ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
23 min

Lamone, tombola al Centro diurno Talete di Pro Senectute

L’incontro con quattro giri è previsto per venerdì 30 settembre dalle 14.30 alle 16.30 in via Girella 4
Luganese
2 ore

Pregassona, porte aperte dell’associazione Amélie

Appuntamento per sabato 1 ottobre dalle 10 alle 18 in via Ceresio 43. Durante l’incontro sarà presentato il nuovo programma delle attività
Locarnese
4 ore

Ascona, una conferenza tra fede e denaro

Relatore sarà Markus Krienke, teologo e filosofo
Locarnese
7 ore

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
9 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
9 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
17 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
18 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
20 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
20 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
20 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
21 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
21 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
22 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
23 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
23 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
23 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
1 gior

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
1 gior

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
1 gior

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
18.08.2022 - 12:06
Aggiornamento: 19:04

Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio

Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato

giubiasco-tutto-pronto-per-tornare-all-asilo-dopo-il-nubifragio
Ti-Press/Filippi
Lunedì 29 agosto, allievi e docenti inizieranno l’anno scolastico nella loro sede originale
+9

«È stato un anno impegnativo e ora siamo quindi molto contenti di tornare in sede». Nora Albergoni è una docente della Scuola dell’infanzia Palasio a Giubiasco, l’asilo che poco più di un anno fa era stato invaso da acqua e fango a seguito del nubifragio che aveva provocato il cedimento dell’argine del riale Fossato, causando danni per circa 4 milioni di franchi. I lavori di ripristino sono infatti terminati e permetteranno a oltre 150 allievi e rispettivi docenti di iniziare regolarmente l’anno scolastico il prossimo 29 agosto nella loro sede originale. Allievi e docenti che hanno dovuto svolgere le attività nei prefabbricati accanto alle Scuole Nord di Bellinzona da settembre 2021 fino a giugno 2022. «Una soluzione di emergenza che, in fin dei conti, è stata ottimale», nonostante alcune difficoltà riscontrate, ha sottolineato Albergoni.

Docenti e allievi non vedono l’ora di tornare nelle loro aule

L’aspetto più «delicato e sensibile è stato il trasporto» da Giubiasco a Bellinzona di allievi e docenti, ha affermato oggi durante un incontro con i media all’asilo Palasio Renato Bison, capodicastero Educazione, cultura, giovani e socialità. «Dover salire su un bus ogni mattina invece che entrare direttamente in classe è stato un momento difficile per alcuni bambini». Il viaggio ha inoltre «limitato il tempo a disposizione per preparare o riordinare le aule», ha precisato Albergoni che ha riscontrato «un po’ più di stanchezza» negli allievi rispetto agli anni precedenti. Tuttavia, «i bambini hanno una grande capacità di adattamento» e questo ha sicuramente aiutato. In ogni caso, ora «non vedono l’ora di tornare nelle loro vecchie aule», ritrovando uno spazio più ampio e maggiormente attrezzato. E ovviamente anche i docenti sono contenti di poter tornare nella loro sede originale, dove ritroveranno il mobilio e gli strumenti di lavoro traslocati da Bellinzona a Giubiasco. Docenti che «hanno reagito in modo esemplare» dopo il nubifragio avvenuto il 7 agosto del 2021, ha sottolineato Bison. «È anche grazie a loro che siamo riusciti a trovare una soluzione che si è rivelata essere la più idonea».

Bambini di Molinazzo nei prefabbricati

I prefabbricati accanto alle Scuole Nord non rimarranno inutilizzati: saranno infatti dapprima occupati da servizi extrascolastici e da alcune sezioni scolastiche che comprendono anche alcuni allievi dell’asilo di Molinazzo che quest’anno non potrà riaprire, visto che l’Ufficio della sanità del Cantone non ha più concesso un’ulteriore proroga per proseguire con l’attività. Dall’anno prossimo, invece, i prefabbricati saranno utilizzati dagli allievi delle Elementari, visto che a giugno del 2023 inizieranno i lavori di risanamento delle Scuole Nord.

Edilizia scolastica, gruppo di lavoro per valutare i bisogni

Restando in ambito scolastico la Città di Bellinzona ha anche voluto fare il punto sull’imminente anno scolastico: in totale saranno 218 i docenti che il 29 agosto accoglieranno 3’155 allievi. Tra questi 2’009 frequenteranno le scuole elementari (in totale 113 sezioni), mentre 1’146 sono allievi delle scuole dell’infanzia suddivisi in 56 sezioni. Si tratta di cifre in linea con gli anni precedenti. Per capire l’evoluzione dei bisogni sul fronte dell’edilizia scolastica a medio-lungo termine, il Municipio (attraverso un apposito gruppo di lavoro) sta valutando quanto sarà necessario realizzare oltre ai provvedimenti già pianificati. «La popolazione è in crescita e quindi anche le esigenze scolastiche aumentano», spiega a questo proposito Bison. «Dove è fattibile cerchiamo di risanare gli edifici, ma dove non è possibile (come per la vetusta sede di Molinazzo), bisogna trovare alternative, limitate anche dalla scarsità di zone edificabili».

‘Un anno intenso, ma c’è soddisfazione’

Ma torniamo al Palasio: all’incontro con i media era presente anche Henrik Bang, capodicastero Opere pubbliche, che ha illustrato gli interventi eseguiti. «È stato un anno molto intenso», ha esordito. Ma «c’è soddisfazione per aver rispettato le tempistiche, così come i costi preventivati». E questo malgrado le difficoltà dovute, da un lato, al ripristino della struttura dopo gli ingenti danni subiti e, dall’altro, alla situazione internazionale che «ha influito sulla reperibilità dei materiali».

Quattro milioni di danni

L’ammontare dei danni è stato quantificato in circa 4 milioni di franchi, la maggior parte dei quali necessari per i lavori di ripristino dell’edificio. Una cifra che è stata coperta quasi interamente (circa 3,7 milioni) dall’assicurazione. Circa 300mila franchi sono dunque a carico del Comune di Bellinzona: «100mila franchi riguardano la franchigia, mentre i restanti 200mila sono stati utilizzati per diverse migliorie», precisa Bang. Migliorie che hanno in particolare riguardato i servizi igienici che sono stati riposizionati, ottimizzando così il loro utilizzo. In generale, durante il cantiere sono stati rifatti gli impianti elettrici, di riscaldamento e sanitari, ma gli interventi hanno toccato anche pavimenti, pareti, serramenti, canalizzazioni, la costruzione grezza nonché il giardino con parco giochi. Inoltre sono stati sostituiti praticamente tutti i mobili e materiali presenti al pianterreno, visto che il fango li aveva resi inutilizzabili. I lavori sono stati effettuati «da una ventina di ditte, principalmente del Bellinzonese».

250mila franchi per rifare il muro ceduto

A ciò vanno poi aggiunti altri 250mila franchi (il 60% è stato sussidiato dal Cantone) per la ricostruzione del tratto di parete d’argine del riale Fossato che aveva ceduto. Muro che è stato rafforzato con cemento armato e innalzato di un metro. In questo caso «i costi sono leggermente inferiori di quanto preventivato», ha precisato Bang.

Una rampa per rendere il comparto più accessibile

A dover ancora essere ultimata è una zona proprio a ridosso della camera del Fossato: per rendere la Scuola dell’infanzia più accessibile a disabili e genitori con il passeggino è infatti stata costruita una rampa che dal riale scende nel prato dell’edificio. La rampa è stata costruita, ma mancano ancora alcune panchine e vegetazione per rendere questa zona più confortevole per chi aspetta i propri figli. In questo caso i 180mila franchi necessari fanno parte del credito «già approvato a suo tempo dall’ex Consiglio comunale di Giubiasco».

Presto i risultati dello studio idrologico

Infine, Bang ha anche ricordato che «nei prossimi mesi dovrebbero essere disponibili i risultati» dello studio idrologico che il Municipio di Bellinzona, in accordo con l’Ufficio cantonale dei corsi d’acqua, ha deciso di effettuare andando a verificare lo stato dei tratti finali fino all’immissione nel fiume Ticino dei torrenti Guasta, Vallascia e Fossato. Infatti, proprio dove è esondato poco più di un anno fa, quest’ultimo riale inizia a scorrere in un tubo sottoterra. Bisogna ora capire, ad esempio, se sarà necessario ampliare la portata di questo tubo per evitare problematiche idrologiche. «Per il riale Vallascia è già stata quadruplicata la superficie di passaggio», ha sottolineato il municipale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved