ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
18 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
19 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
23 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
07.10.2022 - 17:09
Aggiornamento: 18:15

‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’

Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali

niente-maxischermi-a-bellinzona-per-i-mondiali-in-qatar

Le manifestazioni contrarie alla prossima edizione dei Mondiali di calcio, in programma da metà novembre in Qatar, continuano senza interruzioni. Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo e chiedere al Municipio di Bellinzona di non restare indifferente alle violazioni dei diritti umani e ambientali, rinunciando a organizzare i maxischermi. Nella sua interrogazione ricorda come già la scelta della sede avesse suscitato polemiche, sfociate addirittura in procedimenti penali, sui fenomeni corruttivi emersi nel processo di assegnazione. Al di là di questi fatti, il Mondiale in Qatar "ha assunto sempre di più gli aspetti di una vera e propria catastrofe sia dal punto di vista sociale che da quello ambientale – afferma nell’atto –. Dal punto di vista sociale sono da ricordare le numerose denunce sulle condizioni di lavoro imposte ai lavoratori impegnati in questi anni (in gran parte migranti) per la realizzazione delle strutture che ospiteranno il campionato, a cominciare dagli stadi. Agenzie ufficiali hanno denunciato decine e decine di morti sul lavoro e centinaia di feriti". Ma, secondo il gruppo, il costo di vite umane è sicuramente più elevato di quanto indicato da dati ufficiali.

L’organizzazione dei Mondiali, non c’è Var che tenga, diventa ancora più "assurda e inaccettabile dal punto di vista ambientale – continuano Verdi-Mps-Fa-Pop –. Basti pensare, al di là degli sprechi connessi alla realizzazione delle strutture, al fatto che gli stadi in cui si terranno le competizioni sono climatizzati. Una vera e propria aberrazione in un momento in cui tutti ci poniamo il problema del risparmio energetico e della necessità di risparmiare". Considerati i diritti democratici più elementari, in primis quello relativo al lavoro, e il delicato momento in cui il Ticino si trova (vedasi la recente comunicazione di risparmiare energia) "sarebbe contraddittorio sostenere – anche indirettamente – una manifestazione costruita totalmente sullo spreco di risorse energetiche. Diverse città europee e svizzere hanno già comunicato la loro intenzione di andare in questa direzione, rinunciando a ospitare nelle proprie piazze e nelle proprie strutture l’organizzazione d’incontri pubblici attorno a maxischermi". Alla luce di queste considerazioni Verdi-Mps-Fa-Pop chiedono al Municipio di non posizionarsi in fuorigioco e rinunciare all’organizzazione di simili momenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved