i-piatti-di-maestro-martino-portano-in-tavola-il-medioevo
Castelgrande
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
20 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
21 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
2 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
2 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
2 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
2 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
2 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
2 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
2 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
2 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
2 gior

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
11.05.2022 - 19:06
Aggiornamento: 19:51

I piatti di Maestro Martino portano in tavola il Medioevo

Otr, Blenio Bellissima e Gastro Bellinzona e Alto Ticino lanciano un progetto per valorizzare la figura del rinomato cuoco ticinese in ottica turistica

Una nuova gustosa proposta per rafforzare nella regione del Bellinzonese e valli l’identità legata al Medioevo. L’Organizzazione turistica regionale, l’Associazione Blenio Bellissima e Gastro Bellinzona Alto Ticino hanno presentato oggi il progetto legato alla figura di Maestro Martino (il suo vero nome è Martino de Rubeis ma è conosciuto anche come Martino de Rossi), nato nella frazione bleniese di Grumo attorno al 1430 e ricordato come il primo grande chef del periodo medievale/rinascimentale nonché pioniere della cucina italiana. Tanto che il suo manoscritto ‘Libro de Arte Coquinaria’ – il primo testo di cucina per il quale si conosce il nome dell’autore – è considerato un caposaldo. Oltre all’aspetto culinario, il programma dell’iniziativa prevede una serie di eventi e manifestazioni distribuiti in tutta la regione. Secondo i promotori l’iniziativa sarà un’ottima occasione per valorizzare tutto il territorio e profilarsi ulteriormente a livello turistico. Con l’avvento della componente gastronomica, ha infatti sottolineato oggi durante la presentazione del progetto il direttore Juri Clericetti, si aggiunge un altro tassello nella strategia dell’Organizzazione turistica legata all’offerta medievale nella regione, che oltre naturalmente al grande richiamo della Fortezza di Bellinzona (senza dimenticare il Castello di Serravalle) in tempi recenti ha proposto mostre collegate al periodo rinascimentale/medievale e altre iniziative come ad esempio la manifestazione La Spada nella Rocca.

Una ventina di ristoranti già coinvolti

Come indicato dal presidente di Gastro Bellinzona Alto Ticino Luca Merlo, sono già una ventina i ristoranti che hanno raccolto l’invito di inserire nel proprio menù piatti di Maestro Martino (la lista aggiornata dei partecipanti sarà consultabile sulla sito www.bellinzonaevalli.ch). Le proposte spaziano ad esempio dalla frittata all’uovo in camicia, maccaroni romaneschi, carbonata, polpette di carne, torta bianca, frittelle. A Bellinzona sarà possibile provare le ricette a partire dal 25 maggio, giorno in cui scatterà ufficialmente il progetto in concomitanza con la prima edizione dell’evento ‘Antica - Bellinzona medievale’ che si svolgerà nel centro storico delle Turrita da mercoledì 25 a venerdì 27 maggio. Fuori dalla capitale invece, i ristoranti inizieranno a proporre i piatti medievali a partire da metà giugno. L’obiettivo, ha spiegato Merlo, è quella di rendere le ricette di Maestro Martino una presenza fissa nei menù. «Non sono piatti particolarmente difficili e possono essere preparati durante tutto l’anno sostituendo gli ingredienti a dipendenza della stagione».

Tre giorni di festa nel centro storico

Per quanto riguarda l’evento ‘Antica - Bellinzona medievale’, la tre giorni vuole fare rivivere la storia del borgo della capitale per rivivere l’atmosfera medievale nel centro storico di Bellinzona. Saranno ricreate le vecchie locande con animazione e gastronomia medievale nelle piazze. L’evento prevede musica dal vivo nel centro storico con artisti di strada, saltimbanchi, giullari, spettacoli, visite notturne a Castelgrande, mercatini e animazione per bambini. L’appuntamento clou sarà il ‘Banchetto del Re’ in programma per giovedì 26 nella corte di Palazzo civico con menù (frittata, minestre di rape e maialino alla brace) basato sulle ricette di Maestro Martino (iscrizioni obbligatorie entro 20 maggio a bellinzona@bellinzonaevalli.ch o allo 091 825 21 31).

Il ‘Principe dei cuochi’ sotto i riflettori al Museo della Valle di Blenio

Ma è soprattutto al Museo storico etnografico della Valle di Blenio che l’epoca e la figura del rinomato cuoco finirà sotto i riflettori dal punto di vista storico e culturale. Tra Lottigna (Palazzo dei Landfogti) e Olivone (Ca’ da Rivöi) verrà infatti allestita la mostra ‘Maestro Martino, Principe dei cuochi’, promossa dall’Associazione Blenio Bellissima, e nello specifico da Egon Maestri, in collaborazione con il museo. Visitabile a partire da domenica 15 maggio, racconterà le tradizioni culinarie dell’epoca, l’ambiente delle corti, i riti cerimoniali dei banchetti, gli usi alimentari e di costume di allora, con particolare attenzione a prodotti simbolo presenti ancora oggi nella tradizione gastronomica sudalpina. A Lottigna saranno tre le sale del museo dedicate alla mostra che prevede proposte multimediali, attività didattiche ed esperienze pratiche adatte a tutte le fasce di età. Come spiegato da Luca Solari, membro dell’associazione nonché responsabile della parte didattica e museale, il progetto ha visto il coinvolgimento della scuola di sartoria di Biasca e del Centro di risorse didattiche digitali per alcune parti dell’esposizione. È invece opera degli allievi delle scuole elementari di Acquarossa la guida del museo, realizzata interamente a fumetti. La cerimonia inaugurale della mostra si terrà il 18 giugno alla presenza del celebre cuoco svizzero Anton Mosimann. Tutti i dettagli sul sito (creato appositamente) www.maestro-martino.ch. A nome dell’Associazione Blenio Bellissima, il presidente Stefano Malingamba ha espresso soddisfazione per un progetto che permetterà di far conoscere la figura di Mastro Martino, ringraziando i Comuni bleniesi e gli altri sostenitori per avere contribuito finanziariamente.

La prima escape room bleniese

Tra i vari appuntamenti collaterali organizzati dall’associazione e dal museo c’è anche la prima escape room in Valle di Blenio (sempre in tema medievale) che sarà inaugurata il 18 giugno. I giocatori saranno rinchiusi all’interno delle prigioni del Palazzo dei Landfogti e dovranno cercare di evadere risolvendo enigmi e misteri. Ci saranno due versioni: una per adulti (durata circa un’ora) e una più facile per bambini (45 minuti). Altri eventi (conferenze, degustazioni, proiezioni, gite) saranno proposte fino al mese di ottobre tra Bellinzona e la Valle di Blenio.

Da Corzoneso alle cucine vaticane

Maestro Martino iniziò la sua carriera di cuoco come rettore all’ospizio (oggi scomparso) della chiesetta di San Martino Viduale, in località di Monastero di Corzoneso, oggi quartiere di Acquarossa. A metà del Quattrocento si trasferisce nel Nord Italia, diventando cuoco della duchessa Bianca Maria Visconti, moglie di Francesco Sforza, primo duca di Milano. Lavorerà in seguito a Roma nelle cucine vaticane, come cuoco personale del Patriarca di Aquileia. È in questo periodo che scrive il ‘Libro De Arte Coquinaria’. Cucinò per diversi alti prelati e li seguì nei loro viaggi, toccando numerose località dell’Italia meridionale che gli permisero di entrare in contatto con nuovi cibi e tecniche provenienti dalla tradizione catalana, araba e orientale. Fu il primo a utilizzare termini come stemperare, battere, sminuzzare: operazioni ai tempi non contemplate. Fu lui a introdurre una gestione precisa e ordinata ai fornelli. Si distinse per il gusto originale delle materie prime, privilegiando gli ortaggi (in particolare fave, ceci, piselli, zucche, cavoli, finocchi, melanzane, cipolla, prezzemolo, sedano, carote) ed evitando l’abuso di spezie. Fino ad allora considerata cibo per la plebe, portò la verdura sulle tavole dei nobili.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona blenio maestro maestro martino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved