sviluppa la pianificazione completa del periodo di vacanza: dal piano delle terapie all’alloggio, dal programma delle attività alle esigenze degli accompagnatori, e via dicendo. È il concetto della vacanza inclusiva, che, in Ticino e in particolare nel Locarnese, è un tassello d’eccellenza dell’offerta turistica, in termini di risorse umane e di strutture mediche e alberghiere specializzate. Un’oasi in un settore di “nicchia”, ma non scontato nel pacchetto delle capacità ricettive della destinazione vacanziera.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved