scoperta-archeologica-in-un-cantiere-di-muralto
+1
12.03.2018 - 14:200
Aggiornamento : 21:07

Scoperta archeologica in un cantiere di Muralto

Dal sottosuolo, vicino al lungolago, sono emersi antichi muri perimetrali: in corso le verifiche del Servizio archeologico cantonale

a cura de laRegione

In mancanza di informazioni ufficiali da parte del Servizio archeologico cantonale, quelli riemersi in un'area di cantiere sul lungolago di Muralto devono essere considerati "semplici" muri perimetrali. Le verifiche attualmente in corso da parte degli esperti serviranno per determinare il tipo di insediamento, la datazione e l'importanza del ritrovamento. Sul posto, comunque, le tracce del lontano passato che hanno ritrovato la luce riescono a stupire l'osservatore esterno per l'ampiezza dell'area interessata e per la conservazione delle vestigia. 

Come noto Muralto non è nuovo a ritrovamenti archeologici anche significativi. È famosa, in particolare, per il suo vicus romano, l'insediamento meglio documentato in Ticino, che l'Ufficio dei beni culturali ha appunto indagato a fondo nell'ambito di un progetto di studio condotto con l'Università di Berna e il Gruppo Archeologia Ticino (poi confluito nell'Associazione archeologica ticinese).

Nel Locarnese, sono recenti due ulteriori ritrovamenti di un certo interesse: 3 anni fa, nell’ambito dei lavori per l’edificazione del Palacinema, erano state riportate alla luce le strutture murarie pertinenti con il sistema di canali che completavano il porto fortificato del Castello Visconteo. A Minusio, invece, a pochi metri dall'Oratorio della Madonna delle Grazie, in via dei Vicini, un cantiere aveva restituito un insediamento risalente alll’età del Bronzo medio (1500 a.C.), con persistenze fino alla Romanità. Il ritrovamento, era stato detto, costituiva un unicum per il Cantone Ticino e una rarità a livello svizzero.

A Muralto il cantiere attualmente sotto osservazione del Servizio archeologico è quello dell'ex Hotel Rosa Seegarten, abbattuto nei mesi scorsi per lasciar spazio ad una nuova struttura alberghiera che risulterà tra l'altro collegata alla zona della Stazione Ffs da un sottopasso.

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved