confermato-la-centrale-a-biogas-di-giubiasco-si-fara
Ti-Press
Sarà realizzata accanto al depuratore
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
27 min

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
Gallery
Luganese
1 ora

Centra lo spartitraffico e si rovescia su un fianco: è grave

Serie ferite per l’uomo rimasto vittima di un incidente nella notte in via San Gottardo a Lugano, poco prima del tunnel di Besso
Bellinzonese
1 ora

Esce di strada con l’auto che poi prende fuoco: grave una 20enne

L’incidente è avvenuto attorno alle 23.30 sulla strada cantonale all’altezza di Gorduno: strada chiusa per i rilievi del caso fino alle 4.30
Ticino
2 ore

Una notte di tuoni, acqua (tanta acqua) e grandine

Un fronte di maltempo particolarmente attivo ha spazzato nella notte il Ticino. Provocando diversi disagi, come nelle Centovalli
Gallery
Grigioni
2 ore

Grave incidente in galleria a Pian San Giacomo

Tre le auto coinvolte nel botto all’interno del tunnel Cianca Presella. Quattro i feriti, di cui uno in modo grave
Mendrisiotto
4 ore

Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum

Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Mendrisiotto
13 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
15 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
15 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
15 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
15 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
15 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
16 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. Intanto trasmessi a Berna i documenti per il metrò alpino
Ticino
16 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
16 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
16 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
17 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
17 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
16.05.2022 - 12:50
Aggiornamento: 17:22

Confermato: la centrale a biogas di Giubiasco si farà

Previsto dal 2008, l’impianto promosso da Amb e Ses smaltirà i rifiuti verdi e organici urbani producendo metano per la rete Metanord

Quattordici anni dopo i primi passi concreti, il Municipio di Bellinzona ha licenziato oggi il messaggio per la costituzione da parte dell’Azienda multiservizi Bellinzona (Amb) e della Società elettrica sopracenerina (Ses) di una società per la gestione di una centrale a biogas che valorizzerà gli scarti vegetali produrrà energia calorica. Come previsto sin dal 2008, la nuova centrale sarà realizzata a Giubiasco, vicino al depuratore gestito dall’Amb, per un investimento complessivo (realizzazione impianto e urbanizzazione terreno di proprietà Amb) pari a 26,6 milioni di franchi, quasi il triplo dei 10 milioni immaginati all’inizio. "Un investimento importante ma che permetterà di disporre di una soluzione completa e dimensionata per un bacino di raccolta regionale", si legge nel comunicato congiunto diramato da Amb e Ses, nel quale viene sottolineato che "grazie all’utilizzo di rifiuti organici si potrà produrre l’energia per riscaldare circa 800 economie domestiche, riducendo l’immissione di CO2 in atmosfera di circa 4’800 tonnellate", che equivalgono all’emissione annua di CO2 nell’ambiente generata da circa 2’000 automobili. "Da scarti vegetali e rifiuti organici domestici, come pure prodotti dalle attività commerciali, sarà recuperato il gas prodotto naturalmente, contribuendo alla riduzione dell’effetto serra". In sostanza il biometano sarà immesso nella rete metanifera della società Metanord già presente nel Vedeggio e in alcune località del Piano di Magadino. Amb e Ses stimano di poter produrre circa 8 milioni di kWh di biometano ai quali possono essere addizionati i 4 milioni di kWh già oggi estratti dai fanghi prodotti dall’impianto di depurazione, per un totale di 12 milioni di kWh. L’impianto "permetterà di valorizzare il materiale biodegradabile prodotto nell’area del Bellinzonese, Locarnese e bassa Mesolcina, con una possibile estensione alle Tre Valli".

Fino a 20mila tonnellate l’anno

La centrale, che occuperà un’area di circa 15mila metri quadrati, "sarà in grado di accogliere il verde cittadino (erba, ramaglie, foglie ecc.) per circa 16mila tonnellate l’anno, così come anche tutta la parte derivante dagli scarti da cucina (4mila tonnellate l’anno), il cui potenziale di raccolta e valorizzazione è ancora in gran parte oggi non sfruttato". Oltre al biogas che verrà venduta a Metanord generando un incasso per la nuova Sa, l’altro prodotto derivante dal processo di fermentazione che avverrà nell’impianto "sarà terriccio (compost) di alta qualità (certificazione bio) che sarà messo a disposizione dell’agricoltura, dei Comuni e dei cittadini in un’ottica di economia circolare a chilometro zero". Amb e Ses stimano di produrre quasi 9mila tonnellate l’anno di compost.

Nel messaggio il Municipio di Bellinzona spiega il motivo per cui nel progetto è stata coinvolta anche la Ses: "La quantità di scarti del solo Bellinzonese (10’000 ton/anno) non giustifica la costruzione di un impianto in proprio e quindi si rende necessario estendere il comprensorio di raccolta". La quantità annua prodotta nel Bellinzonese e nel Locarnese è invece tale "da giustificare la creazione di un unico sito di smaltimento condiviso e compartecipato. Questa impostazione – continua il Municipio – è pienamente condivisa e sostenuta anche dall’Ufficio dei rifiuti e dei siti inquinati del Cantone". Inoltre, conclude l’esecutivo, l’Amb non sarebbe in grado di sostenere l’importante investimento: "Una suddivisione degli investimenti e dei rischi aziendali è quindi più che opportuna".

Gestione, costi e finanziamento

Il progetto prevede la costituzione di una società con lo scopo di finanziare, realizzare, gestire e mantenere l’impianto a biogas. Le quote della nuova società saranno detenute in parti uguali da Amb e Ses. I costi di investimento e gestione operativa saranno a carico della nuova società. I costi operativi saranno coperti dalle entrate generate dalla vendita del biometano e dai costi di consegna del materiale verde che saranno, come oggi, assunti dai Comuni i quali potranno beneficiare di condizioni concorrenziali e di una garanzia di stabilità a lungo termine. La gestione della società dovrà garantire un equilibrio finanziario sostenibile, che permetta l’autofinanziamento e lo sviluppo di un servizio efficiente e concorrenziale a favore dei Comuni. Il business plan prevede che i ricavi coprano i costi di gestione corrente e i costi finanziari generati dall’investimento. Il Consiglio d’amministrazione sarà composto da 5 membri, di principio due in rappresentanza di Amb, due in rappresentanza di Ses e un rappresentante neutro (che potrebbe essere un rappresentante del Cantone).

La partecipazione di Amb alla costituenda nuova società di gestione e produzione di biogas con una quota azionaria del 50% implica un investimento di 2 milioni di franchi (2’000 azioni del valore di 1’000 franchi). I 26,6 milioni di investimenti previsti saranno finanziati sia tramite l’apporto di capitale da parte degli azionisti (in totale 4 milioni di franchi) sia tramite un prestito a lungo termine di 22,6 milioni che la società richiederà a banche o agli azionisti. Nel messaggio il Municipio di Bellinzona spiega che nel caso in cui il prestito verrà concesso direttamente alla costituenda società da parte di un istituto bancario, gli azionisti dovranno fungere da garante con una fideiussione pari all’importo del prestito maggiorato del 20%. Quindi in questo caso Amb concederebbe alla costituenda nuova società una fideiussione pari a 13,56 milioni (il Municipio chiede quindi al Consiglio comunale di avallare questa ipotesi). Nel caso in cui il prestito verrà invece concesso da parte degli azionisti, Amb dovrà concedere alla costituenda nuova società un prestito oneroso a lungo termine pari a 11,3 milioni di franchi che le verrà rimborsato sull’arco di trent’anni.

Considerato come il terreno dove sorgerà l’impianto sia di proprietà di Amb, si prevede la messa a disposizione alla società del fondo necessario tramite un diritto di superficie della durata di 30 anni corrispondente alla durata tecnica dell’impianto. Per l’utilizzo del terreno la società pagherà ad Amb il corrispettivo affitto annuale di 33’600 franchi per un totale cumulato nei 30 anni di circa un milione di franchi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amb centrale biogas giubiasco ses
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved