ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
26 min

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
1 ora

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
1 ora

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
1 ora

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
1 ora

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
1 ora

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
2 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
2 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
2 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
2 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
3 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
19.01.2018 - 15:19
Aggiornamento: 15:57

'Ci rendano quei 500mila franchi': Locarno vs Lavertezzo

Un errato accredito dell'Ufficio cantonale delle imposte alla fonte ha aperto una vertenza tra i due comuni, che ora assume contorni legali

a cura de laRegione
ci-rendano-quei-500mila-franchi-locarno-vs-lavertezzo

Follow the money. "Il Municipio di Locarno ha approvato il messaggio che chiede al Legislativo comunale l’autorizzazione a stare in lite con il Comune di Lavertezzo –  rispettivamente, cautelativamente, con la Repubblica e Cantone Ticino – in merito al versamento di 490 mila franchi che erroneamente l’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte ha accreditato nel 2009 al Comune di Lavertezzo, invece che a quello di Locarno". Lo annuncia il Municipio di Locarno, aggiungendo un ulteriore capitolo a una vertenza con Lavertezzo apertasi 10 anni or sono per via di un errato versamento dell’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte, spettante a Locarno. La somma di 490mila franchi era finita nelle casse di Lavertezzo, disponibile – secondo la controparte – a ristornare la somma. Poi il dietrofront, per il quale Locarno "deplora il comportamento assunto".

Una lunga storia

"L’Esecutivo di Lavertezzo, accortosi dell’errore commesso dall’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte, inizialmente lo aveva subito segnalato al Cantone, provvedendo nel contempo ad accantonare l’importo in attesa delle istruzioni per il ristorno al Comune di Locarno," spiega Locarno.

"Da parte sua - ricostruisce il comunicato - l’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte, dopo aver verificato che quei soldi spettavano effettivamente al Comune di Locarno, chiedeva al Municipio di Lavertezzo di emanare una risoluzione municipale che lo autorizzasse a procedere allo storno in favore di Locarno. Tuttavia l’Esecutivo di Lavertezzo, nonostante gli intenti collaborativi manifestati in più occasioni all’inizio della vicenda, non ha emanato tale risoluzione e, anzi, si è in seguito rifiutato espressamente di farlo Questo comportamento ha innescato negli anni un fitto scambio di corrispondenza, incontri, sollecitazioni, richiami da parte del Municipio di Locarno affinché si provvedesse al ristorno della somma al Comune, reale beneficiario dei 490 mila franchi erroneamente attribuiti al Comune di Lavertezzo. L’Esecutivo cittadino ha anche proposto di dilazionare sull’arco di 10 anni la restituzione dell’importo dovuto, in modo da non creare problemi a Lavertezzo."

Niente da fare, sostiene il Municipio di Locarno: “l’Esecutivo di Lavertezzo ha successivamente cambiato orientamento asserendo che, dopo verifiche interne, risulterebbe che il Cantone avrebbe già provveduto a recuperare questi soldi, stornandoli da Lavertezzo tramite conteggi ridotti di imposte alla fonte negli anni successivi al 2009. In buona sostanza, quindi, secondo il Municipio di Lavertezzo, la Città di Locarno dovrebbe semmai ora rivolgersi al Cantone per incassare quanto chiede."

I municipali di Piazza Grande dissentono: "la tesi del Comune di Lavertezzo secondo la quale nulla sarebbe più dovuto a Locarno poiché il Cantone avrebbe già recuperato da Lavertezzo la somma spettante  alla Città è stata formalmente smentita dai competenti organi del Cantone. Dunque, l’importo rivendicato è tuttora dovuto a Locarno dal Comune di Lavertezzo."

L'unica soluzione paiono essere le vie legali. "L’Esecutivo di Locarno, per recuperare quanto spetta al Comune, mediante il proprio legale si è da un lato rivolto alla Camera di diritto Tributario, per chiedere la nullità della decisione con cui il Cantone, nel 2009, ha attribuito a Lavertezzo i 490 mila franchi invece spettanti a Locarno. D’altro lato, il Municipio cittadino ha iniziato una procedura esecutiva nei confronti del Comune di Lavertezzo, il quale si è opposto al precetto esecutivo. È pertanto verosimile che la Città di Locarno  sarà costretta  ad  avviare, davanti al Pretore di Locarno Campagna, anche una causa civile contro il Comune di Lavertezzo per recuperare l’importo indebitamente trattenuto."

 

 

© Regiopress, All rights reserved