ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Pomeriggio di ballo liscio a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Appuntamento per giovedì 9 febbraio al ristorante Alla Botte
Bellinzonese
1 ora

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per lunedì 13 febbraio alle 19 al centro culturale areapangeart
Locarnese
2 ore

La sfida: ricreare (e degustare) i 101 stili di birra ufficiali

L’iniziativa, promossa dal BeerLab di Gordola, è aperta a tutti e si ripeterà settimanalmente il giovedì sera
Luganese
2 ore

Appuntamento su sostenibilità e architettura in ambito alpino

Questi i temi che verranno trattati all’Istituto internazionale di Architettura a Lugano martedì 14 febbraio alle 18.30
Locarnese
2 ore

L’Arte dell’ascolto profondo, evento online con Daniel Levy

Lo propone l’Accademia Internazionale di Eufonia di Locarno giovedì 9 febbraio dalle 20
Bellinzonese
2 ore

L’Ambri Piotta sostiene la lotta contro una malattia rara

Il 17 febbraio i giocatori indosseranno una maglia speciale: il ricavato dell’asta andrà all’associazione ‘Noi ci siamo’ che sensibilizza sulla Fop
Ticino
2 ore

Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale

In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
Mendrisiotto
2 ore

Anche i Quartieri di Mendrisio si mettono la maschera

Dopo il Carnevale di Genestrerio, andato in scena domenica scorsa, è giunta l’ora di Besazio, Capolago e Ligornetto
Mendrisiotto
2 ore

A Novazzano torna ‘Ul Zanzara’

Per gli amanti del Carnevale sarà possibile festeggiare già a partire da martedì sera
Luganese
2 ore

Processo Enderlin, ‘dopo 9 anni di Purgatorio comincia la vita’

L’imprenditore luganese è stato condannato a 13 mesi sospesi. Cade l’accusa delle retrocessioni bancarie
Bellinzonese
2 ore

Ad Ambrì-Sopra ‘via alla Posta’ diventa ‘via Alina Borioli’

La commissione cantonale di nomenclatura ha approvato la modifica, proposta dalla scomparsa Tiziana Mona e cofirmatari
Locarnese
3 ore

Asta di beneficenza per i bambini del Kenya

Martedì 7 febbraio, dalle 14.30 alle 16.30, all’interno del centro diurno ‘Alcentrodì’ di Ascona, a favore dell’associazione ‘The Dreamers Association’
Locarnese
4 ore

Semine e novellame, così il Dipartimento ne orienta la rotta

All’Assemblea della Società di pesca Onsernone-Melezza Christophe Molina ha illustrato gli indirizzi del Dipartimento in materia di gestione ittica
Luganese
4 ore

‘Il Centro’ di Agno accoglie una nuova presidenza

Thierry Cerclé avrà al suo fianco la vice Graziella Lamprecht, in rappresentanza anche della sezione ‘Giovani del Centro’
Locarnese
4 ore

Aperitivo a Locarno con i candidati Udc

Appuntamento rivolto ad amici e simpatizzanti e organizzato dalla sezione regionale
Bellinzonese
4 ore

La Città di Bellinzona cerca apprendisti

In scadenza nei prossimi giorni i concorsi d’assunzione in otto professioni
Locarnese
4 ore

Carnevale muraltese, annullato lo spettacolo del Duo Rossi

Cancellato l’evento di venerdì 10 febbraio che avrebbe anticipato i festeggiamenti del sabato, che prevedono dalle 12 l’arrivo dei regnanti e la risottata
laR
 
11.09.2022 - 20:06

Giubiasco: ‘Chiediamo solo di lasciarci vivere viaggiando’

Il bilancio dei cinque giorni di porte aperte al Seghezzone è ‘positivo’. Nadia Bizzini: ‘Ora la popolazione conosce un po’ meglio i nomadi svizzeri’

giubiasco-chiediamo-solo-di-lasciarci-vivere-viaggiando
Ti-Press/Crinari

«Chiediamo semplicemente di lasciarci vivere secondo la nostra cultura e il nostro modo di viaggiare». Albert Barras, presidente dell’associazione J.M.S. (Jenisch, Manouches e Sinti svizzeri), ricorda che «la Costituzione garantisce a ogni cittadino il diritto di vivere nella Confederazione secondo i suoi usi e costumi». Un diritto che però in alcuni casi non viene percepito come tale, visto che «certi Comuni non accettano nomadi». Al Seghezzone di Giubiasco l’area di sosta per nomadi svizzeri è invece molto apprezzata, anche se «sarebbe meglio averne una permanente: avremmo così a disposizione, oltre all’acqua, anche elettricità e la possibilità di smaltire le acque luride. Inoltre, potremmo fermarci anche d’inverno [attualmente l’area è agibile da marzo a ottobre, ndr]», quando solitamente gli jenisch si fermano più a lungo in un posto. E uno degli aspetti emersi durante i cinque giorni di porte aperte è proprio la volontà delle autorità (Cantone, Città di Bellinzona e Ufficio federale della cultura) di collaborare per realizzare un’area di sosta permanente», sottolinea Nadia Bizzini, collaboratrice esterna del Dipartimento delle istituzioni sulla tematica ‘nomadi’. Porte aperte che hanno inoltre permesso alla popolazione di conoscere meglio questi concittadini riconosciuti dalla Confederazione come una minoranza nazionale.

Non è escluso un altro evento che coinvolga anche altre realtà culturali

Il bilancio di questi cinque giorni (terminati oggi) è dunque «positivo». Oltre alla questione puramente logistica – ricordiamo che le opzioni sul tavolo sono due: o sviluppare il Seghezzone, dove però il Cantone sembrerebbe voler realizzare due nuove scuole, o spostarsi su un terreno nelle vicinanze lungo l’autostrada – è anche emerso un certo interesse da parte della popolazione nei confronti di jenisch, manouches e sinti. «Oltre a partecipare ai diversi eventi proposti, alcune persone si sono anche fermate spontaneamente durante il giorno o alla sera semplicemente per fare una chiacchierata, scambiarsi opinione o porre domande», spiega Bizzini. Uno degli obiettivi di queste porte aperte era proprio quello di permettere alla popolazione di conoscere meglio i nomadi svizzeri. Obiettivo che è quindi in parte stato raggiunto, pure «grazie ai media che sono riusciti a sensibilizzare su questa tematica anche chi non si è recato sul posto». E tutto ciò provoca anche «un passaparola positivo (e non negativo come spesso accade) riguardo alla cultura jenisch». Un’esperienza quindi da rifare? «Visto l’esito positivo, non si può escludere l’organizzazione in futuro di un’altra manifestazione simile che coinvolga però anche altre realtà culturali presenti sul territorio».

‘Alcune mobilità sono accettate, altre represse’

Fra i numerosi eventi organizzati durante i cinque giorni di porte aperte, venerdì scorso si è anche tenuta una presentazione sul tema ‘nomadismo’ da parte della professoressa di antropologia culturale all’Università di Verona Stefania Pontrandolfo, che ha in particolare fatto notare come oggigiorno vi siano tipi di mobilità accettate, mentre altre vengono represse. E ciò non riguarda solo le popolazioni nomadi, ma, ad esempio, pure i migranti. «È lo Stato che definisce quale mobilità è accettabile», ha affermato. «La mobilità di lavoratori ricchi non è vista come un problema, mentre quella delle persone povere (che si spostano per sopravvivere) dà spesso fastidio».

‘Gli Stati nazionali privilegiano una cultura omogenea e sedentaria’

Stando a Pontrandolfo, questa ideologie è nata con «l’affermazione degli Stati nazionali» che hanno privilegiato «una cultura omogenea e sedentaria» in un territorio ben preciso, delimitato dai confini. E questo a causa di «un’ossessione relativa al controllo dei cittadini». Sono così state generate burocrazie o regole «che hanno come unica finalità quella di sapere dove si trovano le persone, come la carta di identità o il passaporto. Burocrazie che per le persone sedentarie sono molto utili, perché aiutano a vivere una vita più semplice. Ma per migranti o nomadi hanno portato a meccanismi di esclusione, ovvero regole che stabiliscono chi può accedere a determinati servizi e chi no».

‘Le loro attività sono sempre state utilissime’

Nomadi che in realtà hanno sempre svolto «attività economiche utilissime», ha sottolineato Pontrandolfo. «In passato il cestaio, il venditore di cavalli o il fabbro ferraio erano mestieri vitali per l’economia agricola. Con l’industrializzazione queste professioni sono diventate di nicchia», ma non meno utili. Anzi, in certi casi dovrebbero essere valorizzate: ad esempio il recupero e riciclo dei metalli o la restaurazione e il commercio di oggetti di antiquariato sono «attività ecologicamente importanti che però vengono svalorizzate». Svolgono poi anche attività artistiche (musica, teatro) e ludiche (giostre, circo). «Attività che fanno bene a tutti: a loro perché così riescono a sopravvivere e alla popolazione che può beneficiare dei loro servizi».

‘Senza viaggiare, non mi sentirei libero’

Insomma, i nomadi sembrerebbero ancora essere discriminati, non tanto per quello che fanno, ma a causa dei pregiudizi che si sono instaurati nella mentalità comune con il passare del tempo. E la loro unica colpa sembra essere quella di voler viaggiare e non rimanere sedentari in un luogo preciso. E spostarsi per loro è vitale: «Non posso vivere senza viaggiare: non mi sentirei libero, ma come in prigione», conclude Barras.

Leggi anche:

Giubiasco, i nomadi svizzeri ‘vogliono farsi conoscere’

Vita da nomade in Svizzera: ‘Viaggiare ce l’abbiamo nel sangue’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved