ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno

Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
6 min

Ecco il bando per progettare il nuovo ospedale di Bellinzona

L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050
Ticino
51 min

Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto

La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Luganese
1 ora

Mendrisio, consigli per evitare le truffe

Incontro rivolto agli anziani nella sala del Consiglio comunale. Lo organizzano diversi enti, in collaborazione con la Polizia cantonale
Bellinzonese
2 ore

‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli

Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
3 ore

Pizzicato al confine con 750 mila franchi non dichiarati

Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
5 ore

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
5 ore

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
12 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
12 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
13 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
13 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
05.12.2022 - 15:21
Aggiornamento: 17:56

In crescita il numero di visitatori al museo Sasso San Gottardo

Un successo le esposizioni tematiche e la nuova sala del silenzio, che verrà riproposta con sessioni regolari anche durante la prossima stagione

in-crescita-il-numero-di-visitatori-al-museo-sasso-san-gottardo

Dopo due anni di complicazioni dovute alla pandemia, durante la passata stagione estiva il museo Sasso San Gottardo ha registrato nuovamente un forte aumento di visitatori: circa 14’500 persone hanno visitato la leggendaria fortezza con le sue avvincenti esposizioni. "In termini di visitatori individuali, abbiamo addirittura superato i numeri del 2019 – spiega il direttore Damian Zingg in un comunicato –. Per quanto riguarda i gruppi, invece, abbiamo registrato una leggera diminuzione rispetto al periodo precedente la pandemia".

Collaborazione con Andermatt Music

All’inizio di luglio è stata inaugurata la prima mostra permanente dedicata a Goethe su suolo nazionale, una sua anteprima era già stata esposta nell’ambasciata tedesca. Per il progetto il museo ha promosso una collaborazione con la società Goethe Svizzera, il Dipartimento culturale dell’ambasciata tedesca e il Comune di Stäfa. Il Sasso San Gottardo è quindi anche stato coinvolto nel 225° anniversario del terzo viaggio del poeta sul passo, iniziato proprio dalla cittadina sul lago di Zurigo. "Sono già in corso i preparativi per la seconda edizione delle ‘Giornate di Goethe ad Andermatt’, in programma nel fine settimana del 26-27 agosto 2023 grazie al sostegno finanziario della fondazione Daetwyler", continua Zingg.

Il generale Guisan sul passo del Gottardo

La fortezza storico-militare è anche stata al centro di attività inusuali: ad agosto il Sasso San Gottardo ha organizzato delle giornate incentrate sul generale Guisan. L’evento è stato sviluppato insieme a delle associazioni partner quali la storica truppa del treno, la truppa di cavalleria e l’unità d’addestramento dell’esercito. "L’attore Jean Winiger (originario della Svizzera francese) ha interpretato il generale Guisan in modo molto convincente; non c’è da stupirsi che gli ospiti abbiano fatto la fila per farsi un selfie con lui", puntualizza ancora il comunicato.

Focus su Goethe e Guisan

"Con Goethe e Guisan – continua il direttore – nelle nostre mostre abbiamo stabilito due temi centrali che hanno plasmato in modo decisivo il mito del passo, ciascuno nel proprio periodo". Il poeta come primo "influencer del Gottardo della storia" e il generale come "mente strategica nella costruzione della fortezza. L’elemento di collegamento si trova in Guglielmo Tell: Goethe durante i suoi tre viaggi ha visitato i luoghi e studiato da vicino la gente, gli usi e i costumi del paese intorno alla regione del Gottardo. Voleva creare un’opera, ma non ha trovato il tempo per realizzarla; per questo, tornato a casa a Weimar, decide di dare questa bozza del progetto all’amico Schiller che scrisse in seguito la famosa opera. Divenne un successo mondiale e nella Seconda guerra mondiale – proprio all’epoca della costruzione della fortezza – la leggenda di Tell servì ‘nuovamente’ in Svizzera, come importante elemento di difesa spirituale e come simbolo di unità nazionale".

Dieci anni con Christa Rigozzi

In occasione dei festeggiamenti per il decennale anniversario del museo è stata inaugurata con Christa Rigozzi la nuova sala del silenzio nel mondo dei cristalli. "Il riposo è diventato una merce rara. Nelle gallerie e nelle caverne del Sasso San Gottardo, al di fuori dei normali orari di apertura, c’è un silenzio e una pace totalizzante. Vivere questa tranquillità è un’esperienza speciale, infatti si è circondati da rocce vecchie milioni di anni nel mezzo della primordiale catena montuosa svizzera, il Gottardo!". Una sala che ha riscontrato molto successo tant’è che durante la prossima stagione verranno proposte regolari sessioni di silenzio. Come ulteriore novità, nella Caverna grande sarà allestito uno spettacolo di luci a simboleggiare il mito del Gottardo.

Stabilità del personale

"Siamo sicuri che in futuro saremo in grado di offrire ai nostri ospiti molte esperienze emozionanti con i nostri nuovi focus tematici", conclude Damian Zingg. "Inoltre, siamo molto contenti che la prossima estate tutta la nostra squadra tornerà, così come l’intero gruppo di volontari, impresa non scontata per un lavoro stagionale". Per ulteriori informazioni: www.sasso-sangottardo.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved