laRegione
Nuovo abbonamento
moneto-quei-brutti-tagli-che-fan-bene-al-bosco
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 ore

'Copertura telefonica insufficiente in Val Pontirone'

Due consiglieri comunali Plr interpellano il Municipio di Biasca, chiedendo anche aggiornamenti sulla frana di Biborgo
Luganese
9 ore

Artisti dal Ceresio alla Moravia: conferenza a Curio

L'evento è organizzato dall'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana e si terrà al Museo etnografico il 22 agosto
Luganese
9 ore

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
10 ore

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
10 ore

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
10 ore

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
10 ore

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
11 ore

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
11 ore

Estradato in Italia latitante albanese catturato in Svizzera

L'uomo si è reso responsabile di una serie di pericolosi reati: violenza sessuale, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina
Ticino
12 ore

Dalla Supsi un dispositivo per testare il Covid in tempo reale

A ottobre parte un progetto di ricerca congiunto assieme al Poli di Losanna e lo Ior che mira a sviluppare l'apparecchio portatile in due anni
Locarnese
10.07.2019 - 09:120

Moneto, quei 'brutti' tagli che fan bene al bosco

In corso un lavoro di esbosco 'deficitario'. L'eliminazione di alberi di alto fusto consente alla luce di raggiungere il suolo, favorendo la biodiversità

Due “ferite” che tagliano la montagna, in quello che sembra un danno inferto alla vegetazione boschiva. Ma così non è, perché quelle due “strisce” senza alberi nei boschi di Moneto, di fronte all’abitato di Camedo, che tutti possono facilmente scorgere, fanno parte di un intervento di taglio definito “deficitario”. A spiegarci di cosa si tratta è Giovanni Galli, alla testa dell’Ufficio forestale dell’8° circondario. «I boschi di protezione in Ticino si distinguono in due tipi: quelli di protezione diretta, che proteggono dai pericoli naturali abitati e strade (nei quali vengono solitamente effettuati, da enti pubblici o dallo Stato, interventi selvicolturali sussidiati) e quelli di protezione indiretta, nei quali gli imprenditori forestali possono, con il nostro accordo, farsi promotori di progetti di sfruttamento del legname. Nel caso delle alte Centovalli, si tratta, appunto, di un progetto di taglio “deficitario”, portato avanti da un imprenditore privato. Il committente prende contatto con le parti (nello specifico sono quasi tutti dei proprietari privati), ci sottopone il suo progetto, per il quale percepisce un contributo al metrocubo esboscato. Un sussidio non rilevante, ma che comunque stimola un lavoro di gestione del bosco interessante.

Il doppio vantaggio dell’operazione: giova alla natura e all’economia

«Da una parte i tagli favoriscono – permettendo alla luce di arrivare sino al suolo – la crescita di novellame (anche di altre speci) e migliorano la qualità del sottobosco, rendendolo ecologicamente più ricco (pure per la fauna), interessante e meglio strutturato; dall’altra stimola l’economia del legno (pensiamo ad esempio al fabbisogno delle centrali termiche presenti nella regione), favorendo lo sfruttamento di una risorsa locale, a portata di mano, evitando magari l’importazione dall’estero». Il tutto, senza ricorrere all’elicottero per il trasporto a valle delle piante tagliate: «Il committente – prosegue Galli – fa capo a una teleferica per esboscare il legname nella zona di deposito. Così non nuoce all’ambiente, risparmiando baccano e inquinamento». Resta il fatto che, esteticamente, non è forse momentaneamente un gran bel vedere: «Qualche perplessità è comprensibile. Ma, ripeto, dal punto di vista ecologico e della biodiversità, questi tagli creano nuove dinamiche, permettono al bosco di rinnovarsi e ad altre essenze forestali di insediarsi. Rispetto alla faggeta pura, con un sottobosco “pulito” ma estremamente povero, nei prossimi anni si svilupperà un bosco più ricco e stabile, a beneficio della natura. La scelta di intervenire in un’area come questa, piuttosto che in un’altra, è dettata anche da ragioni economiche. La morfologia del territorio delle nostre valli non facilita il lavoro di cura o sfruttamento del bosco. Chi investe risorse per un cantiere del genere, deve poter contare su una buona logistica: una strada forestale, spazio per la teleferica d’esbosco e sufficienti depositi per la lavorazione e il carico del materiale. Quindi la scelta cade su pendii facilmente raggiungibili, in zone non troppo discoste». Un invito a vedere il bicchiere mezzo pieno, quello di Giovanni Galli, dunque: «Si crea lavoro, si valorizza la materia prima locale, si fa del bene al patrimonio boschivo». Per il resto, si chiuda un occhio. Il tempo, si sa, cancella le ferite.

 

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved