ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
18 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
19 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
20 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
23 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
26.03.2019 - 06:00

Cardada, tira aria di 'riconversione'

Lo Sci club sta valutando se e come abbandonare definitivamente lo sci, attrattiva storica ma ormai anacronistica

di Davide Martinoni
cardada-tira-aria-di-riconversione
(Ti-Press)

A Cardada molto, se non tutto, sembra indicare la necessità di una riconversione che cambi i connotati alla stagione invernale rendendola meno legata allo sci e più permeabile ad altre soluzioni economicamente paganti. Il comitato dello Sci club, su mandato dell’assemblea, sta valutando pro e contro di questo cambiamento d’orizzonte. Dante Pollini, il presidente (dimissionario con effetto il prossimo dicembre), ricorda che «stiamo sondando il terreno per vedere se ed eventualmente come implementare una strategia d’uscita. L’obiettivo è verificare diverse opzioni. Una riguarda la liquidazione della Sagl – di proprietà dello Sci club – che gestisce gli impianti; un’altra è dare continuità allo sci così come storicamente lo conosciamo, ma basandosi su una strategia solida e ragionata». Pollini aggiunge che «se “riconversione” dev’essere, sarà condotta senza lasciare “feriti per strada”: quindi niente fallimento, ma liquidazione della società. Bisogna essere realisti: il clima non gioca a favore e lo sci ha perso molto d’interesse, a partire dalle scuole. Le condizioni quadro sono mutate radicalmente rispetto ad una decina di anni fa e il comitato stesso è un po’ provato perché ci mette tante ore di volontariato a fronte di costi fissi stagionali per 40-50mila franchi, che in un modo o nell’altro vanno coperti». Comprimaria di un eventuale cambiamento sarà la Cardada impianti turistici: «Una decisione spetta sempre all’assemblea dello Sci club e allo Sci club competeranno gli eventuali passi per lo smantellamento degli impianti – precisa il direttore della Cit, Luca Jardini –. Noi siamo solidali: daremmo una mano a livello logistico e anche finanziario, viste le limitate capacità economiche del sodalizio sportivo». Circa le possibili opzioni per «voltare pagina in modo costruttivo», Jardini mette l’accento sulla necessità di «reinventarsi, ravvivandoci e creando nuove opportunità per la capanna Cimetta (di proprietà dello Sci club, ndr), simbolo del nostro finale di destinazione. Gli inverni attuali, senza neve, equivalgono praticamente a delle belle stagioni. Reinventarsi significa orientarsi sulla valorizzazione del trekking, sul potenziamento dell’offerta per la mountain-bike, sulla promozione di pacchetti; inoltre, ipotizzo una possibile rigenerazione dello skilift piccolo in “snowtubing” (le ciambelle mono o bi-posto utilizzabili con o senza neve, d’estate e d’inverno, ndr)». Jardini rileva che «il potenziale di rinnovamento esiste perché la destinazione è molto interessante e le cifre lo dimostrano. Quindi un eventuale cambiamento non andrebbe subìto, ma sfruttato per reinventarsi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved