ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
3 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
9 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
10 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
11 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
11 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
12 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
12 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
13 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
13 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
14 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
14 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
laR
 
10.08.2022 - 21:59
Aggiornamento: 11.08.2022 - 12:23

Una raccolta fondi per scendere più in profondità

L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre

una-raccolta-fondi-per-scendere-piu-in-profondita
Daan Verhoeven
+3

Nulla sembra essere impossibile per Vera Giampietro, l’apneista bellinzonese capace di inabissarsi fino a profondità inimmaginabili. Dopo essersi rotta il ginocchio in primavera, la 32enne pensava di dover rinunciare ai Campionati del mondo di Kas, in Turchia, di scena a inizio ottobre. Secondo i medici, infatti, l’unica alternativa era sottoporsi a un intervento. «Non volevo però buttare all’aria tutti i miei piani... Ho faticato a rimettermi in forze, ma ce l’ho fatta – racconta soddisfatta a ‘laRegione’ –. A giugno mi sono recata in Egitto per allenarmi e recuperare il livello dell’anno scorso in ottica rassegna iridata. E i risultati sono stati incoraggianti: contro il monito di tutta l’equipe medica di evitare repentini movimenti del ginocchio e immersioni, in pochi giorni sono riuscita a scendere fino a quasi 50 metri senza pinne». Un mare in burrasca di emozioni ostacolato anche dalla difficoltà di reperire i finanziamenti necessari a supporto di questa passione. Nonostante la crescita esponenziale degli ultimi anni, la disciplina rimane pur sempre di nicchia e fatica ad attirare l’attenzione di importanti sponsorizzazioni. La 32enne ha quindi deciso di lanciare una raccolta fondi, facendo ricorso a un crowdfunding. «Gli apneisti in generale, anche i migliori, non sono molto sostenuti. Durante la settimana lavoro in ufficio mentre nei weekend in un bar per riuscire a partecipare a una manifestazione quali i Mondiali. È un bell’impegno, ma non rinuncerei solo per una questione di soldi». L’apnea non è ancora stata riconosciuta da Swiss Olympic, Vera (e, soprattutto, le sue prestazioni) spera di aiutare la federazione a sviluppare il movimento a livello nazionale. «Dopo la rassegna iridata, la seconda consecutiva, cercherò di procurarmi delle sponsorship private con marchi importanti dimostrando la costanza di rendimento costruita negli ultimi tre anni».

‘È un mondo strano, ma molto umano’

A proposito di risultati, quali le aspettative prima di salpare per la Turchia? «L’intenzione principale è di evitare nuovi infortuni – afferma sorridendo l’interlocutrice –. No, seriamente, il mio obiettivo è di stabilire dei nuovi record nazionali (di cui è già in possesso, ndr.) e di scendere ancor più in profondità: se penso alle ultime competizioni la concorrenza è agguerrita, le partecipanti hanno conseguito numeri pazzeschi. Non credo onestamente di riuscire ad ambire al podio nelle singole categorie (monopinna, con doppia pinna, senza pinna e immersione libera), ma nell’overall tutto si rimette in discussione». Vera Giampietro gareggia infatti in tutte le specialità, un’impresa di cui poche sono capaci. «Molte atlete riescono a inabissarsi più di me, non tutte però effettuano quattro tuffi differenti e, per di più, senza pausa; qui cercherò quindi di entrare fra le prime tre. D’altronde l’anno scorso mi sono piazzata sesta». La motivazione più grande rimane comunque l’esperienza umana. «L’apneista è una strana persona, i Mondiali sono un’occasione irripetibile per imparare, scambiarsi consigli e storie di vita nonché condividere momenti unici. E già quella è una vittoria». Una concentrazione di persone e paesi differenti, tutti uniti per la medesima causa, ossia gareggiare abbattendo eventuali barriere politiche o ideologiche. «Pochi giorni fa, per esempio, si è tenuta la prima competizione della Vertical Blue nelle acque delle Bahamas e, complice la delicata situazione mondiale generata dalla guerra, gli organizzatori hanno proposto agli atleti di partecipare sotto bandiera neutra, di colore blu – conclude emozionata la 32enne –. L’apnea cerca di riflettere su temi più ‘importanti’ rispetto ai singoli atleti e tuffi, almeno io la penso così. Fra di noi s’instaura un legame profondo, capace di durare nel tempo». Per ulteriori informazioni www.veragiampietro.com/make-a-donation.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved