quella-bomba-che-spezzo-tre-giovani-vite
Cristina, Corrado e André
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
13 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
13 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
14 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
14 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
14 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
15 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
17 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
19 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
28.04.2021 - 08:060
Aggiornamento : 18:50

Quella bomba che spezzò tre giovani vite

Dieci anni fa l'attentato di Marrakech dove morirono 17 persone fra cui i ticinesi Cristina Caccia, Corrado Mondada e André da Silva Costa

Esattamente dieci anni fa, poco prima di mezzogiorno del 28 aprile 2011, un'esplosione all'interno del Café Argana situato nella piazza Jamaa el Fna di Marrakech uccise 17 persone e ne ferì altre 25. Inizialmente si pensava a un'accidentale esplosione di gas, ma ben presto si comprese che era ben altro, riconducibile al terrorismo. Fra le vittime tre giovani ticinesi che si trovavano in Marocco per trascorrere alcuni giorni di vacanza: Cristina Caccia di Cadenazzo, Corrado Mondada di Sementina, entrambi di 25 anni, e André da Silva Costa, 23 anni, di Cadenazzo. Un'altra giovane leventinese che era con loro in vacanza rimase gravemente ferita. A lei, al suo difficile percorso intrapreso per ritornare a una possibile normalità, è dedicato il film 'Atlas' girato dal regista ticinese Niccolò Castelli e presentato alle ultime Giornate di Soletta. Oggi li ricorda un intero cantone. “Noi correvamo intorno al mondo, sulle nuvole e nel vento”, si legge nel necrologio in memoria pubblicato dalle tre famiglie sui quotidiani. Il governo del Marocco successivamente accusò il gruppo al-Qaida, che dal 2002 aveva avviato una serie di operazioni nell'ambito della cosiddetta insurrezione islamica nel Maghreb. Pur avendo al-Qaeda sempre negato la responsabilità per l'esplosione, la giustizia marocchina al termine di un'inchiesta lampo aveva pronunciato, appena sei mesi dopo la strage, diverse condanne nei confronti degli organizzatori di quel sanguinoso attentato.

La Mano tesa per aiutare e dialogare

Quest'oggi una cerimonia di commemorazione alla presenza dell'ambasciatore elvetico Guillaume Scheurer si è tenuta sul luogo del dramma, dove più volte nel corso degli anni si sono incontrati i familiari delle molte vittime. Dopo la tragedia i municipi di Cadenazzo e Sementina, in rappresentanza delle due comunità profondamente colpite dalla scomparsa dei giovani, decisero insieme alle famiglie di creare la fondazione La mano tesa (www.lamanotesa.ch) che “perpetuasse il ricordo e lo spirito che animava i tre ragazzi e allo stesso tempo potesse costituire un punto di riferimento per le numerosissime persone che moralmente e materialmente hanno manifestato e continuano a manifestare grande solidarietà e partecipazione”. Scopo statutario della Fondazione, presieduta da Mario Branda che in qualità di avvocato rappresentò le famiglie ticinesi in occasione del processo, è quello di sostenere a livello finanziario, logistico e concreto le famiglie ticinesi che devono, per un grave infortunio o malattia, far ospedalizzare in una struttura sanitaria fuori Ticino un loro congiunto e che pertanto hanno una serie di necessità primarie; la Fondazione ha per scopo anche di assicurare un servizio di traduzione alle famiglie che lo necessitano. Inoltre promuove attività musicali, sportive e culturali, in particolare rivolte ai giovani intese a favorire la comprensione e il dialogo tra le persone.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved