ammirare-il-soffitto-della-cervia-con-la-realta-virtuale
Scena dal ‘mondo alla rovescia’: ‘Il bue aggioga l’uomo’ (Ufficio dei beni culturali)
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
16 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
17 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
22 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
23 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
1 gior

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
1 gior

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
1 gior

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
1 gior

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
19.11.2021 - 15:15
Aggiornamento : 15:31

Ammirare il soffitto della Cervia con la realtà virtuale

La mostra multimediale, visitabile fino al 27 febbraio nella sala dell’Arsenale di Castelgrande di Bellinzona, permette di osservare dipinti d’epoca

Immergersi completamente in una sala di un palazzo risalente al Rinascimento, ammirando sul soffitto 280 dipinti dell’epoca, grazie alla realtà virtuale. Si tratta di una delle possibilità offerte dalla mostra multimediale ‘Il soffitto della Cervia di Bellinzona - Un tesoro del Rinascimento ricostruito’ visitabile da oggi, 19 novembre, fino al 27 febbraio 2022 nella sala dell’Arsenale di Castelgrande. La tecnologia della realtà virtuale e aumentata verosimilmente non sarà utilizzata esclusivamente per questa esposizione: l’intenzione della Città è infatti quella di applicarla in futuro nel comparto dei castelli di Bellinzona (ovvero la cosiddetta Fortezza), rendendo così maggiormente «intelligibile e comprensibile questo straordinario patrimonio culturale», ha rilevato giovedì sera durante la serata di inaugurazione della mostra il sindaco Mario Branda.

Fortunatamente ‘qualcuno ha salvato questo tesoro’

La tecnologia in questo caso consente ai visitatori di osservare qualcosa che in realtà non c’è più, una possibilità che fino a pochi anni fa era ancora impensabile. Infatti il palazzo della famiglia Ghiringhelli, con le 280 immagini a tempera raffigurate su fogli di carta incollati alle tavolette di legno del soffitto risalente al 1470-80, è stato demolito all’inizio degli anni Settanta, facendo posto all’attuale autosilo della Cervia. Fortunatamente «qualcuno ha salvato questo tesoro», ha sottolineato Branda, riferendosi all’allora capo dell’Ufficio dei monumenti storici Pierangelo Donati che si è impegnato per mettere al sicuro le opere. Ciò ha permesso da un lato di restaurare i dipinti (una parte sono esposti permanentemente nel museo di Castelgrande, mentre gli altri sono conservati nei depositi dell’Ufficio cantonale dei beni culturali) e dall’altro anche di studiarli, come ha fatto la storica dell’arte e curatrice della mostra Vera Segre. Confrontandolo con altri soffitti dipinti nello stessa epoca, stando alla studiosa, quello di Bellinzona «era veramente speciale». E questo «per vastità, per qualità e per interesse». Per Segre il grande merito di Donati è stato quello di averlo fatto smontare e di aver numerato le tavolette, «in modo che fosse ancora possibile immaginare com’era e ricostruirlo mentalmente e quindi virtualmente». Visitando l’esposizione o leggendo il libro scritto da Segre ‘Il soffitto della Cervia di Bellinzona’ sarà dunque possibile «capire come queste immagini fossero pensate per costruire e comunicare un discorso. O meglio: vari discorsi che si intrecciano tra loro. È quindi molto importante sapere in che ordine erano collocate in origine». I dipinti rappresentano ad esempio ritratti di personaggi storici e letterari della storia e della letteratura antica, biblica, greca e romana, ma anche medievale e rinascimentale. Presenti anche frasi tratte dal ‘Canzoniere’ di Petrarca e raffigurazioni di strumenti musicali, di animali coinvolti nella caccia, di mostri ibridi fantasiosi riconducibili alla mitologia antica o al repertorio favolistico. Vi sono poi immagini dedicate al ‘mondo alla rovescia’, che testimoniano anche un legame con la tradizione del Carnevale, probabilmente fin da allora molto viva a Bellinzona. Ovviamente sono poi anche rappresentati gli stemmi delle famiglie Ghiringhelli e Muggiasca: verosimilmente il soffitto fu costruito proprio nell’ambito di una celebrazione di un matrimonio tra le due famiglie.

Volare virtualmente verso i dipinti

Questa esposizione temporanea – promossa dalla Città di Bellinzona con il contributo del Cantone, dell’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino e dello sponsor privato Sintetica Sa di Mendrisio – permetterà dunque di ammirare virtualmente questa sala in tutta la sua interezza. E questo grazie allo sviluppatore di realtà aumentata Andrea Carraro che ha realizzato i contenuti multimediali: ovvero ha programmato «quella rete invisibile che sta dietro a una mostra del genere», per «rendere comprensibili i contenuti sia testuali sia visuali relativi al palazzo della Cervia». Carraro ha poi illustrato come si struttura l’esposizione: in una prima sala vi sono alcune riproduzioni delle tavolette con i dipinti e cenni storici sulla città di Bellinzona nella seconda metà del XV secolo. Nella seconda sala vi sono diversi televisori touch screen grazie ai quali è possibile visualizzare degli approfondimenti scritti di Vera Segre su un relativo dipinto oppure visualizzare le opere divise per temi. Si arriva poi nella terza sala, dove si potrà, grazie a un visore di realtà virtuale e aumentata, osservare in tre dimensioni tutta la sala della Cervia. Si potrà interagire con lo spazio virtuale in cui ci si trova semplicemente fissando determinate aree della sala o i diversi temi in cui sono suddivise le opere. In questo modo il visitatore volerà letteralmente verso i dipinti, trovandosi all’altezza del soffitto, con il vuoto sotto i piedi. Sembra insomma di essere veramente in questa sala, al punto che chi soffre di vertigini deve concedersi un attimo per abituarsi all’altezza.

L’esposizione è aperta fino al 27 febbraio 2022 tutti i giorni dalle 10.30 alle 16 (tranne il 25 dicembre, quando Museo e mostra saranno chiusi). Sul posto è inoltre possibile acquistare il libro ‘Il soffitto della Cervia a Bellinzona’ (Edizioni Casagrande). Gli interessati possono reperire maggiori informazioni chiamando lo 091 825 21 31, oppure visitando il sito www.fortezzabellinzona.ch o le pagine Facebook e Instagram @fortezzabellinzona.

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved