laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
La struttura centovallina
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora
Liceo di Bellinzona, dure critiche al corpo insegnante
Alcune testimonianze raccolte dalla redazione sul periodo di lockdown parlano di docenti assenti e menefreghisti verso i bisogni didattici degli studenti
Ticino
1 ora
Sventata strage: ‘La scuola non deve educare alla paura’
Il direttore Adriano Agustoni spiega come compagni e docenti abbiano contribuito in modo decisivo a sventare l’attacco alla Scuola di commercio
Luganese
10 ore
Cc Lugano, per due sere si torna al Palacongressi
Tra i temi caldi, tre mozioni sul Centro sociale e la richiesta di ripristino della legalità. All'ordine del giorno anche la piscina di Carona
Luganese
11 ore
Raiffeisen di Lugano, 2019 da incorniciare
Utile d'esercizio in lieve aumento e il numero di soci ha superato le 8 mila 200 unità
Mendrisiotto
12 ore
Per cifra d'affari l'Admiral è secondo solo a Zurigo
Un 2019 da ricordare per la casa da gioco di Mendrisio che para anche il colpo dell'emergenza sanitaria. Numeri in ripresa e nessun licenziamento
Mendrisiotto
12 ore
Il Consiglio comunale di Mendrisio discute i conti 2019
Agenda fitta per la seconda seduta fuori sede, sullo sfondo le preoccupazioni finanziarie dettate dall'emergenza sanitaria
Luganese
12 ore
Casinò di Campione, la perdita più grave: 120 milioni di euro
Ecco la stima del deficit accumulato dalla casa da gioco a quasi due anni dalla sua chiusura. L'incasso giornaliero medio era di 250 mila euro
Locarnese
12 ore
Lavori notturni sulla tratta Ponte Brolla-Intragna
A partire da domani fino a sabato 11 luglio. Ad Ascona, fermata Linea 1 del bus soppressa, dal 6 al 31 luglio
Ticino
12 ore
Da Guy Fawkes a Hitler, passando per Charles Manson
Molti i riferimenti alle grandi violenze del passato emersi durante l'istruttoria per la sventata strage alla Commercio di Bellinzona
Bellinzonese
12 ore
Auto sbanda sul Ceneri, madre e figlia al pronto soccorso
Avrebebro riportato ferite apparentemente non gravi. Illesi gli altri due occupanti. Il rocambolesco incidente è avvenuto questo pomeriggio sull'A2.
Locarnese
01.02.2018 - 06:000

'Per 9 anni si è negata l'evidenza'

Casa per anziani San Donato a Intragna, ex dipendenti accusano il Consiglio di Fondazione

“Ora i giochi sono fatti, la direttrice è stata allontanata; ma tutto è risolto?”. È una domanda retorica, quella sollevata da un gruppo di ex dipendenti dell’Istituto per anziani Casa San Donato di Intragna, dove un “audit” atteso per 9 anni, e finalmente effettuato dal Laboratorio di psicopatologia del lavoro, ha in pratica stabilito la non idoneità della Direzione, costringendo di fatto il Consiglio di Fondazione ad operare la scelta più difficile per chi quella direttrice l’aveva sempre strenuamente difesa. Una scelta che da sola non può dunque bastare, secondo gli ex dipendenti: “L’Ufficio del medico cantonale dovrà vigilare su tutto ciò che avverrà nell’immediato futuro – auspicano –; ossia monitorare le mosse del CdF affinché chi avrà il compito di condurre le sorti del San Donato sia una persona competente, scevra di interessi personali o politici, e sappia finalmente portare la tranquillità e la pace all’ombra del campanile più alto del Ticino”.

Il “prima” – un periodo troppo lungo, durante il quale il clima di lavoro si era vieppiù deteriorato – viene ricordato con dovizia di particolari, concentrandosi proprio sulla figura della direttrice, descritta come “una persona poco incline al dialogo e discriminante, tanto da far decidere a qualcuno di inoltrare le dimissioni pochissimo tempo dopo il suo insediamento”. Ed era soltanto un’introduzione alla rivoluzione interna costata 19 nuove assunzioni, 12 uscite per “motivi diversi”, 2 spostamenti interni, 9 disdette spontanee e 2 licenziamenti. “Con l’andare del tempo – proseguono gli ex impiegati – le cose non sono certo migliorate, anzi! Creandosi una rete di fedeli scudieri, che seminavano zizzania tra il personale curante, ha costretto alle dimissioni, nel corso degli anni, parecchi altri dipendenti. I futili motivi per cui una persona veniva invitata a lasciare il posto di lavoro erano creati ad arte, orchestrati in modo da non destare sospetti; ammonimenti, raid notturni, calunnie; ogni mezzo era lecito per screditare chi, con professionalità, cercava di fare del suo meglio per svolgere il suo lavoro”. Un “regime del terrore” – immagine già evocata alla “Regione” da uno dei dipendenti nel 2010 – “che colpiva persone deboli, vulnerabili, disarmate, incredule di meritare ciò che succedeva” e indotte a sentirsi inadeguate, e colpite così nell’autostima.

‘Situazione sotto gli occhi di tutti’

Una situazione, riflettono gli ex dipendenti, “che avveniva sotto gli occhi di tutti, Consiglio di Fondazione in primis, che negli anni ha firmato parecchie lettere di licenziamento senza appurarne le reali cause e senza indagare cosa stesse realmente succedendo. Anzi, nonostante le ripetute denunce ai sindacati e nonostante la stampa si sia più volte occupata di quanto avveniva al San Donato, i cinque membri del CdF hanno sostenuto a spada tratta l’operato della direttrice, negando l’evidenza”. La lettera inviata dal presidente Ottavio Guerra, sindaco di Centovalli, ad ospiti e parenti del San Donato ad “audit” ancora in corso, nel dicembre 2017, è un perfetto emblema della sudditanza subita dal CdF, o da parte di esso, rispetto alla figura di comando. Sul banco degli imputati, naturalmente, la stampa, con i suoi “tentativi – comunque falliti – di destabilizzare la struttura”.

“Negando l’evidenza non si risolve nulla – concludono gli ex impiegati –; anzi, si inaspriscono gli animi, si crea un clima di sfiducia e di abbandono; le vittime si sentono usurpate due volte, dapprima da chi prevarica i loro diritti e poi da chi nega che ciò sia avvenuto”.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved