la-tecnologia-per-salvaguardare-la-storia-dei-giornali-vallerani
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
12 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
13 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
14 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
14 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
14 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
14 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
14 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
14 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
15 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
15 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
15 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
15 ore

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Moesano
14.12.2021 - 20:15
Aggiornamento : 16.12.2021 - 15:40

La tecnologia per salvaguardare la storia dei giornali vallerani

Riuniti in un’unica piattaforma digitale gli 11 settimanali pubblicati nella regione a partire dal 1872

Una preziosa fonte di storia e cultura salvata dal rischio di estinzione grazie alla tecnologia. Nel Moesano è realtà la digitalizzazione di tutti i giornali vallerani che hanno portato, a scadenza settimanale, cronaca, attualità e politica regionale nelle case di mesolcinesi e calanchini nel corso degli ultimi 150 anni. Dallo scorso settembre tutte le edizioni degli 11 settimanali pubblicati a partire dal 1872 (il primo fu La Rezia italiana) sono disponibili sulla piattaforma www.e-newspaperarchives.ch (dove sono presenti anche altre raccolte di pubblicazioni in altri cantoni). I giornali del Moesano si trovano sia cercandoli singolarmente sia cliccando sull’icona del canton Grigioni. Così facendo appare un elenco delle testate con una breve descrizione della loro storia. Si possono cercare i giornali oppure un singolo argomento. Se si accede al sito senza effettuare una registrazione, si possono consultare i giornali. Se invece si effettua una registrazione come utente, è possibile, tra l’altro, scaricare gli articoli e correggere eventuali errori, dovuti alla scansione, che appaiono nei testi.

‘Un importante regalo per tutta la popolazione’

“Riteniamo che questo nuovo servizio sia un importante regalo per tutta la popolazione, sia per chi deve consultare i giornali per studio o lavoro, sia per chi è semplicemente interessato alla nostra storia e alla nostra regione – dice citata in un comunicato stampa Flavia Plozza-Martinelli, bibliotecaria e responsabile del progetto Giornali online per la Biblioteca regionale moesana –. Il nostro passato – aggiunge – è dunque alla portata di tutti con un semplice click e ci auguriamo che siano in molti ad usufruirne”.

Ad un certo punto della storia, nel Moesano si pubblicavano addirittura tre settimanali: Il San Bernardino, la Voce delle Valli e il Mesolcinese. “Questa abbondanza – spiega Plozza-Martinelli – è in stretta relazione alla storia politica e partitica della regione. Queste pubblicazioni infatti, fino a una decina di anni fa, erano legate ai partiti tradizionali che andavano per la maggiore in Mesolcina e Calanca. Basti citare Il San Bernardino per il partito democratico cristiano, la Voce delle Valli per il partito progressista, il Mesolcinese per il Partito cattolico conservatore indipendente”.

Progetto nato nel 2018

Da subito sostenuto dalla conferenza dei sindaci del Moesano, il progetto è nato nel 2018 proprio su proposta della Biblioteca regionale moesana, che lo ha poi sviluppato trovando la preziosa collaborazione della Biblioteca cantonale dei Grigioni (responsabile del progetto è stata Nadine Wallaschek) e della Biblioteca nazionale di Berna. La concretizzazione dell’iniziativa è stata possibile grazie al minuzioso lavoro di ricerca di copie mancanti, anche in altre biblioteche, coinvolgendo anche i privati e ottenendo infine il consenso degli editori, rispettivamente dei loro eredi, per procedere – grazie all’ausilio di aziende specializzate – con la digitalizzazione, la segmentazione e la pubblicazione sulla piattaforma.

Finanziamento e costi

L’intero progetto è costato circa di 50mila franchi, per metà finanziato dai Comuni della Regione Moesa. Il Cantone ha contributo con 15mila e la Biblioteca nazionale con 10mila franchi. Non quantificabili gli apporti della Biblioteca regionale moesana.

Di seguito l’elenco dei giornali digitalizzati:

  • La Rezia italiana (1872-1899)
  • L’amico del Popolo di Mesolcina e Calanca (1880-1882, già digitalizzato dall’archivio di Stato del Canton Ticino)
  • Il San Bernardino (1894-2012)
  • L’illustrazione delle acque del San Bernardino (1895-1901)
  • La Rezia (1900-1926)
  • La Voce dei Grigioni (1921-1926)
  • La Voce della Rezia (1926-1947)
  • Mons Avium (1937-1955 come inserito de Il San Bernardino)
  • La Voce delle Valli (1948-2012)
  • Il Mesolcinese (1974-1989)
  • La Voce del San Bernardino (2012-2017)

In totale si tratta di 58’788 pagine digitalizzate e segmentate. Oggi nella regione è rimasta unicamente la Voce del San Bernardino (frutto della fusione de Il San Bernardino con la Voce delle Valli) che dal 2017, per ragioni finanziarie, esce quale inserto del settimanale Il Grigioni italiano (anche le pubblicazioni di questo settimanale sono disponibili sulla piattaforma). Non sono stati inclusi nel progetto gli inserti “Contatti” pubblicati da Libera Stampa e “La pagina del Grigioni italiano” pubblicati dal Giornale del Popolo in quanto sono già digitalizzati e consultabili online, assieme alle relative testate in cui apparivano, nell’Archivio digitale del sistema bibliotecario ticinese (Sbt) dei quotidiani e periodici.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
archivio digitale giornali vallerani moesano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved