ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 min

A Paradiso si parla di gotta e pseudogotta

In programma una conferenza pubblica martedì 4 ottobre alla sala multiuso con ospite il dottor Numa Masina
Mendrisiotto
15 min

Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’

Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti Locali Marzio Della Santa
Locarnese
43 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
5 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
5 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
11 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
13 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
13 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
14 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
15 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
15 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
16 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
16 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
16 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
laR
 
13.08.2022 - 05:20

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’

bistrot-di-bellinzona-nessuna-truffa-ne-maltrattamenti
Archivio Ti-Press
L’esercizio pubblico si trova in piazza Collegiata

«C’è stato un problema economico grave, ma non abbiamo mai truffato né maltrattato nessuno». Questa in estrema sintesi la replica di Ivan Lukic, gerente del Cerere Bio Bistrot & Shop di Bellinzona, dopo il nostro articolo dello scorso 11 agosto nel quale alcuni ex dipendenti dell’esercizio pubblico di piazza Collegiata hanno segnalato – rivolgendosi anche all’Ispettorato del lavoro – condizioni lavorative precarie. «Tutto il team era consapevole della difficile situazione finanziaria», afferma Lukic a ‘laRegione’. «E nessuno è stato trattenuto od obbligato a rimanere: tutti erano liberi di lasciare il progetto. Alcune persone, credendo in questa attività, hanno quindi deciso di tenere duro. Altre, anche a causa di incomprensioni e disguidi interni, hanno invece deciso di diffamare il progetto e i buoni propositi di tutto il team».

Ricordiamo che dalle testimonianze di alcuni ex dipendenti emergeva un contesto di salari non versati, straordinari non retribuiti, assegni familiari non percepiti, vacanze non concesse e, in generale, un clima di lavoro ostile con costanti pressioni. Il gerente del bistrot non nega che vi siano stati dei problemi relativi ad esempio ai salari, ma sottolinea anche che sia i dipendenti, sia i finanziatori erano a conoscenza della difficile situazione economica. Lukic ricorda infatti che il bistrot ha aperto i battenti durante la pandemia, ovvero nell’aprile del 2021: «Un periodo già molto difficile per qualsiasi attività e che, fra l’altro, non ci ha permesso di beneficiare di determinati aiuti pubblici». Ciononostante diverse persone hanno «resistito, ritenendo che questo progetto debba continuare a essere sostenuto. Un progetto in cui io credo tuttora e che intendo portare avanti».

Ad aver particolarmente deluso Alessandra Crosta – una delle ex dipendenti da noi contattate – è stato il fatto che l’attività promuove anche una visione più ampia, con particolare attenzione pure al sociale, all’ecologia, alla formazione e alla salvaguardia degli ecosistemi. Un progetto etico che, stando a Crosta, ha attirato collaboratori che si sono poi sentiti ingannati, visto che non si è mai concretizzato. A questo proposito Lukic ribadisce che non si può assolutamente parlare di ‘truffa’ e nemmeno di personale maltrattato.

Le lacune hanno portato un sostenitore a distanziarsi

Resta il fatto che questo progetto dai buoni intenti, almeno per il momento, non è andato in porto. E ciò ha portato uno dei sostenitori iniziali a distanziarsi. Elias Minotti, amministratore di ‘Agricoltura e giardini secondo natura’ (azienda bellinzonese attiva nel commercio di prodotti alimentari), afferma a ‘laRegione’ di aver "sostenuto e promosso il progetto, anche con enormi sacrifici", accogliendolo nella sua visione – dandogli anche il nome – e nel suo "progetto di più ampio respiro in quanto sulla carta rispecchiava i valori di cui siamo promotori e ben si sposava con diverse attività che già portiamo avanti. Purtroppo l’attività del Cerere è stata avviata già con gravi lacune sia dal punto di vista finanziario che di gestione ordinaria".

Sostanzialmente il bistrot ha riscontrato difficoltà nella ristrutturazione dell’immobile, più costosa e lenta del previsto. La partenza non è quindi stata ottimale e "due anni di pandemia hanno poi dato il colpo di grazia". Minotti dice di aver "fatto di tutto per cercare di scongiurare quanto accaduto, garantendo importanti somme per cercare di risanare i loro debiti e sollecitando oltre ogni limite il titolare e il team del progetto per colmare le lacune e i problemi interni all’attività. Considerato che il mio lavoro come tecnico e consulente è spesso anche volto a risanare e dove possibile evitare fin da subito situazioni del genere, ho (e non solo io) messo a disposizione tutto il know-how e i contatti possibili e immaginabili per cercare di risollevare l’attività e il progetto, ma purtroppo in questo caso non è bastato. Il clima non era più sostenibile a livello umano e quindi mi sono dissociato".

In merito alla ‘visione mai concretizzata’ Minotti ribadisce che "questa non si è ancora concretizzata perché, proprio per evitare situazioni come quelle del Cerere, stiamo lavorando in modo da avere una struttura solida, progettata in modo impeccabile e adeguatamente capitalizzata già prima dell’avvio di qualsiasi nuova attività produttiva o di ricerca e sviluppo".

Minotti afferma anche di aver rinunciato a ingenti somme di denaro per avviare il mai concretizzato progetto chiamato in causa. "Questo non perché sono pazzo o perché diversi milioni quasi ‘regalati’ non facciano comodo (farebbero comodo a chiunque) ma perché so esattamente a cosa stiamo lavorando e quali sono i passi per far sì che il tutto non si riveli poi una catastrofe e, non da ultimo, perché in 14 anni di attività in tutta Europa, non abbiamo mai accumulato una sola fattura non pagata o un solo cliente non contento".

L’Ispettorato del lavoro: ‘In caso di irregolarità, interveniamo’

Come detto alcuni ex dipendenti del bistrot hanno sostenuto di aver segnalato la questione all’Ufficio dell’ispettorato del lavoro (Uil) lo scorso maggio, senza però ricevere alcuna risposta. Da noi contattata, la Divisione dell’economia del Cantone afferma di non poter esprimersi su situazioni concrete. In generale, però, quando l’Uil "rileva delle non conformità in ambito di tutela della salute e/o di sicurezza sul lavoro, laddove non è competente la Suva, avvia le procedure previste dalla Legge federale sul lavoro e/o dalla Legge federale sull’assicurazione contro gli infortuni. A dipendenza della gravità, le procedure possono sfociare in un avvertimento al datore di lavoro e in casi gravi e reiterati in una denuncia al Ministero pubblico".

Leggi anche:

Fuggi fuggi dal bistrot: ‘Progetto etico rivelatosi una truffa’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved