ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
5 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
5 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
5 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
6 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
6 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
7 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
7 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
7 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
7 ore

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
8 ore

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
8 ore

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
8 ore

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
Luganese
9 ore

Non cambia la viabilità lungo le vie di Cassarate

Il Municipio di Lugano boccia la proposta formulata dalla consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) per migliorare traffico e sicurezza
Locarnese
9 ore

Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali

Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
10 ore

‘Il sistema di designazione dei pretori di Lugano è adeguato’

Il Consiglio di Stato esprime parere negativo su una delle due proposte formulate in un’iniziativa elaborata presentata nel 2019
Mendrisiotto
10 ore

Mendrisio, sportelli chiusi nel pomeriggio di martedì grasso

Come da tradizione, gli uffici dell’amministrazione e l’Azienda comunale non apriranno il prossimo 21 febbraio
07.09.2022 - 05:25
Aggiornamento: 16:05

Giubiasco, i nomadi svizzeri ‘vogliono farsi conoscere’

Jenisch, sinti e manouches desiderano mostrare alla popolazione che sono persone comuni che partecipano alla vita quotidiana come gli altri cittadini

giubiasco-i-nomadi-svizzeri-vogliono-farsi-conoscere
Dalla primavera all’autunno viaggiano per tutta la Svizzera, fermandosi anche al Seghezzone

«Sono concittadini che hanno il desiderio di farsi conoscere». Nadia Bizzini, collaboratrice esterna del Dipartimento delle istituzioni (Di) sulla tematica ‘nomadi’, spiega a ‘laRegione’ che è proprio la comunità jenisch, sinti e manouches a voler «incontrare la popolazione» durante i cinque giorni di porte aperte previste da domani all’11 settembre all’area di sosta ubicata in zona Seghezzone a Giubiasco. In particolare «vogliono differenziarsi da altri gruppi culturali (come i rom) con i quali hanno in comune solo il fatto di essere una comunità semi-nomade e di essere stati perseguitati».

Riconosciuti come minoranza nazionale

In Svizzera vivono circa 35mila persone di origine jenisch che nei secoli si sono imparentati con sinti e manouches. Sono cittadini svizzeri a tutti gli effetti e sono riconosciuti dalla Confederazione come una minoranza nazionale proprio perché sono presenti sul territorio svizzero da prima che esistesse lo Stato elvetico. «Per essere riconosciuti come minoranza nazionale – sottolinea Bizzini –, bisogna dimostrare di avere un legame storico con il territorio. Inoltre, costituiscono una vera e propria comunità che parla una lingua, lo jenisch, anch’essa riconosciuta come idioma nazionale». Una comunità di cui solo il 10% conduce una vita semi-nomade: dalla primavera all’autunno viaggiano infatti per tutta la Svizzera, fermandosi solo pochi giorni in apposite aree di passaggio. D’inverno, invece, rimangono fermi in apposite aree di sosta o in dimore fisse. Mentre la grande maggioranza di questa comunità è diventata sedentaria.

Acqua, elettricità e servizi igienici garantiti grazie a un’area di sosta permanente

Resta il fatto che essendo una comunità riconosciuta, «la Confederazione prevede l’obbligo di mettere a disposizione aree allestite a questi concittadini», rileva Bizzini. E in Ticino questo è il caso al Seghezzone di Giubiasco, dove generalmente sosta una dozzina di roulotte all’interno delle quali vivono in media quattro persone. Un’offerta che per il momento soddisfa la comunità jenisch, sinti e manouches, visto che «in altri Cantoni vengono allestite aree di sosta per nomadi stranieri, ma non per quelli svizzeri, generando anche proteste». Inoltre, in Ticino vi è anche la volontà di migliorare ulteriormente la situazione: quella del Seghezzone è infatti un’area di sosta provvisoria, mentre l’obiettivo del Dipartimento delle istituzioni è quello di trovare una soluzione condivisa con il Comune di Bellinzona per metterne a disposizione una permanente. «Attualmente dispongono solo dell’allacciamento all’acqua corrente, mentre in un’area permanente sarà anche possibile garantire soprattutto elettricità e servizi igienici; nonché evitare la prassi burocratica per ricevere il consenso (tra i diversi enti coinvolti) nel mettere a disposizione il terreno per i nomadi svizzeri». Le opzioni sul tavolo in vista di un’area permanente sono attualmente due: o il Seghezzone – dove però il Cantone sembra avere altri piani, ovvero la realizzazione di due nuove scuole – o un terreno nelle vicinanze di proprietà dell’Ufficio federale delle strade situato lungo l’autostrada.

‘Contenti dell’approccio in Ticino’

Come spesso accade i tempi per arrivare a una soluzione definitiva sono piuttosto lunghi, ma il fatto che vi sia la volontà da parte delle autorità locali di mettere a disposizione un’area di sosta permanente, viene apprezzato dai nomadi svizzeri: «Sono molto contenti dell’approccio che vi è in Ticino nei loro confronti». Di questa questione si discute anche durante l’annuale incontro con rappresentanti del Comune di Bellinzona, del Cantone e degli jenisch. Un incontro che testimonia quindi l’interesse da parte di jenisch, sinti e manouches a dialogare con le autorità per trovare delle soluzioni. Come del resto si cerca di fare con qualsiasi comunità, grande o piccola, presente sul territorio. Si tratta di «una chiacchierata cordiale che serve anche a consolidare i rapporti», conferma Bizzini.

Non vogliono essere confusi con altre comunità

Un approccio che non sempre caratterizzerebbe invece i rom, più restii ai contatti esterni alla loro comunità e con caratteristiche culturali diverse da quelli degli jenisch. Sia i rom, sia gli jenisch, sinti e manouches «vogliono essere riconosciuti come comunità ben precise, non essere confusi tra di loro. E men che meno essere definiti zingari: una parola inventata con una chiara connotazione negativa». Ritengono «necessaria questa differenziazione anche per non essere accusati ingiustamente a causa di comportamenti non riconducibili alla loro comunità jenisch». Insomma, durante questi cinque giorni di porte aperte «i nomadi svizzeri vogliono invitare la popolazione locale a conoscerli, mostrando che sono persone comuni che partecipano alla vita quotidiana come qualsiasi altro cittadino». Sarà quindi anche un’occasione per «sfatare alcuni pregiudizi (non per forza negativi)» spesso ancora presenti nella popolazione e difficili da sradicare.

Ricordiamo che questo evento è sostenuto e promosso dal Dipartimento delle istituzioni, dalla Città di Bellinzona, dalla Fondazione Assicurare un futuro ai nomadi svizzeri, dall’Ufficio federale della cultura e dall’associazione J.M.S. (Jenisch, Manouches e Sinti svizzeri). Oggi è prevista una mostra fotografica e uno spettacolo teatrale; domani l’apertura ufficiale con le autorità di riferimento; venerdì una discussione aperta sul tema ‘nomadismo’ e un concerto; sabato una presentazione della comunità jenisch e una serata musicale; e, infine, domenica un tavolo di discussione pubblica e una presentazione dei nomadi svizzeri, così come uno spettacolo teatrale. L’entrata è libera e sul posto sarà possibile consumare pietanze e bevande in un’atmosfera spontanea e conviviale.

Leggi anche:

A Giubiasco ‘Ti presento i nomadi’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved