04.11.2020 - 12:05

Scuola 'stradale' per 3'500 allievi grigionesi

Il consiglio della Polizia cantonale grigionese: accompagnate i vostri figli a piedi invece che in auto

scuola-stradale-per-3-500-allievi-grigionesi
Polizia GR

Subito dopo le vacanze estive gli istruttori del traffico della Polizia cantonale dei Grigioni hanno iniziato a svolgere le lezioni di educazione stradale in tutte le scuole dell'infanzia. A oltre 3'500 bambini in totale, dopo una breve parte teorica effettuata a scuola è poi stato mostrato il comportamento corretto sul marciapiede nonché come si attraversa correttamente la strada in presenza o meno delle strisce pedonali. Lo spiega la Polizia cantonale in un comunicato odierno.

'Ruote ferme, bimbi salvi'

Durante la lezione i bambini imparano ad attraversare la strada quando i veicoli si fermano immediatamente prima delle strisce pedonali e una volta che le ruote sono completamente ferme. La Polizia grigionese sottolinea che è molto importante che tutti gli utenti del traffico siano consapevoli di come ci si comporta in queste situazioni e agiscano di conseguenza.

Una delle principali richieste espressa da parte degli istruttori del traffico della Polizia cantonale dei Grigioni è che all'inizio i genitori percorrano a piedi con i bambini il tragitto che porta alla scuola dell'infanzia. In questo modo i bambini si sentono più sicuri per poi muoversi da soli nel traffico. Accompagnarli in macchina non promuove invece la sicurezza dei bambini e il consiglio degli esperti è di ridurre questa modalità al minimo indispensabile. "Con questi viaggi ai bambini mancano anche i contatti sociali, i quali vengono curati e vissuti sul percorso verso la scuola dell'infanzia", viene sottolineato.

La polizia ne approfitta per lanciare un appello ai conducenti: "Non lasciatevi distrarre da niente e da nessuno. Quando ci sono bambini che vogliono attraversare la strada o le strisce pedonali fermatevi immediatamente e completamente prima delle strisce pedonali. Poiché vale il principio: Ruote ferme, bimbi salvi".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved